Vai al contenuto

musicisti che hanno raggiunto uno stato d'arte sublime


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 4 risposte

#1
Fox Hound

Fox Hound
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 17154

secondo me i daftpunk (perché sono dei robot). secondo voi chi?



#2
autechre

autechre
  • Anabbagliante

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Collaboratore Forumeye
  • Messaggi: : 23392

Anche secondo me.

 

--)



#3
Akumasama

Akumasama
  • Disarmonica la luce

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 75246

secondo me i daftpunk (perché sono dei robot). secondo voi chi?

Come primo passo direi che devi definire cos aintendi con "stato d'arte sublime".
Spiega cosa intendi e magari si intavola una discussione interessante --)

#4
Fox Hound

Fox Hound
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 17154

Come primo passo direi che devi definire cos aintendi con "stato d'arte sublime".
Spiega cosa intendi e magari si intavola una discussione interessante --)

 

sostanzialmente ascoltando i daft punk ho riflettuto su quanto fosse figo il fatto che ascoltando i nuovi brani, vedendo le collaborazioni, i video e tutto, si potesse scorgere letteralmente un'evoluzione ed un perfezionismo incredibile. con picchi di bellezza, sperimentazione, innovazione anche dopo tanti anni. di come riescano a tenere presente del passato, della voglia di nuovo, di quanto la loro consapevolezza sia spaziale e enorme e riesca a legare le loro note con elementi stupefacenti, quasi come dei computer che riescano a tenere conto di tutti i dati in memoria, utilizzandoli tutti senza perdere di vista l'obiettività delle cose. quasi cioè come se riuscissero a intessere nuovi mosaici ogni volta non dimenticando nessuno dei pezzi utilizzati in passato, e senza temere nulla sull'usarne di nuovi e totalmente innovativi. mi chiedevo quanti altri musicisti avessero avuto la fortuna di essere così longeve nell'estro creativo, nel continuare a crescere. alcune band per esempio è stata una fortuna si siano sciolte prima che scadessero. se ne conoscete alcune mi piacerebbe poteste condividere qualcosa in questo topic.


Modificata da Fox Hound, 25 October 2017 - 09:51 PM.


#5
autechre

autechre
  • Anabbagliante

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Collaboratore Forumeye
  • Messaggi: : 23392

Da tenere in considerazione anche il numero di album realizzati nell'arco di una carriera (toglierei i singoli che rappresentano una fonte di rischio limitato).

In quest'ottica i Daft Punk hanno realizzato meno album di altri artisti, riducendo notevolmente il rischio di deriva artistica.

 

Gli Ulver sono un buon esempio di sublimazione. Ma ultimamente percepisco della stagnazione in loro.

 

In tanti hanno raggiunte vette altissime e e poi sono caduti in un burrone.

Il limite massimo di album perfetti in sequenza potrebbe essere da 5 a 7. A conti fatti nemmeno i Pink Floyd, Queen, Rolling stones, Beatles, Jazzisti vari hanno potuto superarlo. Ma la carriera di questi è ultracentenaria. 

 

Di questo passo, per quanto riguarda i Daft Punk, bisognerà fare i conti tra una ventina d'anni. :goodboy:

 

Per riassumere dico che la sublimazione è inversamente proporzionale alla longevità della carriera artistica.

 

Ecco: Jeff Buckley, Hendrix hanno sublimato alla grande.

 

In generale dobbiamo creare delle macchine del tempo per fare sparire dalla circolazione migliaia di validi musicisti prima che vengano realizzate oscenità.






Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi