Vai al contenuto

Lettera di Julian Assange a Benedict Cumberbatchimho interessantissimo


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 21 risposte

#1
maJ

maJ
  • BRUJERIA

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 2705

Julian Assange Letter To Actor Who Plays Him In Movie

Julian-Assange-and-Benedict-Cumberbatch1
 

On October 9th WikiLeaks published the first letter from Julian Assange to Benedict Cumberbatch regarding “The Fifth Estate”, a Dreamworks movie about WikiLeaks set to open in the UK on Friday 11 Oct, and in the US on Friday 18 Oct. The press release about this letter is here. The letter was sent to Benedict Cumberbatch after he made overtures to contact Julian Assange in January this year, immediately before principal photography commenced.
 

Date: Tue, 15 Jan 2013
From: Julian Assange
To: Benedict Cumberbatch
Subject: Message from Assange

Dear Benedict,

Thank you for trying to contact me. It is the first approach by anyone from the Dreamworks production to me or WikiLeaks.

My assistants communicated your request to me, and I have given it a lot of thought and examined your previous work, which I am fond of.

I think I would enjoy meeting you.

The bond that develops between an actor and a living subject is significant.

If the film reaches distribution we will forever be correlated in the public imagination. Our paths will be forever entwined. Each of us will be granted standing to comment on the other for many years to come and others will compare our characters and trajectories.

But I must speak directly.

I hope that you will take such directness as a mark of respect, and not as an unkindness.

I believe you are a good person, but I do not believe that this film is a good film.

I do not believe it is going to be positive for me or the people I care about.

I believe that it is going to be overwhelmingly negative for me and the people I care about.

It is based on a deceitful book by someone who has a vendetta against me and my organisation.

In other circumstances this vendetta may have gone away, but our conflict with the United States government and the establishment press has created a patronage and commissioning market – powerful, if unpopular – for works and comments that are harmful to us.

There are dozens of positive books about WikiLeaks, but Dreamworks decided to base its script only on the most toxic. So toxic is the first book selected by Dreamworks that it is distributed to US military bases as a mechanism to discourage military personnel from communicating with us. Its author is publicly known to be involved in the Dreamworks production in an ongoing capacity.

Dreamworks’ second rights purchase is the next most toxic, biased book. Published and written by people we have had a bitter contractual dispute with for years, whose hostility is well known. Neither of these two books were the first to be published and there are many independent authors who have written positive or neutral books, all of whom Dreamworks ignored.

Dreamworks has based its entire production on the two most discredited books on the market.

I know the film intends to depict me and my work in a negative light.

I believe it will distort events and subtract from public understanding.

It does not seek to simplify, clarify or distil the truth, but rather it seeks to bury it.

It will resurrect and amplify defamatory stories which were long ago shown
to be false.

My organisation and I are the targets of political adversary from the United States government and its closest allies.

The United States government has engaged almost every instrument of its justice and intelligence system to pursue—in its own words—a ‘whole of government’ investigation of ‘unprecedented scale and nature’ into WikiLeaks under draconian espionage laws. Our alleged sources are facing their entire lives in the US prison system. Two are already in it. Another one is detained in Sweden.

Feature films are the most powerful and insidious shapers of public perception, because they fly under the radar of conscious exclusion.

This film is going to bury good people doing good work, at exactly the time that the state is coming down on their heads.

It is going to smother the truthful version of events, at a time when the truth is most in demand.

As justification it will claim to be fiction, but it is not fiction. It is distorted truth about living people doing battle with titanic opponents.  It is a work of political opportunism, influence, revenge and, above all, cowardice.

It seeks to ride on the back of our work, our reputation and our struggles.

It seeks to cut our strength with weakness. To cut affection with exploitation. To cut diligence with paranoia. To cut loyalty with naivety.  To cut principle with hypocrisy. And above all, to cut the truth with lies.

The film’s many distortions buttress what the prosecution will argue. Has argued. Is arguing. In my case, and in that of others. These cases will continue for years.

The studio that is producing the film is not a vulnerable or weak party.

Dreamworks’ free speech rights are not in jeopardy – ours are.

Dreamworks is an extremely wealthy organisation, with ties to powerful interests in the US government.

I must therefore question the choices and motives behind it: the opportunism, fears and mundanity; the unwritten rules of film financing and distribution in the United States; the cringe against doing something useful and brave.

I believe that you are a decent person, who would not naturally wish to harm good people in dire situations.

You will be used, as a hired gun, to assume the appearance of the truth in order to assassinate it. To present me as someone morally compromised and to place me in a falsified history. To create a work, not of fiction, but of debased truth.

Not because you want to, of course you don’t, but because, in the end, you are a jobbing actor who gets paid to follow the script, no matter how debauched.

Your skills play into the hands of people who are out to remove me and WikiLeaks from the world.

I believe that you should reconsider your involvement in this enterprise.

Consider the consequences of your cooperation with a project that vilifies and marginalises a living political refugee to the benefit of an entrenched, corrupt and dangerous state.

Consider the consequences to people who may fall into harm because of this film.

Many will fight against history being blackwashed in this way. It is a collective history now, involving millions of people, because millions have opened their eyes as a result of our work and the attempts to destroy us.

I believe you are well intentioned but surely you can see why it is a bad idea for me to meet with you.

By meeting with you, I would validate this wretched film, and endorse the talented, but debauched, performance that the script will force you to give.

I cannot permit this film any claim to authenticity or truthfulness. In its current form it has neither, and doing so would only further aid the campaign against me.

It is contrary to my interests, and to those of my organisation, and I thank you for your offer, and what I am sure is your genuine intent, but I must, with inexpressible regret, turn it down.
 

Julian Assange

fonte -> http://www.popularre...s-him-in-movie/


Modificata da maJ, 12 October 2013 - 03:14 PM.


#2
sauron82

sauron82
  • Vola vola volaaaaa topo uccello!!!!

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 17571

succo della lettera?



#3
Covenant84

Covenant84
  • Eye Terminator

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 7776

sproloquio!



#4
LambertoKevlar

LambertoKevlar
  • EyeFolie

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 39439

succo della lettera?

il film non è corretto perchè spala (Censura) su di me,ti stanno usando,siamo cazzuti,siamo belli ecc. ecc.



#5
maJ

maJ
  • BRUJERIA

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 2705

succo della lettera?

 

il film è basato sui due libri che più diffamano wikileaks e non su libri neutrali o a favore quindi assange non vuole che si faccia (tira in ballo il fatto di come sia una mossa mediatica studiata per spalare (Censura) su di lui e wikileaks), lo scrive a cumberbatch che lo voleva incontrare visto che doveva interpretarlo nel film, spiegandogli che non aveva intenzione di incontrarlo solo perchè ciò avrebbe in un certo senso dato il suo benestare per il film e non assolutamente per motivi personali/lavorativi nei suoi confronti.



#6
- Luke -

- Luke -
  • Salt Your Life

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 31086
Il gomblotto Dreamworks mi sa tanto di teoria lisanderiana.
 
Che poi non capisco per quale motivo prendersela con Cumberbatch che qui è solo attore, non è nè l'ideatore nè il produttore del film .. della serie mi metto due settimane la parrucca di Assange e poi torno in Nuova Zelanda che Peter Jackson mi assilla quotidianamente al telefono perchè c'è da fare la prova costume del Necromancer.

Assange, volente o nolente, sei diventato personaggio pubblico quindi ti becchi il biopic romanzato commissionato dalle major come tutti i personaggi pubblici prima di te. Shut up & puppa la fava. :sisi:

#7
Hecks

Hecks
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 13627

 

il film è basato sui due libri che più diffamano wikileaks e non su libri neutrali o a favore quindi assange non vuole che si faccia (tira in ballo il fatto di come sia una mossa mediatica studiata per spalare [Censura] su di lui e wikileaks), lo scrive a cumberbatch che lo voleva incontrare visto che doveva interpretarlo nel film, spiegandogli che non aveva intenzione di incontrarlo solo perchè ciò avrebbe in un certo senso dato il suo benestare per il film e non assolutamente per motivi personali/lavorativi nei suoi confronti.

Assange la sua autobiografia non l'ha (ancora) scritta... e di biografie in merito non ce ne sono poi molte.



#8
Methos

Methos
  • In Juche-Rocket we trust

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 19668

Diciamo che in parte ha ragione Assange. E' improbabile, per ovvi motivi, che una grossa major statunitense possa fare un film "neutrale" su un personaggio che nella sua stessa nazione è un ricercato e criminale. Per finanziamenti, distribuzione e PR darà inevitabilmente un ritratto negativo di tale personaggio a conti fatti, vero o no che sia (non entro nel merito)



#9
maJ

maJ
  • BRUJERIA

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 2705

Che poi non capisco per quale motivo prendersela con Cumberbatch che qui è solo attore, non è nè l'ideatore nè il produttore del film ..

 

 

 

[..] lo scrive a cumberbatch che lo voleva incontrare visto che doveva interpretarlo nel film, spiegandogli che non aveva intenzione di incontrarlo solo perchè ciò avrebbe in un certo senso dato il suo benestare per il film e non assolutamente per motivi personali/lavorativi nei suoi confronti.

non mi pare proprio se la prenda con Cumberbatch, anzi, dice pure di essersi visto i suoi lavori e di apprezzarlo molto come attore e che probabilmente lo apprezzerebbe anche come persona.

 

Assange la sua autobiografia non l'ha (ancora) scritta... e di biografie in merito non ce ne sono poi molte.

ci sono svariati libri sulla faccenda wikileaks, per scrivere il copione di questo film sono stati presi in considerazione SOLO i due che la ritraggono come una cosa a solo scopo criminale e ritraggono Assange come una persona oscura e opportunista etc, cosa non veritiera visto che seguo la vicenda e credo basti leggersi wikipedia per farsi un' idea reale su wikileaks o leggere la lettera qui riportata per rendersi conto che assange non sia un personaggio maligno, nessuno chiede usino la sua autobiografia (che appunto manco esiste quindi non vedo perchè menzionarla), ma semplicemente che facciano un film realista e non diffamatore prendendo in considerazione entrambe le parti o almeno un punto di vista più neutrale, ci sono decine di libri neutrali e oggettivi in merito.



#10
Hecks

Hecks
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 13627

 

ci sono svariati libri sulla faccenda wikileaks, per scrivere il copione di questo film sono stati presi in considerazione SOLO i due che la ritraggono come una cosa a solo scopo criminale e ritraggono Assange come una persona oscura e opportunista etc, cosa non veritiera visto che seguo la vicenda e credo basti leggersi wikipedia per farsi un' idea reale su wikileaks o leggere la lettera qui riportata per rendersi conto che assange non sia un personaggio maligno, nessuno chiede usino la sua autobiografia (che appunto manco esiste quindi non vedo perchè menzionarla), ma semplicemente che facciano un film realista e non diffamatore prendendo in considerazione entrambe le parti o almeno un punto di vista più neutrale, ci sono decine di libri neutrali e oggettivi in merito.

Ci sono svariati libri che si concentrano sull'attività di wikileaks, ben pochi sulla sua storia/nascita. Sul fatto che i due libri presi per la sceneggiatura del film ritraggano wikileaks come una cosa a solo scopo criminale e Assange come una persona oscura e opportunista non mi esprimo, visto che non li ho letti... Uno è fatto da due giornalisti del Guardian e l'altro da un ex collaboratore di Assange (nessun ammeregano in giro). Riguardo al basta leggersi Wikipedia o la suddetta lettera per farsi un'idea reale su wikileaks e Assange avrei dei dubbi... ma tant'è!

 

 

 

Dreamworks is an extremely wealthy organisation, with ties to powerful interests in the US government.

I must therefore question the choices and motives behind it: the opportunism, fears and mundanity; the unwritten rules of film financing and distribution in the United States; the cringe against doing something useful and brave.

Eh! Addirittura... :gad2: Stiamo parlando di un film dal budget relativamente limitato e dalla media distribuzione (e che mi sa, nonostante chissà quale spinta del governo ammmeregano, la sceneggiatura "favorevole" e certe polemiche derivate, in pochi negli States andranno a vedere... non è proprio il film del week-end). Se certe "unwritten rules of film financing and distribution in the United States" funzionassero veramente i "documentari" di Michael Moore (ad esempio, eh!) non avrebbero mai dovuto raggiungere le sale ammeregane... ed invece...


Modificata da Hecks, 14 October 2013 - 08:23 PM.


#11
Methos

Methos
  • In Juche-Rocket we trust

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 19668

Eh! Addirittura... :gad2: Stiamo parlando di un film dal budget relativamente limitato e dalla media distribuzione (e che mi sa, nonostante chissà quale spinta del governo ammmeregano, la sceneggiatura "favorevole" e certe polemiche derivate, in pochi negli States andranno a vedere... non è proprio il film del week-end). Se certe "unwritten rules of film financing and distribution in the United States" funzionassero veramente i "documentari" di Michael Moore (ad esempio, eh!) non avrebbero mai dovuto raggiungere le sale ammeregane... ed invece...

 

Come al solito sottovaluti e tendi a ridicolizzare tutto.

Lungi dall'essere complottista, le "censure" sulle tematiche le ho vissute in prima persona.

 

Guarda, proprio mezz'ora fa mi arriva una email dal giornale di media entità (20.000 copie) su cui pubblico una rubrica settimanale da più di un anno per informarmi che il pezzo che ho scritto su Papa Francesco, "seppur condivisibile nei contenuti, non potrà essere pubblicato perché urterebbe la sensibilità della maggior parte dei nostri lettori e di relativi sponsor"



#12
Hecks

Hecks
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 13627

 

Come al solito sottovaluti e tendi a ridicolizzare tutto.

Lungi dall'essere complottista, le "censure" sulle tematiche le ho vissute in prima persona.

 

Guarda, proprio mezz'ora fa mi arriva una email dal giornale di media entità (20.000 copie) su cui pubblico una rubrica settimanale da più di un anno per informarmi che il pezzo che ho scritto su Papa Francesco, "seppur condivisibile nei contenuti, non potrà essere pubblicato perché urterebbe la sensibilità della maggior parte dei nostri lettori e di relativi sponsor"

Eh! Manda l'articolo ad un altro giornale (che si curi di meno di certi lettori e di "relativi" sponsor) e magari te lo pubblicano... cosa vuoi che ti dica?

 

Un giornale non è una casa di produzione cinematografica (e la Dreamworks + Reliance Entertainment + Partecipant Media + chissà chi altri mi risulta che non dipendano proprio dal governo ammeregano e "relativi" sponsor). Un articolo di giornale (chissà perché ma ho una vaga idea dei contenuti del pezzo) non è un biopic romanzato.

 

Io sto parlando del film in questione e dell'affermazione di Assange su Dreamworks e Governo ammeregano precedentemente quotata (con buona pace della mia tendenza a ridicolizzare tutto), non di chissà quali altre situazioni. Immagino che anche negli States ci siano sostenitori di Assange+Wikileaks (che probabilmente sono, o sarebbero, più propensi a vedere il suddetto film in un certo modo anziché in un altro... le cosiddette "unwritten rules of film financing and distribution in the United States" ... o meglio "in the World").


Modificata da Hecks, 14 October 2013 - 10:39 PM.


#13
Akumasama

Akumasama
  • Disarmonica la luce

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 75084

Sul fatto che i due libri presi per la sceneggiatura del film ritraggano wikileaks come una cosa a solo scopo criminale e Assange come una persona oscura e opportunista non mi esprimo

 

Perchè no?

Mi sembri prendere posizioni su svariata roba senza averla letta, perchè questa in particolare no?

Non è che se poi ti sbagli casca il mondo, sei sempre in tempo a cambiare idea in futuro no?



#14
Hecks

Hecks
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 13627

 

Perchè no?

Mi sembri prendere posizioni su svariata roba senza averla letta, perchè questa in particolare no?

Non è che se poi ti sbagli casca il mondo, sei sempre in tempo a cambiare idea in futuro no?

Come "perché no?" Non avendo letto i suddetti libri (e nemmeno visto il film con Cumberbatch di prossima distribuzione) non posso certo esprimermi sul fatto che i suddetti ritraggano wikileaks come una cosa a solo scopo criminale e Assange come una persona oscura e opportunista (quando e se vedrò il film e quando e se leggerò i sopracitati libri mi esprimerò eventualmente in merito). Stavo parlando del film e di rimando dei libri, non della mia idea su wikileaks+Assange (un'idea in merito, semplicemente, non me la sono fatta).

 

Quali sarebbero le posizioni che ho preso "su svariata roba senza averla letta"? :3occhi:


Modificata da Hecks, 15 October 2013 - 12:13 AM.


#15
maJ

maJ
  • BRUJERIA

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 2705

Ci sono svariati libri che si concentrano sull'attività di wikileaks, ben pochi sulla sua storia/nascita. Sul fatto che i due libri presi per la sceneggiatura del film ritraggano wikileaks come una cosa a solo scopo criminale e Assange come una persona oscura e opportunista non mi esprimo, visto che non li ho letti... Uno è fatto da due giornalisti del Guardian e l'altro da un ex collaboratore di Assange (nessun ammeregano in giro). Riguardo al basta leggersi Wikipedia o la suddetta lettera per farsi un'idea reale su wikileaks e Assange avrei dei dubbi... ma tant'è!

non capisco il senso di dire che ci siano molti libri riguardo la sua attività ma non sulla sua storia/nascita, credo il punto in questione sia proprio l'attività di wikileaks dipinta in maniera differente da quella che è (aldilà del personaggio di Assange), al massimo potevano pure ispirarsi a roba negativa per la storia romanzandola quanto volevano, ma almeno per l'attività usare fonti neutrali, attendibili e soprattutto realistiche no? mi sa proprio di scusa non-sense questa che ci siano "pochi libri sulla storia/nascita" se poi prendi i due più di parte da un senso. per quanto riguarda il fatto di leggerselo su wikipedia credevo fosse chiaro quello che intendessi, intendevo dire che basta farsi un' idea relativamente superficiale per capire -almeno in parte- le vere finalità di wikileaks e quello che rappresenta, il fatto che invece apparentemente propinino un film che la dipinga come una sola cosa negativa mi pare abbastanza eclatante (ovviamente la reale prova dei fatti sarebbe vederlo, ma personalmente mi fido di Assange visto che effettivamente i libri usati per la sceneggiatura sono entrambi devastanti ed esageratamente negativi nei confronti di un progetto che io invece ammiro).

 

Eh! Addirittura... :gad2: Stiamo parlando di un film dal budget relativamente limitato e dalla media distribuzione (e che mi sa, nonostante chissà quale spinta del governo ammmeregano, la sceneggiatura "favorevole" e certe polemiche derivate, in pochi negli States andranno a vedere... non è proprio il film del week-end). Se certe "unwritten rules of film financing and distribution in the United States" funzionassero veramente i "documentari" di Michael Moore (ad esempio, eh!) non avrebbero mai dovuto raggiungere le sale ammeregane... ed invece...

stiamo parlando di un film che modellerà l'idea pubblica della gente per sempre riguardo la faccenda wikileaks e che rimarrà lì a rappresentarla in quanto produzione Dreamworks, che sia più o meno distribuito non importa, in principio non vogliono pubblicizzare negativamente wikileaks, vogliono semplicemente renderlo "storicamente" quello che non è; please lasciamo fuori le teorie complottistiche perchè appunto ogni vicenda è a se, nessuno dice il mondo sia comandato dalle lobby, adesso stiamo parlando di un episodio in concreto mi pare.






Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi