Vai al contenuto

Tutti contro le auto Plug-in Hybrid: sono davvero delle false elettriche?


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 7 risposte

#1
AutoMotor

AutoMotor
  • Eye Bastard

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Newser Everyeye.it
  • Messaggi: : 5239
Tutti contro le auto Plug-in Hybrid: sono davvero delle false elettriche?
Un cantone svizzero e il Regno Unito hanno intrapreso una battaglia contro le auto Plug-in Hybrid, considerate delle "false elettriche".
..
Leggi l'articolo completo: Tutti contro le auto Plug-in Hybrid: sono davvero delle false elettriche?



#2
elvandar

elvandar
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 4
Bè, vorrei parlare con chi ha fatto questi test. Possiedo una ibrida plugin da un anno esatto e non potrei essere più felice (una Renault Captur e-tech).
Innanzitutto dovrebbero spiegare come sia possibile che un'auto, anche se ibrida, in modalità puramente elettrica riesca a produrre CO2. O considerano la CO2 prodotta per ricaricarla (ma allora dovrebbero specificare la sorgente dell'elettricità, perchè se rinnovabile sarebbe comunque pari a zero), o già questo dato è viziato.
Poi, mi parlano di "mondo reale". Riporto il mio mondo reale di questo anno di utilizzo: la mia auto fa 55 km con la batteria completamente carica, scendono a circa 40 d'inverno visto il freddo e il riscaldamento acceso. Come dice l'articolo si ricarica in discesa, ma io abito in pianura quindi non lo considero. Però ha la frenata rigenerativa: una volta imparata ad usarla, io uso il pedale del freno quasi esclusivamente solo per arrestare l'auto. E intanto ricarica la batteria. E non consumando ferodi dei freni, emetto anche meno PM10. La frenata rigenerativa mi aumenta l'autonomia: il risultato è che in settimana, nel tragitto casa-lavoro classico (20 km circa a/r), più qualche commissione, la ricarico ogni due giorni senza MAI accendere il motore a benzina. Per mia fortuna la posso ricaricare a casa, in box.
Il risultato? La prima volta che ho dovuto fare benzina al distributore è stato dopo TRE mesi dall'acquisto, avevo certo consumato un po' di benzina in questo tempo, ma sono stato "obbligato" a far benzina per una procedura (di sicurezza?) dell'auto: se la benzina è più vecchia di tre mesi, la reputa vecchia e soggetta a problemi che potrebbero comportare danni al motore, per cui accende forzatamente il motore termico per farti consumare benzina, chiedendo di fare un rifornimento di almeno 10 litri. Escludendo le ferie, in un anno di utilizzo e circa 10 mila km fatti, ho fatto 5 pieni di benzina e basta. Il resto ho usato solo puramente elettricità.
Ho un contakw e ho fatto un calcolo su circa 3 mesi e mezzo di utilizzo: con un numero di km comparabile, con la vecchia diesel che ho rottamato avrei speso circa 330 euro di gasolio, con la ibrida 60 euro di elettricità e qualche decina di euro per il rabbocco obbligato di benzina.
In ferie ho percorso circa 2300 km (1000 circa di autostrada, il resto urbane e extraurbane), non preoccupandomi di cercare colonnine per ricaricare, quindi posso dire di essere andato "esclusivamente" a benzina (non vero perchè come dice l'articolo, il motore termico ricarica anche la batteria, e l'auto appena può usa quella). Partito per le ferie col pieno, tornato con il pieno, ho fatto una media di 21,5 km/litro. Un benzina puro quando arriva a 14/15 è tanto, e non ho mai fatto una media così neanche con il vecchio diesel.
La scorsa estate sono andato in montagna: 130 km a/r da casa mia. Ho percorso a benzina gli ultimi 20 km prima di arrivare a destinazione all'andata perchè la batteria era esaurita. Scendendo dalla montagna, nel tragitto fino a valle sono sceso ai 50/60 km/h circa e la batteria si ricaricava, tanto da farmi tornare a casa senza riaccendere neanche una volta il motore a benzina.
Quindi io ora vorrei chiedere a questi signori come fanno a fare di tutta l'erba un fascio e dirmi che una batteria che ti permette di percorrere 50 km è come non avere niente. Come fa un motore elettrico ad emettere CO2. E soprattutto come fanno a dire che "il mondo reale" è il loro e non, ad esempio, il mio. Certo, se percorressi 100/200 km al giorno le cose sarebbero MOLTO diverse, ma ci sarebbe comunque risparmio di carburante. I 21 km/l che ho calcolato non li ho guardati dal cdb, ho fatto i conti guardando i litri rabboccati alle pompe di benzina e i km percorsi. Ah, e le "velocità basse": accelerando gradatamente la mia arriva fino ai 138 km/h in puro elettrico...certo, beve come una petroliera (ma è un problema comune a tutte le elettriche) ma non è che bisogna guidare come i vecchietti con il cappello ai 30 all'ora...io non mi sono MAI fatto scrupoli sulla velocità da tenere.
Solo una cosa gli concedo: la rilevazione sulle emissioni di CO2 falsate dai test in laboratorio al "mondo reale", ma è come il segreto di pulcinella. Sono anni che assistiamo ai vari "dieselgate", ai test prima col ciclo NEDC poi cambiato con il WLTP "per essere più reale"...cosa c'è di così strano nel fatto che una casa faccia i test per avantaggiarsi un po' e sembrare più brava? In ogni caso, ripeto, dipende dal caso. Analizzassero me, probabilmente emetterei ancora meno CO2 di quanto rilevato in laboratorio perchè per le mie necessità riesco a usarla quasi sempre puramente in elettrico...odio semplicemente lo sparare a zero per partito preso e con dati viziati. Avessero poi preso anche delle auto più piccole e non dei panzer che consumano già come dei jet di partenza...esempio, l'x5 benzina puro già emette 240 g di CO2 e pesa 2,1 tonnellate...quella elettrica arriva a 2,5 tonnellate!! E nel grafico "engine mode" mi pare che la CO2 sia uguale per l'ibrido...poi è logico che se il motore da trazione e ricarica la batteria consumi di più, dovrà girare a regimi più alti. Ma il conto finale non mente, la media km/l cosa dice?
La mia pesa una tonnellata in meno dell'x5 e il benzina puro emette 130 g di CO2...vogliamo fare i test? Allora siamo onesti e facciamoli con tutti i veicoli, non solo con quelli che ti permettono di gridare allo scandalo, che poi scandalo non è. Partendo dal presupposto che io abolirei qualsiasi SUV di questo mondo, parlano tanto di ambiente ma poi permettono di produrre robe da 2,5 tonnellate per portare a spasso 70/80 kg di persona...e intanto quell'EURO6 lì vale quanto il mio, anche se consuma e inquina il doppio.

#3
luuca

luuca
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 15057
infatti anche a me andrebbe bene una soluzione del genere.
lavoro a 4 km da casa ed a parte nei weekend e per le ferie faccio circa 20km al giorno, compresa eventuale spesa...

quando le norme mi costringeranno a cambiare la mia euro 5 farò un pensiero anche sulle ibride plugin

#4
the_game_over_show

the_game_over_show
  • Eye Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Everyeye.it Pro
  • Messaggi: : 11224

Bè, vorrei parlare con chi ha fatto questi test. Possiedo una ibrida plugin da un anno esatto e non potrei essere più felice (una Renault Captur e-tech).
Innanzitutto dovrebbero spiegare come sia possibile che un'auto, anche se ibrida, in modalità puramente elettrica riesca a produrre CO2. O considerano la CO2 prodotta per ricaricarla (ma allora dovrebbero specificare la sorgente dell'elettricità, perchè se rinnovabile sarebbe comunque pari a zero), o già questo dato è viziato.
Poi, mi parlano di "mondo reale". Riporto il mio mondo reale di questo anno di utilizzo: la mia auto fa 55 km con la batteria completamente carica, scendono a circa 40 d'inverno visto il freddo e il riscaldamento acceso. Come dice l'articolo si ricarica in discesa, ma io abito in pianura quindi non lo considero. Però ha la frenata rigenerativa: una volta imparata ad usarla, io uso il pedale del freno quasi esclusivamente solo per arrestare l'auto. E intanto ricarica la batteria. E non consumando ferodi dei freni, emetto anche meno PM10. La frenata rigenerativa mi aumenta l'autonomia: il risultato è che in settimana, nel tragitto casa-lavoro classico (20 km circa a/r), più qualche commissione, la ricarico ogni due giorni senza MAI accendere il motore a benzina. Per mia fortuna la posso ricaricare a casa, in box.
Il risultato? La prima volta che ho dovuto fare benzina al distributore è stato dopo TRE mesi dall'acquisto, avevo certo consumato un po' di benzina in questo tempo, ma sono stato "obbligato" a far benzina per una procedura (di sicurezza?) dell'auto: se la benzina è più vecchia di tre mesi, la reputa vecchia e soggetta a problemi che potrebbero comportare danni al motore, per cui accende forzatamente il motore termico per farti consumare benzina, chiedendo di fare un rifornimento di almeno 10 litri. Escludendo le ferie, in un anno di utilizzo e circa 10 mila km fatti, ho fatto 5 pieni di benzina e basta. Il resto ho usato solo puramente elettricità.
Ho un contakw e ho fatto un calcolo su circa 3 mesi e mezzo di utilizzo: con un numero di km comparabile, con la vecchia diesel che ho rottamato avrei speso circa 330 euro di gasolio, con la ibrida 60 euro di elettricità e qualche decina di euro per il rabbocco obbligato di benzina.
In ferie ho percorso circa 2300 km (1000 circa di autostrada, il resto urbane e extraurbane), non preoccupandomi di cercare colonnine per ricaricare, quindi posso dire di essere andato "esclusivamente" a benzina (non vero perchè come dice l'articolo, il motore termico ricarica anche la batteria, e l'auto appena può usa quella). Partito per le ferie col pieno, tornato con il pieno, ho fatto una media di 21,5 km/litro. Un benzina puro quando arriva a 14/15 è tanto, e non ho mai fatto una media così neanche con il vecchio diesel.
La scorsa estate sono andato in montagna: 130 km a/r da casa mia. Ho percorso a benzina gli ultimi 20 km prima di arrivare a destinazione all'andata perchè la batteria era esaurita. Scendendo dalla montagna, nel tragitto fino a valle sono sceso ai 50/60 km/h circa e la batteria si ricaricava, tanto da farmi tornare a casa senza riaccendere neanche una volta il motore a benzina.
Quindi io ora vorrei chiedere a questi signori come fanno a fare di tutta l'erba un fascio e dirmi che una batteria che ti permette di percorrere 50 km è come non avere niente. Come fa un motore elettrico ad emettere CO2. E soprattutto come fanno a dire che "il mondo reale" è il loro e non, ad esempio, il mio. Certo, se percorressi 100/200 km al giorno le cose sarebbero MOLTO diverse, ma ci sarebbe comunque risparmio di carburante. I 21 km/l che ho calcolato non li ho guardati dal cdb, ho fatto i conti guardando i litri rabboccati alle pompe di benzina e i km percorsi. Ah, e le "velocità basse": accelerando gradatamente la mia arriva fino ai 138 km/h in puro elettrico...certo, beve come una petroliera (ma è un problema comune a tutte le elettriche) ma non è che bisogna guidare come i vecchietti con il cappello ai 30 all'ora...io non mi sono MAI fatto scrupoli sulla velocità da tenere.
Solo una cosa gli concedo: la rilevazione sulle emissioni di CO2 falsate dai test in laboratorio al "mondo reale", ma è come il segreto di pulcinella. Sono anni che assistiamo ai vari "dieselgate", ai test prima col ciclo NEDC poi cambiato con il WLTP "per essere più reale"...cosa c'è di così strano nel fatto che una casa faccia i test per avantaggiarsi un po' e sembrare più brava? In ogni caso, ripeto, dipende dal caso. Analizzassero me, probabilmente emetterei ancora meno CO2 di quanto rilevato in laboratorio perchè per le mie necessità riesco a usarla quasi sempre puramente in elettrico...odio semplicemente lo sparare a zero per partito preso e con dati viziati. Avessero poi preso anche delle auto più piccole e non dei panzer che consumano già come dei jet di partenza...esempio, l'x5 benzina puro già emette 240 g di CO2 e pesa 2,1 tonnellate...quella elettrica arriva a 2,5 tonnellate!! E nel grafico "engine mode" mi pare che la CO2 sia uguale per l'ibrido...poi è logico che se il motore da trazione e ricarica la batteria consumi di più, dovrà girare a regimi più alti. Ma il conto finale non mente, la media km/l cosa dice?
La mia pesa una tonnellata in meno dell'x5 e il benzina puro emette 130 g di CO2...vogliamo fare i test? Allora siamo onesti e facciamoli con tutti i veicoli, non solo con quelli che ti permettono di gridare allo scandalo, che poi scandalo non è. Partendo dal presupposto che io abolirei qualsiasi SUV di questo mondo, parlano tanto di ambiente ma poi permettono di produrre robe da 2,5 tonnellate per portare a spasso 70/80 kg di persona...e intanto quell'EURO6 lì vale quanto il mio, anche se consuma e inquina il doppio.

grazie per questa spiegazione così forbita, è stata più appassionante di un romanzo per chi come me non ha mai guidato pur avendo la patente ma che pensa che l'unica macchina che vorrebbe guidare sia una elettrica. la tua prima elettrica? Dai tuoi dati vedo un buon risparmio senza contare la riduzione dell'inquinamento

Modificata da the_game_over_show, 15 January 2022 - 09:21 AM.


#5
elvandar

elvandar
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 4

grazie per questa spiegazione così forbita, è stata più appassionante di un romanzo per chi come me non ha mai guidato pur avendo la patente ma che pensa che l'unica macchina che vorrebbe guidare sia una elettrica. la tua prima elettrica? Dai tuoi dati vedo un buon risparmio senza contare la riduzione dell'inquinamento


Figurati :) So che alcune volte sono troppo prolisso, ma quando leggo certe cose mi viene davvero da pensare che siano test pilotati in qualche modo. La cosa più strana è proprio quella produzione di CO2 in modalità elettrica: non può essere, non esiste. E sulla modalità "termica + caricabatteria" emette più CO2 del normale io non voglio un dato secco: lì secondo me hanno attaccato la sonda alla marmitta e guardato le emissioni. No, fai un test su una percorrenza come la mia e poi leggi il risultato: istantaneamente produco più CO2, ma su 2000 km consumo meno (o equivalente) a un diesel, e sicuramente meno dello stesso motore a sola benzina. Non dico che sia fantastico per l'ambiente, ma è sicuramente un passo avanti, intanto che vengono infrastrutture per farci usare tutti una 100% elettrica un domani.

Prima avevo una piccola diesel euro 4 che in 13 anni non mi ha mai dato mezzo problema, mi è dispiaciuto rottamarla, ma abito in Piemonte e ormai ero un inquinatore seriale secondo chi ci governa. Poco importa che, appunto, con 10 mila km l'anno e un'auto piccola in definitiva consumo meno di uno di questi fantastici bmw x5 trattati nell'articolo, che sono euro6 ma emettono il quadruplo della CO2 della mia vecchia auto. Senza contare i rapporti ARPA Piemonte dove si vede chiaramente da dove arriva la maggior parte del PM10...e no, non sono le auto diesel. Ma tant'è...quindi, visti gli incentivi folli che c'erano a fine 2020 ho deciso di buttarmi: una 100% elettrica mi piacerebbe tanto, ma dove abito ci sono davvero poche poche colonnine e in posti scomodi. A casa non sono ancora riuscito a mettere i fotovoltaici e con l'impianto casalingo, se dovessi usarla parecchio, impiegherei troppo a ricaricarla. Una ibrida plugin mi sembrava un buon compromesso, e non me ne pento. Ho perso alcune cose che mi piacevano, un po' di "divertimento" se così vogliamo chiamarlo, (che so, quando hai voglia di tirare le marce), ma guidando in città il cambio automatico è una comodità senza eguali, e con l'elettrico che non emette suoni o vibrazioni viene davvero voglia di guidare più pacatamente e in pace con il mondo, senza togliere il fatto che mi basta un "tap" sul display per accendere anche il motore termico e godere appieno di quello che fa un'auto tradizionale. Ma sinceramente non ne sento l'esigenza. :)

#6
the_game_over_show

the_game_over_show
  • Eye Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Everyeye.it Pro
  • Messaggi: : 11224

Figurati :) So che alcune volte sono troppo prolisso, ma quando leggo certe cose mi viene davvero da pensare che siano test pilotati in qualche modo. La cosa più strana è proprio quella produzione di CO2 in modalità elettrica: non può essere, non esiste. E sulla modalità "termica + caricabatteria" emette più CO2 del normale io non voglio un dato secco: lì secondo me hanno attaccato la sonda alla marmitta e guardato le emissioni. No, fai un test su una percorrenza come la mia e poi leggi il risultato: istantaneamente produco più CO2, ma su 2000 km consumo meno (o equivalente) a un diesel, e sicuramente meno dello stesso motore a sola benzina. Non dico che sia fantastico per l'ambiente, ma è sicuramente un passo avanti, intanto che vengono infrastrutture per farci usare tutti una 100% elettrica un domani.

Prima avevo una piccola diesel euro 4 che in 13 anni non mi ha mai dato mezzo problema, mi è dispiaciuto rottamarla, ma abito in Piemonte e ormai ero un inquinatore seriale secondo chi ci governa. Poco importa che, appunto, con 10 mila km l'anno e un'auto piccola in definitiva consumo meno di uno di questi fantastici bmw x5 trattati nell'articolo, che sono euro6 ma emettono il quadruplo della CO2 della mia vecchia auto. Senza contare i rapporti ARPA Piemonte dove si vede chiaramente da dove arriva la maggior parte del PM10...e no, non sono le auto diesel. Ma tant'è...quindi, visti gli incentivi folli che c'erano a fine 2020 ho deciso di buttarmi: una 100% elettrica mi piacerebbe tanto, ma dove abito ci sono davvero poche poche colonnine e in posti scomodi. A casa non sono ancora riuscito a mettere i fotovoltaici e con l'impianto casalingo, se dovessi usarla parecchio, impiegherei troppo a ricaricarla. Una ibrida plugin mi sembrava un buon compromesso, e non me ne pento. Ho perso alcune cose che mi piacevano, un po' di "divertimento" se così vogliamo chiamarlo, (che so, quando hai voglia di tirare le marce), ma guidando in città il cambio automatico è una comodità senza eguali, e con l'elettrico che non emette suoni o vibrazioni viene davvero voglia di guidare più pacatamente e in pace con il mondo, senza togliere il fatto che mi basta un "tap" sul display per accendere anche il motore termico e godere appieno di quello che fa un'auto tradizionale. Ma sinceramente non ne sento l'esigenza. :)

che bello, mi stai facendo venire voglia di guidare (lontano dai grandi centri). Il problema delle elettriche è proprio la poca presenza di colonnine e il tempo di ricarica che è troppo altro se lo si confronta con un'auto tradizionale a benzina/diesel.

Prima di patentarmi mi ricordo che tanti adulti e patentati (tutti uomini) mi dicevano che il cambio automatico fosse per persone pigre e senza abilità manuale o per persone o con delle difficoltà motorie che non traggono piacere nel gestire la macchina. In un mio viaggio di lavoro in Scandinavia il mio capo (appassionato di motori) mi venne a prendere in aeroporto in macchina, guidava un auto con cambio automatico, mi spiegò che per la tipologia di macchina che aveva quel cambio era più in sintonia con la personalità del veicolo poiché lo scopo era "la comodità". Secondo lui un cambio manuale era più adatto per macchine sportive, questa descrizione fatta da un appassionato mi stupì.

#7
luuca

luuca
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 15057
dalla diatriba cambio manuale/automatico non si esce...

ognuno ha le sue preferenze.

io, abitando in montagna, preferisco il manuale, voglio decidere io che rapporto utilizzare in ogni frangente

certo se si viaggia principalmente in città o su vie a rapido scorrimento, l'automatico e' una pacchia

#8
elvandar

elvandar
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 4

dalla diatriba cambio manuale/automatico non si esce...

ognuno ha le sue preferenze.

io, abitando in montagna, preferisco il manuale, voglio decidere io che rapporto utilizzare in ogni frangente

certo se si viaggia principalmente in città o su vie a rapido scorrimento, l'automatico e' una pacchia


Sono d'accordo, non dico di essere cresciuto sulle strade di montagna ma quasi, mio padre in più da giovane faceva rally e da lui ho imparato molto su come guidare per strade di montagna e usare cambio, freno motore e tanto altro. E sì, con questa auto non è la stessa cosa su quelle strade, non c'è dubbio...ma ormai in montagna vado poco e la stragrande maggioranza delle strade che percorro sono urbane o extraurbane, perennemente imbottigliato nel traffico (abito a poche decine di km dalla val d'aosta, ma negli orari di punta abbiamo più traffico - e smog, rilevazioni ARPA - che a Torino), e la comodità del cambio automatico per me è inarrivabile.




Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Logo