Vai al contenuto

La violenza sulle donnePerché c'è?


  • Questa discussione è bloccata Questa discussione è chiusa
Questa discussione ha avuto 84 risposte

#31
Crio97

Crio97
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1471

 

è ovvio che qualsiasi motivazione per aver ucciso sia futile, ma arrivare a dire che hai ucciso la tua fidanzata se no lei ti lasciava e la più futile delle futili.

 

E' quindi lo rende più grave di un omicidio commesso per un altro motivo?



#32
Crio97

Crio97
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1471

A me la parola omicidio fa già capire l'efferatezza dell'atto.



#33
Yggdrasil

Yggdrasil
  • One Eye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 2664

E' quindi lo rende più grave di un omicidio commesso per un altro motivo?


Sì. Tutte le vite hanno lo stesso peso, su questo non ci piove. I motivi per ammazzare qualcuno, però, hanno valenze e significati ben diversi. Uccidere qualcuno che incontri per strada perché non ti piace il suo cappello è più grave che ucciderlo in uno scatto di rabbia, per rancore, dopo anni di soprusi.

Se vuoi lasciare la fidanzata, la lasci. E' un atto quasi completamente unilaterale. Che bisogno c'era di ammazzarla?

Modificata da Yggdrasil, 10 April 2017 - 02:56 PM.


#34
Crio97

Crio97
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1471

Sì. Tutte le vite hanno lo stesso peso, su questo non ci piove. I motivi per ammazzare qualcuno, però, hanno valenze e significati ben diversi. Uccidere qualcuno che incontri per strada perché non ti piace il suo cappello è più grave che ucciderlo in uno scatto di rabbia, per rancore, dopo anni di soprusi.

Se vuoi lasciare la fidanzata, la lasci. E' un atto quasi completamente unilaterale. Che bisogno c'era di ammazzarla?

A parte che la maggior parte delle volte l'omicidio avviene perchè è la donna a voler lasciare l'uomo e lui è troppo stupido per accettarlo,  non sono d'accordo.

A parte nei casi di legittima difesa, l'omicidio rimane comunque sbagliato ed è insensato categorizzarlo. Che poi ci sarebbe da aprire una parentesi enorme anche qui, perchè per esempio io sarei a favore della pena di morte per chi uccide.



#35
Yggdrasil

Yggdrasil
  • One Eye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 2664

A parte che la maggior parte delle volte l'omicidio avviene perchè è la donna a voler lasciare l'uomo e lui è troppo stupido per accettarlo,  non sono d'accordo.
A parte nei casi di legittima difesa, l'omicidio rimane comunque sbagliato ed è insensato categorizzarlo.


Il fatto che un gesto sia sbagliato non vuol dire che nelle sue motivazioni non esistano delle differenze.
Qui non si tratta di rendere "meno grave" un certo tipo di omicidio. Si tratta di un AGGRAVANTE, cioè di una circostanza per cui questo reato già di per sé grave è da considerare persino più grave del solito.

Modificata da Yggdrasil, 10 April 2017 - 03:26 PM.


#36
Crio97

Crio97
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1471

Quindi creiamo un termine diverso per ogni aggravante, anche se dal termine omicidio già si capisce la gravità della cosa.



#37
seileen

seileen
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1336

Quindi creiamo un termine diverso per ogni aggravante, anche se dal termine omicidio già si capisce la gravità della cosa.

Infatti esiste l'aggravante razziale, ad esempio.



#38
Yggdrasil

Yggdrasil
  • One Eye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 2664

Quindi creiamo un termine diverso per ogni aggravante, anche se dal termine omicidio già si capisce la gravità della cosa.


Le aggravanti si applicano a diversi reati, non strettamente all'omicidio.

#39
Crio97

Crio97
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1471

Le aggravanti si applicano a diversi reati, non strettamente all'omicidio.

Sottintendevo aggravanti dell'omicidio naturalmente.



#40
Crio97

Crio97
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1471

Infatti esiste l'aggravante razziale, ad esempio.

Si, ma non ti seguo. Che esista l'aggravante siamo d'accordo, ma non mi sembra che definiamo l'uccisione di una persona straniera con un altro termine.


Modificata da Crio97, 10 April 2017 - 03:46 PM.


#41
-Krell

-Krell
  • IronEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 24887

L'omicidio di donne ha cominciato ad essere definito come femminicidio perché comunque descrive un particolare fenomeno sociale, fra gli altri (motivi). Chiunque neghi l'esistenza del femminicido probabilmente o non ha capito cosa vuol dire o non ha capito quanto grave sia questo termine, secondo me.


Modificata da -Krell, 10 April 2017 - 04:00 PM.


#42
LambertoKevlar

LambertoKevlar
  • EyeFicionados Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 43436

L'omicidio di donne ha cominciato ad essere definito come femminicidio perché comunque descrive un particolare fenomeno sociale, fra gli altri (motivi). Chiunque neghi l'esistenza del femminicido probabilmente o non ha capito cosa vuol dire o non ha capito quanto grave sia questo termine, secondo me.

Krell non mi sembra che nessuno ne stia negando l'esistenza qui.Però la violenza è violenza.Perchè una donna che da uno schiaffo a un uomo fa ridere e un uomo che lo fa a una donna fa inorridire?La donna ha per caso licenza di menare?

E ' che sembra che si stia perpetrando l'errata convinzione,coniando questi termini,che la violenza perpetrata da una donna(che esiste e si pone in tante forme) sia meno grave di quella perpetrata da un uomo

 

Tra l'altro vogliamo parlare di statistiche?Fonte ministero dell'interno

Al 2014 in Italia il tasso di omicidi maschili è di 16 per milione all’anno, cioè vengono uccisi più di 3 uomini per ogni donna assassinata. Sia uomini che donne uccidono in prevalenza uomini: le donne assassine uccidono nel 39% dei casi donne, e nel 61% dei casi uomini. Gli uomini assassini uccidono nel 31% dei casi donne, e nel 69% dei casi uomini.

 

Secondo un'altra statistica U.S.A.

le donne che uccidono i propri mariti hanno il 12,9% di probabilità di essere assolte e il 17% di ottenere la libertà condizionale, mentre i mariti che uccidono le mogli hanno solo il l’1,4% di possibilità di essere assolti e appena l’1,6% di ottenere la libertà condizionale. Inoltre, le donne colpevoli di aver ucciso i propri mariti ricevono una condanna media di 6 anni, mentre gli uomini colpevoli di aver ucciso le proprie mogli ricevono una condanna media di 17 anni

 

il che significa che una donna che uccide ha:

- più probabilità di non essere arrestata
- il doppio di probabilità di non essere incarcerata
- la possibilità di afferire che agiva per autodifesa anche quando non era così (spesso accusando il compagno morto, che, essendo deceduto, non può rispondere alle accuse) e venire assolta
- pene il 63% meno lunghe di quelle di un uomo.



#43
-Krell

-Krell
  • IronEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 24887

Krell non mi sembra che nessuno ne stia negando l'esistenza qui.Però la violenza è violenza.Perchè una donna che da uno schiaffo a un uomo fa ridere e un uomo che lo fa a una donna fa inorridire?La donna ha per caso licenza di menare?

E ' che sembra che si stia perpetrando l'errata convinzione,coniando questi termini,che la violenza perpetrata da una donna(che esiste e si pone in tante forme) sia meno grave di quella perpetrata da un uomo

No, ecco, qui sbagliano in molti secondo me). Con termini come femminicidio, violenza sulle donne ecc non si vuole dire che solo quella sia importante. Perché pure gli uomini vengono discriminati/subiscono violenze (se una donna picchia un uomo ci si mette a ridere e lui non può in alcun modo "difendersi", socialmente parlando, ad esempio..). Questo non si nega. Però si da un peso maggiore a quando si discriminano le/c'è violenza sulle donne, anzitutto perché (ma qui scendo sul soggettivo e potrei essere smentito da qualche dato oggettivo, è una considerazione personalissima) i casi di violenza/discriminazione di genere sono superiori sulle donne (basti pensare cosa ci si aspetta dalla figura della donna.. e non mi riferisco ai qui presenti, che bene o male condividiamo tutti la stessa visione, anche se con sfumature diverse), e poi perché culturalmente, spesso e volentieri, è ancora visto come il sesso debole con tute le conseguenze. Poi ci sono le femministe integraliste,roba che se le lasci passare avanti si incazzano, ma quelle chiaramente esagerano, e di esempi di "categoria" che esagerano ce ne sono fin troppi.. Avrei dovuto strutturare un po' meglio il mio pensiero ma in linea di massiam dovrei essermi fatto capire :lol: 



#44
GfxManEye

GfxManEye
  • quasi-Signore&Padrone di Everyeye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Admin]Admin Forum
  • Messaggi: : 80368

Krell non mi sembra che nessuno ne stia negando l'esistenza qui.Però la violenza è violenza.Perchè una donna che da uno schiaffo a un uomo fa ridere e un uomo che lo fa a una donna fa inorridire?La donna ha per caso licenza di menare?

E ' che sembra che si stia perpetrando l'errata convinzione,coniando questi termini,che la violenza perpetrata da una donna(che esiste e si pone in tante forme) sia meno grave di quella perpetrata da un uomo

 

Tra l'altro vogliamo parlare di statistiche?Fonte ministero dell'interno

Al 2014 in Italia il tasso di omicidi maschili è di 16 per milione all’anno, cioè vengono uccisi più di 3 uomini per ogni donna assassinata. Sia uomini che donne uccidono in prevalenza uomini: le donne assassine uccidono nel 39% dei casi donne, e nel 61% dei casi uomini. Gli uomini assassini uccidono nel 31% dei casi donne, e nel 69% dei casi uomini.

 

Secondo un'altra statistica U.S.A.

le donne che uccidono i propri mariti hanno il 12,9% di probabilità di essere assolte e il 17% di ottenere la libertà condizionale, mentre i mariti che uccidono le mogli hanno solo il l’1,4% di possibilità di essere assolti e appena l’1,6% di ottenere la libertà condizionale. Inoltre, le donne colpevoli di aver ucciso i propri mariti ricevono una condanna media di 6 anni, mentre gli uomini colpevoli di aver ucciso le proprie mogli ricevono una condanna media di 17 anni

 

il che significa che una donna che uccide ha:

- più probabilità di non essere arrestata
- il doppio di probabilità di non essere incarcerata
- la possibilità di afferire che agiva per autodifesa anche quando non era così (spesso accusando il compagno morto, che, essendo deceduto, non può rispondere alle accuse) e venire assolta
- pene il 63% meno lunghe di quelle di un uomo.

 

da: http://www.huffingto..._n_4001296.html

 

Gli uomini vengono uccisi da altri uomini per motivi differenti, spesso per criminalità organizzata. Le donne, invece, vengono uccise in quanto donne, mogli, fidanzate, ex compagne. Per contro la percentuale di uomini uccisi dalle loro compagne o ex compagne è bassissima. Per questo dobbiamo parlare di un fenomeno fortemente connotato e strutturale che trae le sue origini dallo squilibrio nei rapporti di genere.

Trovo questa una differenza importante.



#45
LambertoKevlar

LambertoKevlar
  • EyeFicionados Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 43436

 

da: http://www.huffingto..._n_4001296.html

 

Gli uomini vengono uccisi da altri uomini per motivi differenti, spesso per criminalità organizzata. Le donne, invece, vengono uccise in quanto donne, mogli, fidanzate, ex compagne. Per contro la percentuale di uomini uccisi dalle loro compagne o ex compagne è bassissima. Per questo dobbiamo parlare di un fenomeno fortemente connotato e strutturale che trae le sue origini dallo squilibrio nei rapporti di genere.

Trovo questa una differenza importante.

Lo è sicuramente,io parlavo di numeri puri che dicono quel che dicono.Non è mio interesse sminuire la cosa ma parlarne accuratamente.






Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Logo