Vai al contenuto

[Thread tecnico] AMD RadeonRX R9 R7 R5 HD series


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 4 risposte

#1
Basty

Basty
  • Parla

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 11658

vKMxHce.jpg

 

Qui si parla di tutto quello che ha a che fare con le schede grafiche Radeon, parlare di ciò che si ha imparato, fare domande, esporre dubbi sul comportamento della scheda in più o meno tipici scenari di configurazione hardware e software, compararazioni con hardware simile.

 

Io inizierei parlando dell'importanza di mettere mano ai parametri dell'ultima top di gamma, la Radeon Vega.

E' possibile ottenere, per esempio, un'efficienza energetica simile ad una Nvidia Geforce GTX 1080.

Il funzionamento della scheda è abbastanza peculiare, o così può sembrare anche a causa di una errata descrizione di un parametro fondamentale nella scheda WattMan del Radeon Software:

La "Tensione della memoria" infatti, non è affatto il voltaggio di alimentazione della HBM2, che è fissa (ed immutabile) a 1.20V nelle Vega 56 e 1.356 nelle Vega 64 e Frontier Edition), ma è una baseline per la frequenza/tensione del chip sotto carico.

 

Abbassando la tensione della memoria ad 850mV, è possibile undervoltare quasia piacimento la GPU, riducendo così i consumi senza perdere troppo in prestazioni ed eliminando quasi del tutto la possibilità di incappare nel "power limit", che anche nelle schede raffreddate più adeguatamente della reference, arriva anche prima del limite di temperatura, impendendo praticamente sempre di toccare le frequenze dichiarate.
Questo perché il clock adattivo agisce in maniera analoga al turbo sulle CPU Ryzen o il GPU Boost sulle Geforce, sia in base al TDP sia alle temperature effettivamente raggiunte.
Allontanando la scheda da specifiche di utilizzo preimpostate, le si fa "credere" di aver abbassato il TDP, permettendo una maggior consistenza delle prestazioni, questo si ottiene mantenendo il power limit allo 0% (perchè non stiamo tentando di overcloccare) perché qualsiasi tensione superiore a 1130mV non rende possibile alle fasi di alimentazione di assorbire più potenza, già così vengono raggiunti i 220W (circa 295W se l'assorbimento viene misurato ai connettori dei cavi di alimentazione) del Power Limit, con frquenze attorno ai 1500Mhz ma piuttosto ballerine.

 

C'è però un funzionamento con proporzionalità inversa di cui tener conto (o anche no): Abbassando il Vcore a 950mV le frequenze calano a ~1530-1550MHz ma i consumi calano in maniera impressionante, scendendo a ~145W in rendering e a ~115-165W in gaming. Abbassando ulteriormente questo valore a 800mV (il minimo consentito da WattMan/OverdriveNTool) le frequenze calano a 1420 MHz ed i consumi scendono ancora, assestandosi sui ~125W nei rendering e sui ~85-145W in gaming.
Mentre si abbassa il Vcore, aumenta la frequenza minima della memoria per il quale la baseline (che dicevamo consiste nel digitare fino a 0,850mV sulla tensione della memoria) e il vcore vengono applicati.

Per esempio, con Vcore 950mV e la baseline di 850mV questa frequenza è 965MHz, ma con Vcore 800 e baseline 850 diventa 1000MHz.

La caratteristi che forse più differenzia la Radeon Vega (così come la maggior parte delle Radeon moderne) è che la scelta di memoria HBM2 è stata praticamente una necessità in quanto le GPU Radeon sono assolutamente affamate di banda di memoria per poter ottenere risultati vicini alle possibilità teoretiche del chip .
Passare da 484GB/s (945MHz) a 563GB/s (1100MHz) aumenta le prestazioni senza aumentare i consumi. A questi valori corrispondono più o meno sempre incrementi prestazionali apprezzabili.

 

Personalmente, con la mia GTX 1080FE, che ho sempre usato pesantemente undervoltata, con circa 0.900V/0.925V il GPU boost non si attivava ovviamente per niente (e a ragione) ma era l'unico modo in cui la scheda restituiva un'eccellente consistenza (una delle migliori mai sperimentate) delle prestazioni, arrivando al massimo alla frequenza stock di 1607MHz, che è la base massima prima dei vari stepping di GPUBoost.

Con la Radeon Vega è stato abbastanza diverso, pur considerando che la scheda parte da una frequenza sensibilmente più bassa, 1247MHz di base clock (ma anche con 5,3 miliardi di transistors in più rispetto al chip GP104) ottengo, come media globale di tutti i più rilevanti test di 3DMark:

 

GPU core con un massimo impostato di 0,975V ed una media di 0,990V misurata da HWinfo, picco massimo di 1.024V che è ancora eccellente.
Frequenza tra i 1468 e i 1535 mhz
63° core
68° memoria
67° VRM core
72° VRM memoria
79° hot-spot

Consumi massimi registrati da HWInfo 245W (180W max in gioco)

 

Confrontiamo ora i settaggi del profilo personalizzato con quelli della scheda appena installata:

 

1,200V stock per il GPU Core
76° core
81° memoria
80° VRM core
84° VRM memoria
91° dell'hot-spot

Consumi massimi registrati da HWInfo circa 415W, valore non accurato, presuppongo che non abbia assorbito più del limite massimo di cui è capace l'hardware con il bios standard, ovvero 220W scheda e 295W ai connettori di alimentazione.

 

Fortunatamente, la memoria si overclocca comunque indipendentemente dai limiti imposti perchè anche impostando i suddetti 0,850V come baseline, la tensione della memoria è sempre 1,356V, è possibile portarla facilmente a 1060Mhz (gli incrementi sono netti) per la maggior parte dei modelli, io non ho provato oltre 1050Mhz, punto oltre il quale i guadagni diventano molto rarefatti e oltre i 1075Mhz si entra in territorio a rischio instabilità.

 

Al momento uso una Gigabyte RX Vega 64 Gaming OC:
 

pzO1pDN.gif

PdAQCBw.jpg


Modificata da Basty, 02 August 2018 - 09:14 PM.


#2
Zann

Zann
  • A wonderful day

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 24862

Bel topic bravo Basty! :D



#3
les_paul

les_paul
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1750
mi associo a Zann: bravo
Finalmente un topic tecnico anche su AMD

Modificata da les_paul, 04 August 2018 - 07:32 PM.


#4
Basty

Basty
  • Parla

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 11658

Profilo tipico settaggi generali, che può andare bene per la maggior parte delle RX 580 stock, ovvero quelle con il base clock del core di 1363mhz, non 1405, anche se dubito che a fronte di 50mhz in più possano mantenere lo stesso voltaggio del core, ovviamente tranne gli esemplari golden, che vengono scoperti per caso in più di un tier di prodotto.

 

L'esemplare in questione è una XFX Radeon RX 580 GTS XXX, ne esiste una variante avente identificativo "GTR OC" che parte dal sopracitato base clock di 1405mhz.

6dr.png

 

Ecco come sono settati al meglio i power states del chip:

 

rbEGdBi.jpg

 

Ecco invece come sono regolati memoria e ventola, il profilo predefinito con tecnologia Zero-rpm (ventole spente fino al raggiungimento di una certa temperatura, che può essere cambiata in un driver rispetto ad un altro da AMD) si è rivelato più che sufficiente per un utilizzo con una temperatura ambientale di circa 20° o poco superiore, per la parte dell'anno particolarmente calda, suggerirei di disabilitare il Zero-rpm (essendo che per alcuni andare in passivo fino a 70° può sembrare eccessivo) ed abilitare una curva della ventola più aggressiva, direi almeno tra il 40 e il 48 % a 65°, per iniziare.

 

In ogni caso, anche se non sono particolarmente entusiasta di come funziona la tecnologia Zero-rpm (la scheda in sé diventa veramente molto calda, anche considerando la classe del chip che è anche di dimensioni contenute e il TDP di prodotto), la scheda ha prodotto una media di 67° con una sessione di gioco di circa un'ora e mezza a Battlefield V con framerate sbloccato, con un picco massimo di 71° (temperatura che non sorpasserà una volta che la ventola inizia a girare).

Senza il profilo di undervolt, il picco massimo può tranquillamente essere di 77/78° e in un periodo dell'anno a clima temperato.

Ad essere sincero, mi aspettavo una scheda nettamente più tranquilla sotto questo aspetto, ma non ci si può lamentare, considerando quanto è difficile tenere a bada le sorelle maggiori di queste schede.

 

Da notare che anche se nella mia prova non ci sono stati problemi nel tenere i moduli di memoria GDDR5 (in questo caso prodotti da Micron) a 2100mhz, lo sconsiglieri perché a quanto pare i timings degli stessi scalano verso l'alto all'aumentare della frequenza, nullificando lo scopo stesso di tentare di overcloccarli.

Probabilmente, a chi è già più fortunato e si è ritrovato moduli Samsung sul proprio esemplare, direi semplicemente di provare e valutare se ci sono incrementi prestazionali tali da poter essere comprovati, altrimenti di lasciare la memoria così com'è.

 

Per quanto non si possa apprezzare Samsung come azienda per i motivi più disparati, è stato appurato che le relative fabbriche sono in grado di produrre moduli di memoria (DRAM, NAND, FLASH) di qualità sensibilmente superiore, e con la nuova GDDR6 il gap con i concorrenti Micron e Hynix sembra essersi allargato.

 

MlvQ8V1.jpg

 

Provate anche voi e fatemi sapere, vi consiglio di fare un test "1080p Extreme" di Superposition Benchmark (Unigine) che da solo può iniziare ad essere un buon indicatore di qual'è la massima frequenza a cui la vostra scheda riesce ad operare stabilmente ad una certa tensione.

Il rischio di impostare, ad esempio, a partire da 1405mhz a soli 1000mV (milliVolts) è quello di incorrere in artefatti, ma nulla di più.

Niente paura, basterà alzare il voltaggio a 1025/1050 mV per essere di nuovo stabili, se non riesce ad essere stabile anche così, significa che la vostra scheda non digerisce quella frequenza, e dovrete capire quale gli può andar bene.

 

Di default queste schede sono settate ad una tensione che definisco forse un po' troppo generosa, ben 1150mV per la frequenza stock, che nella stragrande maggioranza dei casi non sono assolutamente necessari.

 

Inoltre, vi consiglio di monitorare anche con HwInfo, dato che se avete una loadline calibration impostata manualmente sul BIOS, il voltaggio della scheda subisce delle variazioni a seconda se quest'ultimo è alto o basso.

Se notate che la lettura del voltaggio del core non ha assolutamente senso rispetto a quella che gli avete chiesto di tenere al power state 7 -per intenderci, l'ultimo- sul Radeon Software, significa che dovrete alzare la loadline (nel caso risulti un voltaggio tipo 0,980V o anche meno) oppure abbassarla se la media (non il picco) rimane nettamente più alta di quella che avete impostato (tipo 1130mv quando invece gli chiedete di non superare 1050 o 1075).

 

Più in equilibrio (o sensate, se vogliamo) saranno le vostre impostazioni di sistema, più le schede video basate sull'attuale generazione di GCN riusciranno a dare il loro meglio.


Modificata da Basty, 15 April 2019 - 04:52 PM.


#5
Zann

Zann
  • A wonderful day

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 24862

Ogni post del buon Basty è un piacere da leggere :sisi: ottimo lavoro!






Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Logo