Vai al contenuto

Nintendo dooomed: la storia si ripete

- - - - -

  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 234 risposte

#1
TangorFopper

TangorFopper
  • Colecovision-er

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 13647

(Non ho trovato un topic appropriato, se ne trovate uno adatto chiudete pure ed accorpate).

 

Leggete con attenzione queste parole prese da un articolo di CNNMoney (scritte da Geoff Keighley, quello di GTTV):

 

Some of Iwata's resolve to stay the course may come from the cautionary tale of Sega, the gamemaker that posed such a threat to Nintendo a decade ago. After a protracted period in third place in the console market behind Nintendo and Sony, Sega shut down its hardware division altogether in 2001 to focus solely on software. It has steadily lost market share ever since. Haunted by that specter, Iwata repeatedly vows he'll never give up the console business.

A joint venture or partnership may be Nintendo's only hope of reversing its decline. But all hinting aside, Iwata couldn't pull off a dramatic rescue without fundamentally shifting the company's values. Nintendo isn't likely to take any genuine risks that could jeopardize its existing business (it's still the world's second-largest game publisher) or dramatically deplete its reserves. So no matter what kind of partnership Nintendo forms, its main business will likely be videogames--still profitable, but shrinking in relation to competitors. A humbling fate, indeed, for a company that once conquered the world.

 

Vi sembrano attuali?

L'articolo e' del 1 Agosto 2003 (http://money.cnn.com...3/08/01/346319/).

 

Il riferimento deriva da una discussione su Neogaf (http://www.neogaf.co...ad.php?t=554564) che fa riferimento ad un nuovo articolo di CNNMoney (http://money.cnn.com...blem/index.html).

 

Comunque a forza di "dooomed" prima o poi ci si azzecca? ;)



#2
PythonCoffee

PythonCoffee
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 12527

(Non ho trovato un topic appropriato, se ne trovate uno adatto chiudete pure ed accorpate).

 

Leggete con attenzione queste parole prese da un articolo di CNNMoney (scritte da Geoff Keighley, quello di GTTV):

 

Some of Iwata's resolve to stay the course may come from the cautionary tale of Sega, the gamemaker that posed such a threat to Nintendo a decade ago. After a protracted period in third place in the console market behind Nintendo and Sony, Sega shut down its hardware division altogether in 2001 to focus solely on software. It has steadily lost market share ever since. Haunted by that specter, Iwata repeatedly vows he'll never give up the console business.

A joint venture or partnership may be Nintendo's only hope of reversing its decline. But all hinting aside, Iwata couldn't pull off a dramatic rescue without fundamentally shifting the company's values. Nintendo isn't likely to take any genuine risks that could jeopardize its existing business (it's still the world's second-largest game publisher) or dramatically deplete its reserves. So no matter what kind of partnership Nintendo forms, its main business will likely be videogames--still profitable, but shrinking in relation to competitors. A humbling fate, indeed, for a company that once conquered the world.

 

Vi sembrano attuali?

L'articolo e' del 1 Agosto 2003 (http://money.cnn.com...3/08/01/346319/).

 

Il riferimento deriva da una discussione su Neogaf (http://www.neogaf.co...ad.php?t=554564) che fa riferimento ad un nuovo articolo di CNNMoney (http://money.cnn.com...blem/index.html).

 

Comunque a forza di "dooomed" prima o poi ci si azzecca? ;)

 

 

l'avevo letto su gaf ieri.

 

la professionalità...



#3
Nuas82

Nuas82
  • ARMnuaS

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 72263

ma infatti la cosa deprimente della stampa anti-nintendo, è che semplicemente non è credibile.

le critiche son sempre le stesse, i difetti pure. ma i risultati sono epocalmente diversi. quindi, a forza di al lupo al lupo...

 

la cosa importante è che siano coscienti in N che le difficoltà del 2002-3 erano fittizzie (frutto solo di critiche apriositstiche) mentre oggi il Wii U di problemi ne ha realmente.



#4
S. Clegane

S. Clegane
  • Suffering

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 19386

Geoff!!!



#5
gabQ

gabQ
  • Normal Eye Fan

  • StellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 285

Ma nintendo stessa non disse, forse all'epoca a cavallo tra gc e wii, che con una base installata di 20milioni di home rientrava nei costi di produzione e che avrebbe sempre cercato di rimanere almeno in quella posizione per continuare a rimanere nel mercato home? 

 

Tanto allarmismo per nulla, imho.

 

Poi si dice che il Wii U abbia, problemi, ok, daccordo, ma seriamente pensate che con Fit, Party, Mario etc, non venderà come minimo a ritmo doppio rispetto all'attuale basandoci sulle trimestrali? Mi sembra abbastanza scontato che una console senza giochi non venda, basta vedere la situazione nel mercato Jap che è alquanto ridicola al momento. 


Modificata da gab1pi, 08 May 2013 - 10:48 AM.


#6
Nuas82

Nuas82
  • ARMnuaS

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 72263

Geoff!!!

 

 

ROTLF

 

ah, aggiungo un'altra cosa.

un altro aspetto imbarazzante delle critiche di questo stampo è che si critica l'approccio di Nintendo diverso dalla concorrenza, identificando nell'omologazione la chiave di successo.

quando è palese che sarebbe la chiave del fallimento, stile Dreamcast, sul serio. e che proprio nella diversificazione ESTREMA l'azienda ha trovato i suoi due più grandi successi (DS e Wii)

Quindi: no.



#7
Nuas82

Nuas82
  • ARMnuaS

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 72263

Ma nintendo stessa non disse, forse all'epoca a cavallo tra gc e wii, che con una base installata di 20milioni di home rientrava nei costi di produzione e che avrebbe sempre cercato di rimanere almeno in quella posizione per continuare a rimanere nel mercato home? 

 

Tanto allarmismo per nulla, imho.

 

Poi si dice che il Wii U abbia, proble, ok, daccordo, ma seriamente pensate che con Fit, Party, Mario etc, non venderà come minimo a ritmo doppio rispetto all'attuale basandoci sulle trimestrali? 

 

 

il progetto GC fu in passivo nelle casse di Nintendo in soli due semestri. ovviamente il numero di base installata da solo non è un elemento standar universale per capire se un progetto è redditizio o cmque non deficitario o meno.

deriva dal contesto dei costi di costruzione, distribuzione, promozione, cambio monetario ecc...il numero di HW minimo sufficiente per rientrare dei costi

e soprattutto per N la cosa importante è riuscire, su una base installata X, a far vendere i suoi giochi con un attach ratio molto alto Y, tale da generare ricavi dal progetto nel suo insieme

 

che venderà più di quanto fatto tra gen e mar una volta che usciranno dei giochi è ovvio, visto che non è uscito niente se non a metà marzo..



#8
Guest_HymneYe

Guest_HymneYe
  • Gruppo: Ospiti

[OT]

in siciliano dumata vuol dire accesa, potrei pronunciare ugualmente la fusione eng/ita doomata. Ogni volta che leggo nintendo doomed penso nintendo accesa :fg:

[/OT]



#9
gabQ

gabQ
  • Normal Eye Fan

  • StellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 285

Si grazie per la lezione di economia di cui non ho bisogno, ma non fai altro che confermare quanto detto da me, hanno piazzato 4milioni di console senza 1 gioco sul mercato, quanto le KA arriveranno (se affiancate da una campagna marketing degna di quel nome) la base installata salirà e se siamo onesti intellettualmente riuscirà a piazzare tranquillamente oltre i 40m di console nel suo ciclo di vita.

 

I giochi devono dare un dare un determinato profitto? Ovviamente, ma hai idea dei costi complessivi di prod, distr. etc di un VG? 50 milioni mediamente per una "grande produzione", alla Halo per intenderci. Ora prendiamo per esempio quanto venduto dai galaxy, smash, kart etc... dici che non rientrano nei costi e ci guadagnano almeno (lordo) mediamente 10 volte (kart 32 volte, per esempio) di più dell'investimento iniziale? Senza considerare che N non spenderà MAI una cifra del genere per un game.

 

Non si arriveranno ai numeri del predecessore? amen.

 

P.S: scusa se non uso tecnicismi ma preferisco essere capito anche da un bebè.



#10
Nuas82

Nuas82
  • ARMnuaS

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 72263

Si grazie per la lezione di economia di cui non ho bisogno, ma non fai altro che confermare quanto detto da me, hanno piazzato 4milioni di console senza 1 gioco sul mercato, quanto le KA arriveranno (se affiancate da una campagna marketing degna di quel nome) la base installata salirà e se siamo onesti intellettualmente riuscirà a piazzare tranquillamente oltre i 40m di console nel suo ciclo di vita.

 

I giochi devono dare un dare un determinato profitto? Ovviamente, ma hai idea dei costi complessivi di prod, distr. etc di un VG? 50 milioni mediamente per una "grande produzione", alla Halo per intenderci. Ora prendiamo per esempio quanto venduto dai galaxy, smash, kart etc... dici che non rientrano nei costi e ci guadagnano almeno (lordo) mediamente 10 volte (kart 32 volte, per esempio) di più dell'investimento iniziale? Senza considerare che N non spenderà MAI una cifra del genere per un game.

 

Non si arriveranno ai numeri del predecessore? amen.

 

P.S: scusa se non uso tecnicismi ma preferisco essere capito anche da un bebè.

 

 

ma infatti stavo confermando, e non ho dato lezioni. forse hai frainteso

 

;)



#11
vval

vval
  • Eye Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 9134

parlare di Nintendo dooomed (con 3 o, come su titolo) ora è sbagliato per il semplice fatto che è come se la console non fosse ancora uscita. Si potrà invece tornare sull'argomento quando usciranno le prime raffiche di giochi e campagne pubblicitarie. Quelle previste per mi pare fine agosto.

E poi, wiiU a parte, N domina da sempre sul mercato dei portatili.

 

e soprattutto per N la cosa importante è riuscire, su una base installata X, a far vendere i suoi giochi con un attach ratio molto alto Y, tale da generare ricavi dal progetto nel suo insieme

considerando che di Y fanno parte anche i giochi Nintendo, io penso ogni possessore di console Nintendo compri almeno 1/4 di tutti i giochi prodotti da Nintendo stessa previsti per quella console. Ragionata così, Nintendo avrebbe già prima dell'uscita di una qualunque console una stima sull'attach ratio minima, quindi, sempre considerando solo l'attach ratio (sempre che sappia realmente cosa voglia dire asd) mi pare proprio difficile Nintendo non riesca a risollevarsi.



#12
-Eklipse della Mancia-

-Eklipse della Mancia-
  • Every game has a story. Only one is a Legend...

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 39567

Per me Nintendo Doomed è un'idea ridicola che può maturare solo in chi si approccia alla materia (che non è così banale, e comprende aspetti di micro e macro-economia, politica aziendale, marketing, etc.) in maniera superficiale, tenendo conto più dei propri gusti, desideri, "sentimenti", che dei dati oggettivi.

 

Invece Wii U Doomed è un'ipotesi ad oggi tutt'altro che fantascientifica. Ad oggi prematura, ma non certo così impossibile dal concretizzarsi.



#13
El Mariachi

El Mariachi
  • Samurai o fantasma?

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 22929

Per me Nintendo Doomed è un'idea ridicola che può maturare solo in chi si approccia alla materia (che non è così banale, e comprende aspetti di micro e macro-economia, politica aziendale, marketing, etc.) in maniera superficiale, tenendo conto più dei propri gusti, desideri, "sentimenti", che dei dati oggettivi.

 

Invece Wii U Doomed è un'ipotesi ad oggi tutt'altro che fantascientifica. Ad oggi prematura, ma non certo così impossibile dal concretizzarsi.

 

Boh, è una console che deve ancora dare tutto e sul quale devono ancora provarle tutte...anche a livello di marketing. (price drop, ecc..)

 

Le possibilità, per come la vedo io, sono rimaste ferme a prima del lancio. 



#14
topy the sage

topy the sage
  • living in a bros city

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 11183
L'articolo aveva la seguente tesi: se Nintendo rimane col core business dei giochi, é destinata al fallimento.
Considerato che dal 2001 ad oggi ne é passata di acqua sotto ai ponti, mi pare che quella tesi fosse sbagliata.
Anzi, ad oggi sono proprio le aziende che si focalizzano sul loro core business che sono maggiormente in salute.
E oggi si critica di Nintendo il fatto che ha lanciato sul mercato una console senza giochi (errore fatto anche col 3DS).

Quello che abbiamo oggi é che Nintendo non solo non é "morta", ma ha avuto uno pseudo successo numerico con DS e Wii (due console tutt'altro che di stampo tradizionale), aumentando le vendite dei propri brand (se relazionate alle console precedenti), continua ad essere una delle poche aziende al mondo a non aver debiti verso le banche, é uno dei primi publisher a livello internazionale (se non il primo, se non sbaglio EA é passata seconda) ed é l'unica azienda che nonostante due anni consecutivi di perdita operativa ha creato nuovi posti di lavoro tramite assunzioni nei propri team e sta costruendo un nuovo edificio più ampio e più moderno dove trasferirsi (la cui realizzazione ha un certo peso sui bilanci).

Ora, più che Nintendo doomed, mi sembra che siano certi articoli ad aver toppato con tesi apocalittiche e idee di fusioni strampalate.

Tutto ciò non ha a che fare con la gestione di WiiU, fallimento attuale di carattere commerciale, analogamente al 3DS nei primi 8 mesi di vita.
Sono stati commessi errori, a prescindere dalla salute o meno dell'azienda.

#15
ROcK

ROcK
  • Mercante di carrelli della spesa

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 59109

anche io sono d'accordo con mariachi.

la console è come se non fosse mai stata lanciata.

prezzo sballato, no giochi nintendo, no spot in tv, no uso delle funzionalità del gamepad tranne per l'offtv ecc

 

l'incognita a questo punto è: nintendo saprà risolvere i problemi che ha palesato di avere e che hanno portato a questo non lancio?

se si....e quindi se riuscirà a sviluppare giochi innovativi ( che è possibile sviluppare...vedi nintengogs, tomodachi, brain training ecc....senza necessariamente avere periferiche sconvolgentemente innovative )....allora può trovare una chiave per far dischiudere il mercato.

se continuerà a dormire, a sviluppare poco, a metterci anni per cambiare marcia ecc...ovvero se continua come adesso è spacciata.

 

concordo infine con nuas. è nella differenza la chiave del successo di nintendo.

omologarsi non è cosa e lo stiamo vedendo oggi con questo supporto tp davvero deludente.

devono differenziarsi. il problema appunto è esserne capaci.

oggi ad omologarsi non se ne parla. per omologarsi hanno sbagliato TUTTO e quindi riprendersi in questa direzione è impossibile.

devono andare sulla strada della differenza.che però è altrettanto difficile e non scontata come riuscita.senza dubbio è una strada dove hanno dimostrato in passato discrete capacità in ogni caso.






Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Logo