Vai al contenuto

100000000000 bullets

- - - - -

  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 7 risposte

#1
Fox Hound

Fox Hound
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 17147

ho finito da poco life is strange, uno dei titoli più belli che abbia mai giocato e adesso ho recuperato "remember me" sempre ad opera degli stessi sviluppatori, ma non riesco a giocarci. mi sono fermato dopo i primi combattimenti.

il problema è che mi sono stra-rotto-profondamente di menare le mani, fendenti e proiettili solo perché altrimenti ci si discosta troppo dall'immagine del videogioco tradizionale. per me è maturato un sentimento di ostilità profonda verso la forzatura di dover giocare certe routine classiche solo perché senza combattimenti altrimenti il gioco durerebbe una manciata di ore.

ci sono dei titoli dove vorrei semplicemente godermi la storia in modo originale, senza essere costretto a fare per forza quello che fanno negli altri videogiochi. Life is strange c'è riuscito pienamente, la componente ludica c'era e come. Per me riavvolgere il tempo e dialogare con nuove informazioni, vedere più strade percorribili e sceglierne consapevolmente una.... tutto questo è stato "giocare". non come vedere un film passivamente, eppure non sono stato costretto a fare il culo a nessuno.

fare regia nei videogames anche restando all'interno del "videogame di genere" (per dire non "d'autore") è assolutamente possibile secondo me, pur non infarcendo l'opera di routine di gameplay forzate al combattimento: guardiamo Outlast, è un'opera maestra di regia, il gioco offre continuamente nuove idee e non costringe nessuno a "fare il proprio dovere" sparando e calciando come si fosse lo stesso personaggio identico di un'altra storia, lo stesso tizio che abbiamo già impersonato centinaia di volte. Eppure non si scappa in modo vigliacco. C'è una sorta di ricompensa interiore nel superare una certa zona, un appagamento che oramai il 100000000000mo proiettile sparato non mi dona più, se sparato fuori contesto.

Questo appagamento dato dall'interazione, che può essere una routine del tutto nuova o rielaborata è un concetto secondo me fondamentale se si vuole trovare divertimento, innovazione, voglia di acquistare nuovi giochi.

Detto questo però capisco bene anche il concetto di titolo dedicato. Dove lo scopo è appunto "sparare" (Battlefield), "saltare" (Mario), "prendere a cazzotti" (Streer Fighter) per citare maestri del genere. E mi va infatti di giocare a questi giochi. Solo che un super mario con la storia di Life is Strange non sono affatto certo di volerlo vedere. Cioè il concetto è proprio sui giochi dove sono le storie e le atmosfere a fare da pilasti. In questi casi non sempre funziona allungare il brodo con routine prese in prestito da altri giochi. E sto diventando molto intollerante in merito.

Un'ultima nota, ci sono secondo me anche casi speciali, giochi dove invece storia, atmosfera e routine di combattimento sono fatti proprio per loro natura per stare assieme, ad esempio i fantasy. Ma è proprio perché nelle storie fantasy queste routine di combattimento sono pilastro fondante della maggior parte delle storie che l'alchimia funziona.


Modificata da Fox Hound, 16 February 2017 - 07:36 PM.


#2
axydraul

axydraul
  • Qualquadra non cosa

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Admin]Admin Forum
  • Messaggi: : 138437
sì l'effetto Life Is Strange è quello, purtroppo...

#3
autechre

autechre
  • Anabbagliante

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Collaboratore Forumeye
  • Messaggi: : 23391

Bisogna calare gradualmente la dose per risolvere l'assuefazione.

Ogni giorno -10 proiettili.

Domani sarà un altro giorno, amico mio, e soltanto 99999999990 proiettili.

 

:gibboedani:



#4
cavalierebarbaro

cavalierebarbaro
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 13480
Gran bel gioco life is strange

#5
Pickle Rick

Pickle Rick
  • Guerriero del membro

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 12198

Io pensavo fosse un retro topic su di lui

 

10,000_Bullets_PAL_Cover.jpg



#6
girelaciambela

girelaciambela
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 772

Bisogna calare gradualmente la dose per risolvere l'assuefazione.
Ogni giorno -10 proiettili.
Domani sarà un altro giorno, amico mio, e soltanto 99999999990 proiettili.
 
:gibboedani:


Grande post :)

#7
Stein

Stein
  • tagomagoeye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 41170

ho finito da poco life is strange, uno dei titoli più belli che abbia mai giocato e adesso ho recuperato "remember me" sempre ad opera degli stessi sviluppatori, ma non riesco a giocarci. mi sono fermato dopo i primi combattimenti.

il problema è che mi sono stra-rotto-profondamente di menare le mani, fendenti e proiettili solo perché altrimenti ci si discosta troppo dall'immagine del videogioco tradizionale. per me è maturato un sentimento di ostilità profonda verso la forzatura di dover giocare certe routine classiche solo perché senza combattimenti altrimenti il gioco durerebbe una manciata di ore.

ci sono dei titoli dove vorrei semplicemente godermi la storia in modo originale, senza essere costretto a fare per forza quello che fanno negli altri videogiochi. Life is strange c'è riuscito pienamente, la componente ludica c'era e come. Per me riavvolgere il tempo e dialogare con nuove informazioni, vedere più strade percorribili e sceglierne consapevolmente una.... tutto questo è stato "giocare". non come vedere un film passivamente, eppure non sono stato costretto a fare il culo a nessuno.

fare regia nei videogames anche restando all'interno del "videogame di genere" (per dire non "d'autore") è assolutamente possibile secondo me, pur non infarcendo l'opera di routine di gameplay forzate al combattimento: guardiamo Outlast, è un'opera maestra di regia, il gioco offre continuamente nuove idee e non costringe nessuno a "fare il proprio dovere" sparando e calciando come si fosse lo stesso personaggio identico di un'altra storia, lo stesso tizio che abbiamo già impersonato centinaia di volte. Eppure non si scappa in modo vigliacco. C'è una sorta di ricompensa interiore nel superare una certa zona, un appagamento che oramai il 100000000000mo proiettile sparato non mi dona più, se sparato fuori contesto.

Questo appagamento dato dall'interazione, che può essere una routine del tutto nuova o rielaborata è un concetto secondo me fondamentale se si vuole trovare divertimento, innovazione, voglia di acquistare nuovi giochi.

Detto questo però capisco bene anche il concetto di titolo dedicato. Dove lo scopo è appunto "sparare" (Battlefield), "saltare" (Mario), "prendere a cazzotti" (Streer Fighter) per citare maestri del genere. E mi va infatti di giocare a questi giochi. Solo che un super mario con la storia di Life is Strange non sono affatto certo di volerlo vedere. Cioè il concetto è proprio sui giochi dove sono le storie e le atmosfere a fare da pilasti. In questi casi non sempre funziona allungare il brodo con routine prese in prestito da altri giochi. E sto diventando molto intollerante in merito.

Un'ultima nota, ci sono secondo me anche casi speciali, giochi dove invece storia, atmosfera e routine di combattimento sono fatti proprio per loro natura per stare assieme, ad esempio i fantasy. Ma è proprio perché nelle storie fantasy queste routine di combattimento sono pilastro fondante della maggior parte delle storie che l'alchimia funziona.

 

Bel post, ma ahimè vallo a dire a tutti quelli che se devono stare fermi 2 minuti a guardare un filmato cominciano ad avere le manine che gli prudono. Tutti quelli che definiscono in maniera sprezzante come "walking simulator" tutti quei giochi che hanno il coraggio di puntare su una idea di messa in scena matura (e parlo proprio di coraggio, ovvero quello che certi titoloni tripla A fatti solo di sparatorie a destra e a manca o di fendenti a più non posso, non si sognano minimamente di avere). Insomma io la penso come te, ma purtroppo il videogiocatore è un fruitore mediatico abbastanza poco illuminato. E questo non fa altro che rallentare la corsa del medium videoludico verso quella maturità che tanto insegue e che non sembra mai raggiungere appieno. 



#8
danymaggot

danymaggot
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 82

Bellissimo gioco Life is strange.

Mi ricorda il film "The Butterfly Effect" 

 

Remeber Me non saprei dirti perchè non lo ho ancora iniziato :D






Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi