Vai al contenuto

Le Tesla in coda per oltre due ore per le colonnine Supercharger


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 8 risposte

#1
AutoMotor

AutoMotor
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Newser Everyeye.it
  • Messaggi: : 1978
Anche durante questa festa del ringraziamento si sono registrate code lunghe ore per ricaricare le auto Tesla nelle stazioni Supercharger.
Leggi la news completa


#2
A_R_M_A_

A_R_M_A_
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 104
questo il vero problema.. Mancano le infrastrutture. Voglio vedere se il mercato cresce troppo in fretta in quella direzione, dove le trovano le colonnine, l'elettricità,ecc..

#3
Giovanni Santucci

Giovanni Santucci
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 5
Da noi si dice che i polipi si cuociono con l'acqua loro. Il problema non è solo aumentare le colonnine ma di infrastrutture. Per ricaricare le circa 50 auto (80 kw cada uno ) in un ora ci vogliono 4000 kw. Da profano e ditemi se sbaglio 4000 kw è la fornitura di elettricità di una cittadina di 25.000 abitanti. Una stazione tradizionale di un paesello con un solo erogatore fa fronte ampiamente all'alimentazione delle auto del video.

#4
Ivan Morardo

Ivan Morardo
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 2
Un articolo pieno di disinformazione, scritto da una persona che non ha nessuna esperienza con le auto elettriche e tantomeno con le Tesla! Io vivo in Olanda, dove per numero di auto elettriche disco solo servizio alla Norvegia e, come molti qui, possiedo una Tesla. Innanzi tutto non ci sono solo colonnine Supercharger per le tesla ma anche i paletti per strada, nei parcheggi, hotel e a casa. Pure in ufficio. Quindi il problema di ricaricare non esiste assolutamente. Anzi lo trovo ancora più comodo siccome se la metti in carica la notte, la mattina hai pieno carico. Quindi ignorare questo articolo falso e tendenzioso

#5
Ivan Morardo

Ivan Morardo
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 2

questo il vero problema.. Mancano le infrastrutture. Voglio vedere se il mercato cresce troppo in fretta in quella direzione, dove le trovano le colonnine, l'elettricità,ecc..

Leggi il mio commento sotto e capirai che la tua paura é infondata

#6
A_R_M_A_

A_R_M_A_
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 104

Leggi il mio commento sotto e capirai che la tua paura é infondata

Ok. Ma tu vivi in Olanda... Qui in Italia la vedo dura.. :D

#7
Chris79ita

Chris79ita
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Everyeye.it User
  • Messaggi: : 16
Pensare che dopo l'ordine, nell'attesa della consegna (primo di luglio) sono stato un mese ad andare al supercharge (di Arezzo dove abito) a provare a vederne qualcuna e far due chiacchiere con i proprietari... Credo di averne trovate 4 o 5 e tutte straniere (ed una sola model 3)
Credo che tale problema si verifichi in primis in America, secundis in svincoli/superhcrage nei pressi di località turistiche particolarmente soggette ad afflusso turistico in determinati giorni e nei pressi di delle nostre corrispettivi autostrade perché come detto, basta una mezza nottata a carica nella propria abitazione per avere 400 km di autonomia

#8
Dech

Dech
  • Settimanalmente, ovvero, suino

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 8759

Un articolo pieno di disinformazione, scritto da una persona che non ha nessuna esperienza con le auto elettriche e tantomeno con le Tesla! Io vivo in Olanda, dove per numero di auto elettriche disco solo servizio alla Norvegia e, come molti qui, possiedo una Tesla. Innanzi tutto non ci sono solo colonnine Supercharger per le tesla ma anche i paletti per strada, nei parcheggi, hotel e a casa. Pure in ufficio. Quindi il problema di ricaricare non esiste assolutamente. Anzi lo trovo ancora più comodo siccome se la metti in carica la notte, la mattina hai pieno carico. Quindi ignorare questo articolo falso e tendenzioso

C'é una piccola precisazione da fare.
I Paesi Bassi, posto che adoro e in cui tornerei a vivere oggi stesso se ne avessi la possibilità, hanno una dimensione paragonabile a Lombardia+Piemonte e sono circondati da zone fortemente sviluppate. Nel 90% dei viaggi ipotizzabili in quell'area é possibile viaggiare con la sola carica presente nel veicolo e fare rifornimento a destinazione o tornati a casa. Ricordo ad Eindhoven nel gennaio 2018 che le EV erano già una percentuale rilevante del circolante (molte meno bici rispetto al 2009, nota di demerito)
Negli stati uniti la cosa cambia un tantino, là é la norma farsi oltre 1000 km di viaggio in macchina e in certe aree poco popolate la mappatura di colonnine e prese elettriche é scarsa ed in questo caso potrebbe essere l'unica in 50-100km.

Il paragone con l'italia non provo nemmeno a farlo, immagino già i duelli all'arma bianca negli esodi estivi.



#9
Giovanni Santucci

Giovanni Santucci
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 5
Che ci siano limitazioni nell'utilizzo di questa tecnologia è chiaro a tutti. Nello stesso tempo comprendo chi prova piacere nel soffrire (Masochisti) ma nello stesso tempo sottolineo che non a tutti piace godere del dolore inflittogli.
P.S. Complimenti per l'articolo che va finalmente oltre lo scatto 0-100 e mette in evidenza le problematiche che possono nascere dall'uso di queste auto.
Rispondetemi a questa semplice domanda : torno a casa (batterie scariche) e mia moglie si sente male e deve essere ricoverata d'urgenza. Che faccio collego l'auto alla presa di corrente e si mi va bene dopo 10 ore (se ho una fornitura da 10 Kw ) parto.





Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Logo