Vai al contenuto

Cinema e videogiochi sempre più simili all'E3 2018: esiste ancora un confine?


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 7 risposte

#1
Cinematografo

Cinematografo
  • Eye Master

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Newser Ufficiale
  • Messaggi: : 33523
Cinema e videogiochi sempre più simili all'E3 2018: esiste ancora un confine?
Da Death Stranding a Transference passando per Beyond Good & Evil 2, il videogioco è ormai fortemente contaminato dal cinema e dai suoi protagonisti.
..
Leggi l'articolo completo: Cinema e videogiochi sempre più simili all'E3 2018: esiste ancora un confine?



#2
Wuikthepixel

Wuikthepixel
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 25
Esiste un confine e si chiama gameplay, cosa che fortunatamente molte case sanno cosa sia. Dare un taglio cinematografico ad un gioco ci sta ma se si accontona la parte ludica allora tutto perde di senso.

#3
Bahamut Zero

Bahamut Zero
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 756
Io invece penso che il cinema possa talvolta mettere da parte parte la sua componente originaria, cioè la narrazione, in favore di una concentrazione maggiore sulla pura estetica. Quindi anche il videogame può in parte accantonare il suo nucleo, il cosiddetto gameplay, per abbracciare un messaggio più visivo, artisticamente più raffinato, forse meno interattivo, ma comunque mantenendo la sua dignità di opera originale; che non a caso va sempre più accostandosi ai nomi delle persone che la concepiscono e meno a quelli delle software houses che la immettono sul mercato.

#4
16BIT

16BIT
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Everyeye.it User
  • Messaggi: : 998
Un fantastico martimonio

#5
Thomas J. Newton

Thomas J. Newton
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1829



Un fantastico martimonio

"MaRtimonio". Un'accoppiata da martirio?




#6
Andrea Cilano

Andrea Cilano
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1535
in sintesi, hanno la stessa base che è quella di regalare un illusione e hanno avuto le stesse modalità di crescita, ma gli obbiettivi rimangono separati e lo saranno per sempre. Il "cinema" si approccia agli "spettatori" e mira a raccontare al meglio una storia con tutte le varianti di genere possibili, il videogioco si pone verso il giocatore per renderlo protagonista di un'esperienza attiva, con tutti i limiti che tale esperienza può avere

#7
Rei978

Rei978
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Everyeye.it Pro
  • Messaggi: : 1578

Esiste un confine e si chiama gameplay, cosa che fortunatamente molte case sanno cosa sia. Dare un taglio cinematografico ad un gioco ci sta ma se si accontona la parte ludica allora tutto perde di senso.

Concordo, se a un videogioco togli il gioco (e un certo livello di sfida) diventa qualcos'altro.

Modificata da Rei978, 13 June 2018 - 05:37 PM.


#8
16BIT

16BIT
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Everyeye.it User
  • Messaggi: : 998

"MaRtimonio". Un'accoppiata da martirio?


Hahahahahahaa oooops
no no volevo dire MATRIMONIO :smile-12:




Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Logo