Vai al contenuto

Bravi videogamers si nasce o si diventa?

- - - - -

  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 78 risposte

#76
starlink1

starlink1
  • Only one is a legend

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 37876

 

si certo, quello serve per migliorarsi ed arrivare appunto a competere al top, ma se metti 8 ore al giorno a giocare uno che non è assolutamente portato (che sia per quel gioco o per il gaming in generale) non concludi nulla, ci vuole una predisposizione naturale che imho non viene data dalle stimolazioni ma ci si nasce e stop

 

certo..... ma al top e per dire al top dico dove milioni di giocatori tentano di arrivare serve uccidersi di gioco.



#77
Brick

Brick
  • Il fu RaR7

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 11155

si certo, quello serve per migliorarsi ed arrivare appunto a competere al top, ma se metti 8 ore al giorno a giocare uno che non è assolutamente portato (che sia per quel gioco o per il gaming in generale) non concludi nulla, ci vuole una predisposizione naturale che imho non viene data dalle stimolazioni ma ci si nasce e stop


Sono tutti discorsi sbagliati. Chiunque, giocando 8 ore al giorno e con il giusto allenamento puó diventare molto forte. Magari non a livello dei best mondial, ma a quel livello non ci arrivano neanche molti che "partono bene".

Forse dipende un po' anche dal genere, ma in generale i videogiochi non richiedono solo capacità fisiche che o hai o non hai. Non é, chessó, un test riflessi puri dove o sei nato bene o ti attacchi. Non é una gara di atletica dove se il tuo corporate geneticamente non é predisposto, c'é poco da fare. Molti giochi sono un insieme di varie skill e si puó cercare di appetite alle proprie mancano in un campo con lo stile di gioco.

io posso pure allenarmi 14 ore al giorno a tennis ma sempre una superpippa resto :asd: mentre a calcio gioco meglio di amici che hanno fatto scuola calcio per anni...e da piccolo mai toccato un pallone, mi son scoperto appassionato e "bravo" giocatore tra la quinta elementare la scuola media su per giù, così per puro caso, m'hanno "costretto" a fare una partita al parco vicino casa ed i dribling mi venivano automatici


Il fatto che uno sia andato a scuola di calcio o meno non vuol dire niente. Se non c'é la voglia di competere e migliorare, nonché un allenamento notato, é tutto inutile.

#78
d1ablo

d1ablo
  • Eye Terminator

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 8905

Sono tutti discorsi sbagliati. Chiunque, giocando 8 ore al giorno e con il giusto allenamento puó diventare molto forte.

 

quanto ti sbagli :)

 

ai tempi del primo CoD (su pc) ci stavo dentro di brutto col competitivo ed ero nel team italiano più forte a quei tempi, roba che battevamo tutti gli altri team italiani senza nemmeno fargli vincere un round (ed erano 20, 10 in attacco e 10 in difesa)...all'epoca c'erano sai quanti ragazzini più giovani di me che giocavano il triplo del mio tempo (a dire bene), io praticamente giocavo solo le clanwar e sempre un sedere così gli facevo col cecchino, non c'era proprio storia, infatti ad una certa cominciammo a giocare solo contro team stranieri

 

discorso diverso invece per gli rts, ho sempre voluto giocare bene online ma non ci sono mai riuscito, con Stacraft 2 mi ci son chiuso, anche con persone che sanno giocare e mi hanno "allenato" un po, certo son migliorato e ho capito meccaniche che prima non conoscevo ma da qui a dire che son diventato molto forte ce ne passa, anzi, sempre una pippa sono, c'è proprio una molla nel mio cervello che non scatta per quel tipo di giochi in multiplayer

 

l'anno dopo mentre giocavo a World of Warcraft sulla rivista TGM regalarono il gioco Painkiller, mai giocato prima, con annesso torneo 1vs1 organizzato sempre dalla rivista...senza la minima preparazione arrivai terzo battendo gente appartenente a clan che giocavano da più di un anno a quel gioco, per poi perdere in finale winner e poi looser bracket contro due pro....io correggerei la tua frase in questo modo:

 

"Chiunque, giocando 8 ore al giorno e con il giusto allenamento puó migliorare molto."

 

oppure, sempre valida

 

"Se uno è portato, giocando 8 ore al giorno e con il giusto allenamento puó diventare molto forte."

 

ma "chiunque" e "molto forte" insieme proprio no...poi chiaro che come dici te ci sono i fenomeni, e quelli vabè sono un altro discorso


Modificata da d1ablo, 29 June 2016 - 04:42 PM.


#79
Brick

Brick
  • Il fu RaR7

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 11155

 

quanto ti sbagli :)

 

ai tempi del primo CoD (su pc) ci stavo dentro di brutto col competitivo ed ero nel team italiano più forte a quei tempi, roba che battevamo tutti gli altri team italiani senza nemmeno fargli vincere un round (ed erano 20, 10 in attacco e 10 in difesa)...all'epoca c'erano sai quanti ragazzini più giovani di me che giocavano il triplo del mio tempo (a dire bene), io praticamente giocavo solo le clanwar e sempre un sedere così gli facevo col cecchino, non c'era proprio storia, infatti ad una certa cominciammo a giocare solo contro team stranieri

 

discorso diverso invece per gli rts, ho sempre voluto giocare bene online ma non ci sono mai riuscito, con Stacraft 2 mi ci son chiuso, anche con persone che sanno giocare e mi hanno "allenato" un po, certo son migliorato e ho capito meccaniche che prima non conoscevo ma da qui a dire che son diventato molto forte ce ne passa, anzi, sempre una pippa sono, c'è proprio una molla nel mio cervello che non scatta per quel tipo di giochi in multiplayer

 

l'anno dopo mentre giocavo a World of Warcraft sulla rivista TGM regalarono il gioco Painkiller, mai giocato prima, con annesso torneo 1vs1 organizzato sempre dalla rivista...senza la minima preparazione arrivai terzo battendo gente appartenente a clan che giocavano da più di un anno a quel gioco, per poi perdere in finale winner e poi looser bracket contro due pro....io correggerei la tua frase in questo modo:

 

"Chiunque, giocando 8 ore al giorno e con il giusto allenamento puó migliorare molto."

 

oppure, sempre valida

 

"Se uno è portato, giocando 8 ore al giorno e con il giusto allenamento puó diventare molto forte."

 

ma "chiunque" e "molto forte" insieme proprio no...poi chiaro che come dici te ci sono i fenomeni, e quelli vabè sono un altro discorso

 

Mi spiace ma secondo me ti sbagli tu :P

Io ho detto con il giusto allenamento. Giocare 8 ore al giorno non serve a nulla se non si gioca nel modo giusto, con la giusta mentalità e praticando le cose giuste.

Anche io posso parlarti della mia esperienza. Io adoro i picchiaduro. Per anni li ho giocati convinto di non valere nulla e di non poter mai diventare davvero bravo. Per mesi e mesi la gente con cui giocavo mi prendeva in giro perchè facevo sempre gli stessi errori e non miglioravo mai. Adesso non sono Daigo, ma nel mio gioco principale me la cavo piuttosto bene (sicuramente decisamente meglio di quando iniziai) e riesco a battere molta gente che una volta per me erano divinità che mi asfaltavano 10-0 e in qualunque picchiaduro prendo in mano, in una manciata di ore riesco comunque a raggiungere un livello decente. E ripeto, per anni son stato preso in giro per la mia incapacità di imparare e migliorare. Ma a me i picchiaduro piacevano e anche tanto e ho continuato imperterrito. E mi son reso conto che per lunghissime quantità di tempo, anche se ero convinto di impegnarmi e tentare di migliorare, non lo stavo facendo per niente. Ogni volta mi rendevo conto che non ci avevo messo l'impegno, e quando lo ho fatto davvero ho visto i risultati.

Io sono convinto che in molti pensino di allenarsi e metterci impegno, ma non lo fanno davvero o non si focalizzano sulle cose giuste. Molti forse non ci tengono neanche quanto credono di tenerci a migliorare. Perchè ripeto, nonostante io abbia sucato pesantemente per anni, non ho mai smesso di giocare e tentarci. Anche quando ancora credevo di non farcela mai, ho continuato a giocare, perchè mi piaceva e volevo comunque fare del mio meglio. Per me queste son le cose che fanno dla differenza, essere davvero appassionati di qualcosa e metterci impegno per lungo tempo. Poi magari qualcuno diventerà top mondiale e qualcun altro no, ma chiunque può raggiungere livelli alti se ha queste cose.






Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi