Vai al contenuto

I segreti di Wind River - 29 Marzo 2018Jeremy Renner,Elizabeth Olsen e tanta neve


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 9 risposte

#1
LambertoKevlar

LambertoKevlar
  • EyeFicionados Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 41795

Con mostruoso ritardo rispetto all'uscita nel resto del mondo (4 Agosto 2017) esce finalmente da noi uno dei thriller più acclamati degli ultimi anni

 

windriver.jpg

 

 

io personalmente non vedo l'ora,avevo perso praticamente le speranze tanto che oramai stavo per comprarmi il bluray inglese.Un ritardo assurdo



#2
fabiopazzo2

fabiopazzo2
  • Eye Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 9738
Andrò a vederlo sicuramente al cinema

#3
Gabriele.

Gabriele.
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 150
Ne ho sentito dire un gran bene, lo aspettavo anch'io. Come mai un ritardo del genere?

#4
LambertoKevlar

LambertoKevlar
  • EyeFicionados Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 41795

guarda,non saprei proprio dire il perchè...è disponibile da mesi in bluray praticamente ovunque e l'unico motivo per cui ho resistito è che un film del genere me lo voglio vedere al cinema



#5
blank17h

blank17h
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 899

L'avevo addochiato qualche mese fa ma poi mi sono completamente scordato della sua esistenza.

 

Spero di riuscire a vederlo al cinema, adoro questo genere di film.


Modificata da blank17h, 15 February 2018 - 02:24 PM.


#6
Blacknocturno

Blacknocturno
  • One Eye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 2516
E' uno spinoff degli Avengers? :gad2:
Lo vedro sicuramente..

#7
Frank_West

Frank_West
  • One Eye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 2740

Copio/incollo il mio intervento da un altro topic:

 

Dopo aver firmato due sceneggiature di gran successo (Sicario e Hell or High Water), per la prima volta Sheridan non solo scrive, ma dirige anche.
Il ragazzo (si fa per dire) l'appoggia piano, regalando uno dei migliori film del 2017, e non solo.
L'impianto narrativo potrebbe sembrare il classico "giallo" tra le nevi, come I Fiumi di Porpora o il più recente L'Uomo di Neve, ma il mistero non è assolutamente al centro di tutto.
Il film diventa presto un western di frontiera 2.0, in cui giganteggia il personaggio di Renner, novello pistolero solitario, mentre la Olsen ricopre il ruolo di un agente FBI un poco naive, simile per certi versi alla Kate di Sicario.
Tutti gli attori (e ribadisco i miei complimenti a Renner, il cui doppiatore italiano non gli rende assolutamente giustizia) sono dannatamente convincenti.
Fotografia e regia...chevvelodicaffare: l'ambientazione certo aiuta, ma ciò non sminuisce l'ottimo lavoro di Sheridan e Richardson, che celebrano un mondo decadente, al confine con l'algido nord, che sembra quasi alieno e dove le persone si perdono, in tutti i sensi.
Ma il vero miracolo è la sceneggiatura; un perfetto meccanismo che regala con nonchalance dialoghi memorabili, che hanno sempre qualcosa da lasciare, e sopratutto MAI fini a se stessi (vedasi il dialogo iniziale, che torna poi circolarmente nel finale).
Se la prima parte della pellicola è più contemplativa, più improntata a farci sentire sulla pelle i personaggi, nella seconda la tensione raggiunge l'apice ed esplode in uno dei segmenti finali più emozionanti e catartici degli ultimi anni.
Per non parlare di un "trucco" di montaggio, proprio appena prima dell'atto finale, che è una roba da applausi e standing ovation.
Potevano le musiche essere da meno di cotanta roba?
Ovviamente no, ed ecco allora Nick Cave e Warren Ellis (mica pizze e fichi), con una OST d'atmosfera coi controcosi (parliamone ca**o), e che usa in maniera azzeccatissima anche parti recitate, creando un peculiare effetto di straniamento e irrealtà difficile da spiegare.
 
Se non si fosse capito ho amato questo film alla follia.
Andate a vederlo, io ci andrò...più di una volta.


#8
Alberto97

Alberto97
  • Addio Chester.. :(

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Collaboratore Forumeye
  • Messaggi: : 20837


Copio/incollo il mio intervento da un altro topic:
 
Dopo aver firmato due sceneggiature di gran successo (Sicario e Hell or High Water), per la prima volta Sheridan non solo scrive, ma dirige anche.
Il ragazzo (si fa per dire) l'appoggia piano, regalando uno dei migliori film del 2017, e non solo.
L'impianto narrativo potrebbe sembrare il classico "giallo" tra le nevi, come I Fiumi di Porpora o il più recente L'Uomo di Neve, ma il mistero non è assolutamente al centro di tutto.
Il film diventa presto un western di frontiera 2.0, in cui giganteggia il personaggio di Renner, novello pistolero solitario, mentre la Olsen ricopre il ruolo di un agente FBI un poco naive, simile per certi versi alla Kate di Sicario.
Tutti gli attori (e ribadisco i miei complimenti a Renner, il cui doppiatore italiano non gli rende assolutamente giustizia) sono dannatamente convincenti.
Fotografia e regia...chevvelodicaffare: l'ambientazione certo aiuta, ma ciò non sminuisce l'ottimo lavoro di Sheridan e Richardson, che celebrano un mondo decadente, al confine con l'algido nord, che sembra quasi alieno e dove le persone si perdono, in tutti i sensi.
Ma il vero miracolo è la sceneggiatura; un perfetto meccanismo che regala con nonchalance dialoghi memorabili, che hanno sempre qualcosa da lasciare, e sopratutto MAI fini a se stessi (vedasi il dialogo iniziale, che torna poi circolarmente nel finale).
Se la prima parte della pellicola è più contemplativa, più improntata a farci sentire sulla pelle i personaggi, nella seconda la tensione raggiunge l'apice ed esplode in uno dei segmenti finali più emozionanti e catartici degli ultimi anni.
Per non parlare di un "trucco" di montaggio, proprio appena prima dell'atto finale, che è una roba da applausi e standing ovation.
Potevano le musiche essere da meno di cotanta roba?
Ovviamente no, ed ecco allora Nick Cave e Warren Ellis (mica pizze e fichi), con una OST d'atmosfera coi controcosi (parliamone ca**o), e che usa in maniera azzeccatissima anche parti recitate, creando un peculiare effetto di straniamento e irrealtà difficile da spiegare.
 
Se non si fosse capito ho amato questo film alla follia.
Andate a vederlo, io ci andrò...più di una volta.


Concordo pienamente. Un gran film che finalmente arriva anche da noi.

#9
Vagabond

Vagabond
  • Let's all watch as the world goes to the devil

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 20702

 

Copio/incollo il mio intervento da un altro topic:

 

Dopo aver firmato due sceneggiature di gran successo (Sicario e Hell or High Water), per la prima volta Sheridan non solo scrive, ma dirige anche.
Il ragazzo (si fa per dire) l'appoggia piano, regalando uno dei migliori film del 2017, e non solo.
L'impianto narrativo potrebbe sembrare il classico "giallo" tra le nevi, come I Fiumi di Porpora o il più recente L'Uomo di Neve, ma il mistero non è assolutamente al centro di tutto.
Il film diventa presto un western di frontiera 2.0, in cui giganteggia il personaggio di Renner, novello pistolero solitario, mentre la Olsen ricopre il ruolo di un agente FBI un poco naive, simile per certi versi alla Kate di Sicario.
Tutti gli attori (e ribadisco i miei complimenti a Renner, il cui doppiatore italiano non gli rende assolutamente giustizia) sono dannatamente convincenti.
Fotografia e regia...chevvelodicaffare: l'ambientazione certo aiuta, ma ciò non sminuisce l'ottimo lavoro di Sheridan e Richardson, che celebrano un mondo decadente, al confine con l'algido nord, che sembra quasi alieno e dove le persone si perdono, in tutti i sensi.
Ma il vero miracolo è la sceneggiatura; un perfetto meccanismo che regala con nonchalance dialoghi memorabili, che hanno sempre qualcosa da lasciare, e sopratutto MAI fini a se stessi (vedasi il dialogo iniziale, che torna poi circolarmente nel finale).
Se la prima parte della pellicola è più contemplativa, più improntata a farci sentire sulla pelle i personaggi, nella seconda la tensione raggiunge l'apice ed esplode in uno dei segmenti finali più emozionanti e catartici degli ultimi anni.
Per non parlare di un "trucco" di montaggio, proprio appena prima dell'atto finale, che è una roba da applausi e standing ovation.
Potevano le musiche essere da meno di cotanta roba?
Ovviamente no, ed ecco allora Nick Cave e Warren Ellis (mica pizze e fichi), con una OST d'atmosfera coi controcosi (parliamone ca**o), e che usa in maniera azzeccatissima anche parti recitate, creando un peculiare effetto di straniamento e irrealtà difficile da spiegare.
 
Se non si fosse capito ho amato questo film alla follia.
Andate a vederlo, io ci andrò...più di una volta.

 

 

 

se non sbaglio è il commento che avevi postato ne "l'ultimo film visto"... ricordo che mi aveva colpito e avevo messo il film in lista, contento che arrivi in sala



#10
sauron82

sauron82
  • Vola vola volaaaaa topo uccello!!!!

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 18162

Con mostruoso ritardo rispetto all'uscita nel resto del mondo (4 Agosto 2017) esce finalmente da noi uno dei thriller più acclamati degli ultimi anni
 
windriver.jpg
 
https://www.youtube....h?v=PQFwAXEhxiQ
 
io personalmente non vedo l'ora,avevo perso praticamente le speranze tanto che oramai stavo per comprarmi il bluray inglese.Un ritardo assurdo

Meglio tardi che mai come successo con Dredd.




Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Logo