Vai al contenuto

Quali rischi si prendono in considerazione prima che cominci lo sviluppo di un titolo?

- - - - -

  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 2 risposte

#1
Zibarro

Zibarro
  • "I'm not real"

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 27061

Ecco quali rischi si prendono in considerazione prima che cominci lo sviluppo di un titolo. Il titolo in questione è Echoes of Siren, un titolo Microsoft cancellato, mi pare, che doveva uscire come titolo in digital download su Xbox Live.

Rischio 1: EoS non è un titolo ad alto budget. Non dovrebbe essere confrontato con Diablo, Skyrim, Dragon's Dogma ecc., ma potrebbe dare questa impressione. EoS offre un'esperienza profonda, tipo ICO o SOTC, più dei titoli citati inizialmente, che si basano sul menù e le opzioni.

Rischio 2: Il crafting e la libertà di gioco. I giocatori potrebbero pensare "Minecraft" quando craftano in un mondo aperto. In Echoes of Siren puoi cacciare, saccheggiare e costruire, ma non c'è la distruttibilità ambientale.

Rischio 3: Mitologia classica. God of War ha creato una visione distorta e stereotipata della mitologia classica. EoS è come ICO, ispirato dalla cultura Ainu (una popolazione), liberiana, phrygians e chalcedians.

 

1901941_567277683368279_999093386_n.jpg



#2
Hanamigi

Hanamigi
  • Cosa?

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 17210

Il punto 3 è tradotto male ma siamo lì.

 

Dipende dal budget e dagli obiettivi che si hanno. Immagino anche che uscire su xbla sia più stringente rispetto ad uscire ad es. su desura.



#3
dende

dende
  • Fatevi un esame della bilirubina.

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 10036
Il gioco doveva essere quello che oggi conosciamo come Rime



Comunque credo che quando si parte con un progetto uno dei pericoli sia proprio quello di apparire come un clone di un prodotto più famoso e di successo, potrebbe provocare diffidenza dai fan del titolo più famoso oppure non farlo risaltare dalla massa di giochi, per questo cercano qualcuno che li sponsorizza (hanno avuto il rifiuto da MS ma l'ok di Sony) infatti molti se vedono un marchio a noi conosciuto e amato la diffidenza sparisce e ci sentiamo più sicuri che il prodotto sia valido, questo discorso di popolarità e di aiuto per emergere penso sia più marcato nel mondo più chiuso delle console che in quello più aperto del PC dove c'è una comunità più aperta verso un genere di prodotti più di nicchia e indipendenti.

Modificata da dende, 20 February 2014 - 04:31 PM.





Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi