Vai al contenuto

Sistema scolastico italianocosa cambiereste?


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 27 risposte

#1
Torment

Torment
  • VI: Hammerfell

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 8343

Cosa cambiereste?

 

Visione personalissima:

- test psicologico per insegnanti;

- filosofia di base a partire dalle elementari; logica ed educazione civica a partire dalle medie, magari in sostituzione a religione e ginnastica che sono una barzelletta in buona parte delle scuole;

- abolizione della bocciatura nella sua forma attuale. Capisco che sia l'unica misura contrastiva a disposizione della scuola per far fronte agli elementi 'deboli', ma un'istituzione simile non può impattare sulla vita dell'individuo a tal punto. Individuo che magari è un genio in erba, ma gli si va a rovinare la vita sulla base di criteri omologanti francamente assurdi; 

- massiccia revisione della scuola superiore, a cominciare dalla rivalutazione della figura dell'insegnante e dall'abbandono dei libri di testo in favore di un contatto con le opere. Materie scientifiche escluse, s'intende, che necessitano di un'impostazione meccanica. Ma uno non può appassionarsi a - chessò - Leopardi studiando su dei manualetti scritti col culo più che spesso che no. La percepirà sempre come una rottura, se non come una completa perdita di tempo, e giustamente. 


Modificata da Torment, 18 September 2018 - 01:00 AM.


#2
The Big Boss

The Big Boss
  • Lo direttore dello museo delLO cere delLO Regno

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 39750

come sopra ..



#3
Vagabond

Vagabond
  • Let's all watch as the world goes to the devil

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 21167

non so bene come sia la situazione attuale, quindi questi cambiamenti sono pensati in relazione a com'era la scuola quando l'ho frequentata io.

 

-Sostituzione dell'ora di religione in "storia delle religioni", magari tenuta proprio dall'insegnante di storia. O meglio ancora, aggiungere quell'ora al programma di storia, poi starà all'insegnante gestire le lezioni.

 

-Educazione fisica più mirata alla salute con esercizi adatti tutti, anziché le solite partitelle di pallavolo o basket (senza però escludere lezioni a riguardo come introduzione ai vari sport). Focus su ginnastiche posturali e in generale legate al benessere fisico.

 

-Reintroduzione della geografia, magari ampliata alla conoscenza di usi e costumi dei popoli del mondo.

 

-Incremento massiccio dell'inglese, uno studente deve uscire dal liceo padroneggiandolo come seconda lingua. In aggiunta inserirei l'ora di "lingue straniere", con un'infarinatura base di tutte le principali lingue parlate all'estero.

 

-Più importanza all'insegnamento di informatica/tecnologia e lezioni su come farne un uso responsabile.

 

-Almeno un'ora settimanale di discussione sull'attualità, analisi delle notizie e spiegazioni su ciò che accade nel mondo.

 

-Grammatica, grammatica, grammatica.

 

-Meno compiti a casa e più partecipazione attiva in classe. Obbligo di lettura di almeno un libro ogni mese, con annessa discussione in classe.

 

-Lezioni di storia ampliate a tutto il mondo e non alla sola civiltà occidentale. Insegnamento meno legato alla linea temporale e più basato sull'argomento trattato (non ha senso arrivare in quinta affrontando appena la seconda guerra mondiale ed avendo già dimenticato tutti i secoli precedenti studiati gli anni prima).

 

-Telecamere in classe per responsabilizzare studenti e professori, accessibili in diretta a presidi e genitori.

 

-Più approfondimento scientifico, in particolare su natura e fisica, o più in generale su tutto ciò che serve a dare una posizione e un ruolo dell'essere umano nel mondo e nell'universo (quindi evoluzione e astronomia in primis)


Modificata da Vagabond, 18 September 2018 - 06:47 AM.


#4
Merlo

Merlo
  • The Gufo is here!

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 20307

L'inglese viene insegnato malissimo, dovrebbero cambiare proprio il metodo di studio.

 

Al posto che la solita ora di ginnastica un ora a settimana di un arte marziale, come il wing chun ad esempio. 

 

Corsi di aggiornamento per gli insegnanti riguardo pc/tablet/telefoni 



#5
Itachi

Itachi
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 14120
La scuola italiana andrebbe buttata totalmente giù e rifatta da capo.

-assolutamente d'accordo con l'eliminazione dell'ora di religione che è semplicmente una barzelletta.
Come qualcuno ha già proposto meglio una "storia delle religioni" che ha decisamente più senso.

-totalmente d'accordo sul potenziamento massiccio dell'inglese,ormai senza non hai praticamente accesso a gran parte del lavoro/cultura/società del mondo, non si può far uscire un ragazzo di quasi 20 anni da scuola senza che lo comprenda perfettamente.

-COSA PIÙ IMPORTANTE introduzione di materie legate alla tecnologia.
Più passa il tempo è più aumenta il distacco tra l'avanzamenti tecnolgico dell'umanità e quello che un italiano sa sulla tecnolgia.
Essenzialmente si sta andando verso una realtà dove la gente vive in un mondo fondato sulla magia,cioè pieno di "poteri" misteriosi che nessuno tranne pochi eletti sanno controllare. L'Italia sembra uno di quegli scenari post-apocalittici in cui il mondo è stato distrutto secoli fa e i sopravvissuti usano le rimanenze delle nostre "tecnologie futuristiche".
La cosa sta diventando ridicola oltre alle ovvie ricadute economiche di una società che per forza di cose non riesce a stare al passo del resto del mondo.

-potenziamento MASSICCIO delle materie scientifiche.
Le persone devono avere una conoscenza basilare della realtà che le circonda e riuscire a proiettare le proprie azioni in maniera logica verso il mondo esterno.
Già solo questo eliminerebbe il 90% dei problemi del paese.

-Totale ripensamento del sistema di assunzioni dei professori che attualmente si basa su tutto tranne che sulla capacità di insegnare, il che è assurdo.

#6
Turk-182

Turk-182
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1451

Sono fuori dal mondo della scuola da molto tempo e ci interagisco unicamente per le mie attività di volontariato e per i mie nipoti.

Io personalmente vedrei bene:

 

- Inserimento di una materia come Educazione civica. Regole e buone norme servono sempre, bisogna insistere parecchio.

- Più geografia e più scienze in generale

- Inglese insegnato in maniera più pratica, staccandosi dalla "letteratura" e dando maggiore priorità al linguaggio

 

Ma soprattutto più educazione civica

Reinserirei anche l'obbligo di un tirocinio/servizio civile di sei mesi al compimento dei 18 anni da fare in parchi, servizi sociali e simili.



#7
Genocide

Genocide
  • Do You Even Pose?

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 112702

Cosa cambiereste?


- filosofia di base a partire dalle elementari; logica ed educazione civica a partire dalle medie, magari in sostituzione a religione e ginnastica che sono una barzelletta in buona parte delle scuole;

 

sì in effetti abbiamo bisogno di approfondire ed instradare ancora verso materie umanistiche. Alla fine di laureati in filosofia non ne è mai saturo il mercato del lavoro, per non parlare poi di lettere :sisi:

 

di pensatori non ce n'è mai abbastanza :sese:

 

 

- abolizione della bocciatura nella sua forma attuale. Capisco che sia l'unica misura contrastiva a disposizione della scuola per far fronte agli elementi 'deboli', ma un'istituzione simile non può impattare sulla vita dell'individuo a tal punto. Individuo che magari è un genio in erba, ma gli si va a rovinare la vita sulla base di criteri omologanti francamente assurdi;

 

e come la faresti?

 

ti assicuro che su 100 bocciati forse 1 è un genio, gli altri 99 semplicemente avevano cose che ritenevano più interessanti da fare piuttosto che studiare.

 

personalmente ritengo che il sistema dei recuperi che c'è oggi possa funzionare e funzioni in parte dove c'è modo di recuperare


Modificata da Genocide, 18 September 2018 - 09:12 AM.


#8
Haschel

Haschel
  • ARPIONE!!!

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 14643

la bocciatura è già stata praticamente abolita (tranne in qualche scuola più severa),  devono impegnarsi per farsi bocciare.

ritengo ridicolo anche il sistema dei recuperi estivi, se in 9 mesi non migliori significa che non stai facendo nulla (a meno di problemi personali seri)

e un anno di scuola in più non è un danno irreparabile

io eliminerei religione, e miglioramento di quelle di educazione fisica come detto da vaga

e assolutamente inserire ore di educazione civica insegnata da persone competenti


Modificata da Haschel, 18 September 2018 - 09:35 AM.


#9
Torment

Torment
  • VI: Hammerfell

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 8343

sì in effetti abbiamo bisogno di approfondire ed instradare ancora verso materie umanistiche. Alla fine di laureati in filosofia non ne è mai saturo il mercato del lavoro, per non parlare poi di lettere :sisi:
 
di pensatori non ce n'è mai abbastanza :sese:

Se la stragrande maggioranza delle persone considera l'insegnamento di queste materie "inutile" per il trattamento che gli viene riservato a scuola, sì, di pensatori non ce n'è mai abbastanza. Il senso di filosofia alle elementari non è fare lezioni su Platone o Hegel, ma potenziare il pensiero critico-logico, creativo, riflessivo ed etico dei bambini. Sia mai che ne esca qualche analfabeta funzionale in meno, ché una parte consistente dei neouniversitari (anche di lauree umanistiche) non sa scrivere un testo in lingua italiana.

 

Logica ed educazione civica, invece, credo siano proposte autoesplicative. :D

e come la faresti?
 
ti assicuro che su 100 bocciati forse 1 è un genio, gli altri 99 semplicemente avevano cose che ritenevano più interessanti da fare piuttosto che studiare.
 
personalmente ritengo che il sistema dei recuperi che c'è oggi possa funzionare e funzioni in parte dove c'è modo di recuperare

Favorevole al sistema dei recuperi (e a una sua estensione), contrario alla perdita di anni scolastici. Ho visto studenti delle superiori essere bocciati senza passare dal via per due o tre insufficienze, pur avendo ottimi voti in tutto il resto. In casi del genere la scuola dovrebbe essere messa nella condizione di fare quanti meno danni è possibile. "Se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi lui passerà tutta la sua vita a credersi stupido". 

 

edit: senza contare i casi di disparità di trattamento, come dice Sabaku. 


Modificata da Torment, 18 September 2018 - 10:08 AM.


#10
SabaKu

SabaKu
  • "It's the FNG, sir."

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 24975

Io abolirei il rapporto umano tra studenti, genitori e professori.

 

Lascio solo due aneddoti

 

- Alle medie una prof aveva preso in antipatia mia madre e di conseguenza non me ne faceva passare una in classe. La gente invidiosa purtroppo quando ha un minimo potere nel poter rovinare la vita a qualcuno non ci pensa due volte.

 

- Alle superiori avevo un prof di italiano che ogni tema mi dava sempre 4 o 5, per anni, senza motivi apparenti. Un giorno consegnai il tema senza nome. Presi 8. 

Stesso discorso di cui sopra, non si può permettere ad un professore, che è un essere umano e ha i propri sentimenti ed il proprio carattere, di decidere della vita di un alunno e di una famiglia, soprattutto quando questo viene fatto in cattiva fede.



#11
headshot182

headshot182
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1852

Per la gioia di molti qui XD ... video interessante di Byoblu.

Intervista a Umberto Galimberti che parla della situazione scolastica odierna. 

Ho trovato molte cose interessanti, non sono d'accordo su tutto. 

Però è d'accordo con molte cose che ho letto più sopra da voi, tra cui "perizia psichiatrica agli insegnanti". 

 

 



#12
Torment

Torment
  • VI: Hammerfell

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 8343

Galimberti è un sessantottino nostalgico delle scuole occupate h24 :asd:

Certo, alcuni punti del video sono incontestabili, ma la sua figura pubblica mi lascia molto perplesso. 


Modificata da Torment, 18 September 2018 - 10:36 AM.


#13
Basty

Basty
  • Regalo cinquine ai pił meritevoli

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 11357

Cosa cambiereste?

 

Visione personalissima:

- test psicologico per insegnanti;

- massiccia revisione della scuola superiore, a cominciare dalla rivalutazione della figura dell'insegnante e dall'abbandono dei libri di testo in favore di un contatto con le opere.

 

Quoto soprattutto le parti che ho riportato, l'ultima cosa è già presente da decenni nelle scuole dell'Europa del Nord e alcuni stati dell'Europa centrale. Da noi sarebbe un cambiamento drastico a cui nemmeno svariati insegnanti 30enni vorrebbero aderire, quest'epoca dovrà finire con un bel cambiamento prima che si inizi a pensare a queste cose.

 

-Sostituzione dell'ora di religione in "storia delle religioni", magari tenuta proprio dall'insegnante di storia. O meglio ancora, aggiungere quell'ora al programma di storia, poi starà all'insegnante gestire le lezioni.

 

-Educazione fisica più mirata alla salute con esercizi adatti tutti, anziché le solite partitelle di pallavolo o basket (senza però escludere lezioni a riguardo come introduzione ai vari sport). Focus su ginnastiche posturali e in generale legate al benessere fisico.

 

-Reintroduzione della geografia, magari ampliata alla conoscenza di usi e costumi dei popoli del mondo.

 

-Incremento massiccio dell'inglese, uno studente deve uscire dal liceo padroneggiandolo come seconda lingua. In aggiunta inserirei l'ora di "lingue straniere", con un'infarinatura base di tutte le principali lingue parlate all'estero.

 

-Più importanza all'insegnamento di informatica/tecnologia e lezioni su come farne un uso responsabile.

 

-Almeno un'ora settimanale di discussione sull'attualità, analisi delle notizie e spiegazioni su ciò che accade nel mondo.

 

-Grammatica, grammatica, grammatica.

 

-Meno compiti a casa e più partecipazione attiva in classe. Obbligo di lettura di almeno un libro ogni mese, con annessa discussione in classe.

 

-Lezioni di storia ampliate a tutto il mondo e non alla sola civiltà occidentale. Insegnamento meno legato alla linea temporale e più basato sull'argomento trattato (non ha senso arrivare in quinta affrontando appena la seconda guerra mondiale ed avendo già dimenticato tutti i secoli precedenti studiati gli anni prima).

 

-Telecamere in classe per responsabilizzare studenti e professori, accessibili in diretta a presidi e genitori.

 

-Più approfondimento scientifico, in particolare su natura e fisica, o più in generale su tutto ciò che serve a dare una posizione e un ruolo dell'essere umano nel mondo e nell'universo (quindi evoluzione e astronomia in primis)

 

Ottima analisi, soprattutto le cose che ho evidenziato in grassetto non sono solo opinioni, sono cose NECESSARIE oggi.

 

 

- Alle medie una prof aveva preso in antipatia mia madre e di conseguenza non me ne faceva passare una in classe. La gente invidiosa purtroppo quando ha un minimo potere nel poter rovinare la vita a qualcuno non ci pensa due volte.

 

- Alle superiori avevo un prof di italiano che ogni tema mi dava sempre 4 o 5, per anni, senza motivi apparenti. Un giorno consegnai il tema senza nome. Presi 8.

 

Che persone piccole e ridicole.

 

Ho avuto anche io una docente di Lettere che siccome mi aveva preso in antipatia, solo perché una volta, ad inizio anno, le avevo detto che non avevo bisogno del dizionario per fare un tema/articolo, non lo avevo mai usato in quanto non sarei comunque andato a cercare parole che non conosco. Secondo me ragionamento che non faceva una grinza, ma lei non mi ha sopportato per tutto l'anno solo per questo, e la cosa era reciproca, la sua materia era insegnata malissimo (abbiamo passato praticamente tutto l'anno su Verga, in Letteratura, e abbiamo appena scalfito il '900 in Storia prima della fine dell'anno) e con ritmi sballatissimi. Inoltre aveva scompensi sociali evidenti, e magari non è nemmeno colpa sua per quelli.

 

Fatto sta che mi ha rovinato la media di almeno 8 che ho sempre avuto in quelle materie (riuscendo a strappare giusto un 6), poi ovviamente all'esame doveva capitare che ho preso il voto più alto mai dato dalla commissaria esterna di lettere in 30 anni.

Mi è venuta a fare i complimenti e ho pensato "non grazie a te".

 

Ad oggi, siccome sono uno che si è sempre fidato troppo degli insegnanti come "maestri di vita", non ho ancora del tutto ingoiato la cosa.

 

 

-----------------------------------------

 

 

La mia opinione, già scritta altre volte quando è venuto fuori l'argomento scuola, valido per scuole elementari, medie (che non credo abbiano più l'esame, ora, non so, non sono aggiornato) e superiori:

 

Lo STUPIDISSIMO esame finale!

 

Sia che alla fine ti vada meglio di quello che ti aspetti o molto peggio di quello che ti aspetti, ci sono già i compiti in classe che si fanno veramente per tutta la durata dell'anno scolastico, elementi più che attendibili per una valutazione già meno sballata dello studente. Il fatto che vengono fatti dai professori interni una volta faceva pensare all'esatto contrario: Valutazioni contaminate da simpatie/antpatie di docenti imbelli e dalla personalità troppo passionale verso gli studenti (in bene o in male) da parte di non pochi docenti. Possibile fino a lì.

Tutto  ciò non ha più avuto senso da quando, per l'anno scolastico 2014-2015, sono state eliminate le commissioni esterne. A questo punto mi dite che senso ha ricondurre la valutazione vita/morte scolastica dello studente ad una comunque stancante sessione di prove ad inizio estate, utilizzando la valutazione dell'anno in corso come base per il calcolo ed IGNORANDO COMPLETAMENTE l'andamento di svariati anni scolastici precedenti nello stesso percorso scolastico?

 

La scuola è fatta di un solo anno? A me risulta che la gente la frequenti per almeno 13-14 anni, in percorsi da 5, 3 e almeno altri 5 anni.

 

Gli esami sono inutili, e stupidi.

 

La valutazione deve partire dal primo trimestre/quadrimestre del primo anno fino alla seconda settimana di Giugno dell'ultimo. Tutto quello che è stato fatto deve essere messo da parte, sospesioni, aggressioni, prese in giro, menzogne e mancanze di rispetto varie al personale ATA prese in considerazione; meriti aggiunti al calderone.



#14
ayreon

ayreon
  • ma il tasso le paga le tasse?

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 2422

 

sì in effetti abbiamo bisogno di approfondire ed instradare ancora verso materie umanistiche. Alla fine di laureati in filosofia non ne è mai saturo il mercato del lavoro, per non parlare poi di lettere :sisi:

 

di pensatori non ce n'è mai abbastanza :sese:

 

materie umanistiche o meno si deve imparare l'italiano, perche' c'e' troppa gente che va all'universita' e non sa manco parlare in modo corretto o dare del lei....



#15
Hecks

Hecks
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 14063

Per la gioia di molti qui XD ... video interessante di Byoblu.

Passo...  :sese:






Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Logo