Vai al contenuto

Bioshock Infinite considerazioni sul finale OCCHIO SPOILER!Topic solo per chi ha finito il gioco, chi non ha finito il gioco non entri!

- - - - -

  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 14 risposte

#1
cubeboy85

cubeboy85
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 2412

SE NON AVETE FINITO IL GIOCO NON LEGGETE

Per tutti quelli che hanno finito Bioshock Infinite e si interrogano su i perchè o meglio "sul quando" (cit. Lutece :D) questo è il topic dedicato allo scervellamento furioso al totaly mind fuck prodotto dal contorto ed affascinante finale del titolo Irrational Games.

Iniziamo postando una timeline (già comparsa su altri forum) che ci spieghi meglio gli avvenimenti di questo Bioshock Infinite.

timelinebioshock.jpg

Gli elemnti cardine della storia sono chiaramente 3: Booker Dewitt/Zachary Hale Comstock, Elizabeth Comstock/Anna De Witt ed i Lutece (probabilmente sono la stessa persona ma in una dimensione una persona è Rosalind Lutece un un'altra è Robert Lutece).Attorno alla dualità di questi interpreti si va a sviluppare tutto il complesso tessuto narrativo della vicenda.

Il punto focale in cui divergono i due principali universi paralleli è quello dell'accettazione o meno del battesimo, Dewitt accetta e diventa Comstock, Dewitt rifiuta si sposa ha una figlia (Anna) la moglie muore di parto lui si indebita e da via sua figlia per ripagare i debiti. Da qui in poi c'è tutto quello che abbiamo visto nel gioco, i vari salti attraverso gli squarci dimensionali e le realtà che si sovrappongono sino ad arrivare alla conclusione scioccante Comstock è Dewitt e per porre fine a tutto Dewitt deve morire ed a farlo è proprio sua figlia Anna/Elizabeth (seguendo la timeline è tutto più semplice da capire).

Alla fine ci rimane il dubbio se tutto questo abbia dato i suoi frutti, che tipo di paradosso spazio temporale ha creato: Booker è vivo e felice in un un altro universo paralello in cui non da via sua figlia? Non ci è ancora dato saperlo.
Altro dubbio immenso riguarda songbird, chi è? cos'è? Si sa che è stato creato da Fink usando la tecnologia di Rapture (dove puoi muore per mano di Elizabeth e c'è chi dice che in Bioshock 2 si senta il verso di songbird morente) e che protegge come un padre Elizabeth/Ann... Che non sia ancora una volta Booker DeWitt in una versione Big Daddy volante?

Ed ancora perchè Columbia? Perchè Comstock fa tutto quello che fa con il fine ultimo di distruggere in una mare di fiamme il resto del mondo?

Il mantra ripetuto più volte "portaci la ragazza e cancella il debito" presumibilmente non è da intendere alla lettera (i debiti di gioco) ma in senso più laterale, probabilmente i Lutece si riferiscono al debito che Dewitt avrebbe con l'umanità se la sua figlioletta diventasse la nuova profeta di Columbia (ricordiamo la New York del 1984 in fiamme).


Inoltre durante il gioco ci sono vari episodi che nella prima run ci dicono poco e niente ma ad una seconda run fanno un effetto totalmente diverso ad esempio "Testa o Croce":




Contate le volte che è uscito testa sono ben 122, 123 con la nostra! Significa che DeWitt o meglio "altrI" DeWitt hanno provato a venire a capo di tutto ben altre 122 volte prima di noi!

Ed ancora ecco cosa andava in voga nel 1912 a Columbia... piuttosto 80's non trovate :D? :










Insomma siamo di fronte ad un gioco che sfrutta a pieno tutta la capacità narrativa del mezzo di comunicazione "Videogame" e lo fa in una maniera a dir poco geniale e mai vista prima. Io ho anche pensato ad un metamessaggio stesso che chiaramente non può che essere una mera ipotesi soggettiva: Il gioco parla di universi paralleli in cui la storia cambia, i personaggi cambiano a seconda delle scelte che fanno e di come si comportano, insomma la realtà è puramente relativa e non è che una delle tante possibili ed esistenti. Alla fine dei conti, se ci pensate bene, ognuno di noi giocando ad un videogioco qualsiasi non compie mai gli stessi movimenti, le stesse scelte tattiche o strategiche che fa un altro giocando allo stesso gioco insomma la natura stessa del videogioco crea una narrazione che è diversa per ogni suo fruitore un po' come se ognuno vivesse la sua storia in un universo parallelo (si lo so... sto esagerando :D)

A voi la parola ;)!


Modificata da cubeboy85, 01 May 2013 - 10:05 AM.


#2
ilcesa342

ilcesa342
  • Eye Master

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [SMod]SuperMod
  • Messaggi: : 26635
finito anche io, insomma, bello fino ad un certo punto via...

#3
cubeboy85

cubeboy85
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 2412

finito anche io, insomma, bello fino ad un certo punto via...


Argomentando un po' di più il "certo punto" sarebbe ? :D

#4
ilcesa342

ilcesa342
  • Eye Master

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [SMod]SuperMod
  • Messaggi: : 26635

Argomentando un po' di più il "certo punto" sarebbe ? :D

Non mi ha entusiasmato, si capiva già che Dewitt e Comstock erano la stessa persona, lo si capisce quando a lui viene detto:"Morirai, ti ho visto morire"....
Così come il primo Bioshock era prevedibile, sono cose viste e riviste nei vari film purtroppo....

#5
cubeboy85

cubeboy85
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 2412

Non mi ha entusiasmato, si capiva già che Dewitt e Comstock erano la stessa persona, lo si capisce quando a lui viene detto:"Morirai, ti ho visto morire"....
Così come il primo Bioshock era prevedibile, sono cose viste e riviste nei vari film purtroppo....


Io non l'ho trovato poi cosi prevedibile, all'inizio può sembrare poi vieni sviato e poi è cosi... il punto è come ci si arriva al finale. A me è sembrato tutto geniale ed innovativo poi vabbè sono sempre pareri personali però io di film ne vedo tantissimi e difficilmente mi sorprendo ;)

#6
SpartanIXIV

SpartanIXIV
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 17087
Finito in questo istante. grande gioco,grande storia. Ma dovrò necessariamente approfondire meglio con una seconda giocata magari, perchè ad una prima è davvero difficile venire a capo di ogni dettaglio. Cmq, si parla spesso di arte/videogame. beh, se non è un pezzo d'arte un titolo che narra in tale maniera una storia,a questo punto non so proprio...

#7
meadfrodo75

meadfrodo75
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 2486
Finito ora, e il maledetto mi ha fatto fare le due di notte...spettacolare, un intreccio narrativo bellissimo, potentissimo. Il tutto supportato da un comparto artistico di primo livello....ha alcune lacune sul lato del gemeplay, ma tutto il resto è fenomenale!

Modificata da meadfrodo75, 28 April 2013 - 01:22 AM.


#8
cubeboy85

cubeboy85
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 2412

Una sola praola, pretenzioso.

A me non è piaciuto quasi per niente.

Cambia il titolo cmq Gabriè, spoiler free vuol dire che il topic non contiene spoiler. :rolle:

 

Cambiato. Pretenzioso :/ ... Perchè un gioco dovrebbe tendere al ribasso?



#9
GfxManEye

GfxManEye
  • Admin & Founder

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Admin]Admin Forum
  • Messaggi: : 85385
Appena finito, direttamente nella mia top trhee dopo shenmue ed ico. Incredibile, anche se speravo in qualche spiegazione in piu' alla fine.

#10
Asmoon

Asmoon
  • Please stay legend.

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 8987

Quando una storia comincia ad usare espedienti narrativi come verchi dimensionali, teletrasporti, amnesie, super-poteri, sogni, gemelli ecc. storco sempre il naso perchè in genere si va a cercare un' inutile complessità di intreccio senza tuttavia  essere capaci di raggiungerla con i metodi "tradizionali" della narrazione; questo per convincere il pubblico della qualità di un plot altrimenti povero.

Tutto ciò avviene anche in Bioshock Infinite, con l'aggravante di raccontare male la sua storia. Il videogioco è un medium diverso dal cinema e non puoi gestirlo allo stesso modo, sopratutto se il tuo obiettivo è una trama intricata; è un' idea pessima relegare alcune informazioni fondamentali ai fini della comprensione della storia a voxafoni "nascosti", io ad esempio alcuni dei dialoghi dei Lauteces me li sono saltati finendo con buchi narrativi che ho dovuto riempire grazie ad internet per capirci qualcosa. Aggiungiamoci che per un motivo o per un altro ci ho impiegato 3 settimane a finirlo, l'ultimo giorno non ricordavo ogni singolo particolare di quello che era successo 20 giorni prima finendo con ancora più lacune da colmare.

Infinite concentra tutti gli sforzi su questa farsa dei viaggi dimensionali lasciando indietro elementi cardine della bellezza narrativa del primo Bioshock: Rapture era la vera protagonista della storia e veniva trattata come tale, il gioco proponeva una critica a certe ideologie creandoci una distopia che il giocatore potesse esplorare (quindi narrazione attraverso il gameplay) affiancandoci in secondo piano un plot con morale a se stante (non per questo sgradevole o banale).

Columbia invece è la parodia (distopica fino ad un certo punto) di una società americana wasp conservatrice, realtà ormai in via d'estinzione e relegata ad un' area geografica abbastanza circoscritta, basata su norme e privilegi comunitari invece che su ideali. L'antagonista infine chi è? sei tu che in un' altra realtà ti sei battezzato diventando per questo un fanatico religioso megalomane... su questo punto spero di sbagliarmi e non aver colto il significato perchè mi rifiuto di pensare che l'intero messaggio sia in realtà un' ironia antiteista delle più ignoranti.

 

Purtroppo il gameplay ha la solita profondità da gioco story-driven e non compensa questa trama discutibile risultando debole specialmente all'inizio e verso la fine dell'avventura.

I pregi secondo me sono la grafica (specialmente quella delle ambientazioni) ed alcuni personaggi, per il resto sono contento di essermi fatto prestare Infinite senza spenderci soldi, specialmente perchè a fronte di questo valore produttivo si poteva fare molto di più.



#11
lotec

lotec
  • Eye Bastard

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 5718

Capolavoro assoluto.

Una coprotagonista con una personalità da far invidia a molti attori in carne e ossa, una ambientazione fantastica, che su pc con texture in hi-res fa spesso sgranare gli occhi, una storia ben raccontata ed un finale che mi ha lasciato di stucco.



#12
Asmoon

Asmoon
  • Please stay legend.

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 8987

 

Quoto, a me ha molto deluso principalmente dal lato gameplay e la storia sarà raccontata anche bene ma è costruita sulle basi di una carovana incredibile di buchi narrativi assurdi...

 

Inoltre io giocavo aspettandomi il plot twist (e anche una buona AI nemica) e mi aspettavo cose inimmaginabili, non che in una storia basata sui viaggi temporali alla fine gli unici due personaggi sono padre e figlia... sarà ma nel 2013 dopo Fringe e film come Tiime crimes, Primer e il recente blockbuster Looper, ma anche Terminator o Donnie Darko o l'esercito delle 12 scimmia, francamente la conclusione era immaginabile.

Ad un certo punto speravo nell'arrivo degli alieni e non che Elizabeth fosse nostra figlia.

 

In questo video viene spiegato con tanto di grafico il perché la storia non ha fra l'altro assolutamente senso logico.

Se non avete voglia e tempo per vederlo tutto la timeline è al minuto 15 fino al minuto 22+.

 

 

 

Per dire, questa è la timeline di Primer

 

PrimerTimeline.gif

 

Funziona, quella di B:I assolutamente no.

Se crei una storia basata sui viaggi temporali alcune regole devi seguirle.

 

Alla fine non posso dire che sia un cattivo gioco, ma francamente ho preferito e di molto Metro Last light.

Non mi ricordavo neanche che Infinite avesse scelte da compiere.



#13
veon

veon
  • Normal Eye Fan

  • StellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 332

Quando una storia comincia ad usare espedienti narrativi come verchi dimensionali, teletrasporti, amnesie, super-poteri, sogni, gemelli ecc. storco sempre il naso perchè in genere si va a cercare un' inutile complessità di intreccio senza tuttavia  essere capaci di raggiungerla con i metodi "tradizionali" della narrazione; questo per convincere il pubblico della qualità di un plot altrimenti povero.

Tutto ciò avviene anche in Bioshock Infinite, con l'aggravante di raccontare male la sua storia. Il videogioco è un medium diverso dal cinema e non puoi gestirlo allo stesso modo, sopratutto se il tuo obiettivo è una trama intricata; è un' idea pessima relegare alcune informazioni fondamentali ai fini della comprensione della storia a voxafoni "nascosti", io ad esempio alcuni dei dialoghi dei Lauteces me li sono saltati finendo con buchi narrativi che ho dovuto riempire grazie ad internet per capirci qualcosa. Aggiungiamoci che per un motivo o per un altro ci ho impiegato 3 settimane a finirlo, l'ultimo giorno non ricordavo ogni singolo particolare di quello che era successo 20 giorni prima finendo con ancora più lacune da colmare.

Infinite concentra tutti gli sforzi su questa farsa dei viaggi dimensionali lasciando indietro elementi cardine della bellezza narrativa del primo Bioshock: Rapture era la vera protagonista della storia e veniva trattata come tale, il gioco proponeva una critica a certe ideologie creandoci una distopia che il giocatore potesse esplorare (quindi narrazione attraverso il gameplay) affiancandoci in secondo piano un plot con morale a se stante (non per questo sgradevole o banale).

Columbia invece è la parodia (distopica fino ad un certo punto) di una società americana wasp conservatrice, realtà ormai in via d'estinzione e relegata ad un' area geografica abbastanza circoscritta, basata su norme e privilegi comunitari invece che su ideali. L'antagonista infine chi è? sei tu che in un' altra realtà ti sei battezzato diventando per questo un fanatico religioso megalomane... su questo punto spero di sbagliarmi e non aver colto il significato perchè mi rifiuto di pensare che l'intero messaggio sia in realtà un' ironia antiteista delle più ignoranti.

 

Purtroppo il gameplay ha la solita profondità da gioco story-driven e non compensa questa trama discutibile risultando debole specialmente all'inizio e verso la fine dell'avventura.

I pregi secondo me sono la grafica (specialmente quella delle ambientazioni) ed alcuni personaggi, per il resto sono contento di essermi fatto prestare Infinite senza spenderci soldi, specialmente perchè a fronte di questo valore produttivo si poteva fare molto di più.

 

Scusate se riesumo un post vecchio di anni,ma questo commento mi ha incuriosito.Perchè quindi fammi capire:uno non può più raccontare quello che vuole(varchi dimensionali e quant altro)come lo vuole perchè altrimenti usa espedienti per "convincere il pubblico della qualità di un plot altrimenti povero?"Per piacere:finiamola con sta scemenza secondo qui ogni storia un po più complessa del solito,viene raccontata così per chiara inadeguatezza dello scrittore.Non può essere semplicemente che Levine avesse deciso di raccontare la sua storia impostandola in questo modo e stop eh?Dobbiamo sempre sminuire,quando non demolire,un certo tipo di narrazione(che,se presa bene,è molto stimolante anche a livello intellettuale)solo perchè non piace a tutti(o,molto più semplicemente,non tutti riescono a seguirla bene)?Tra l'altro,posso anche essere d'accordo che trovare tutti i voxofoni possa essere frustrante(ma comunque,stiamo sempre parlando di un videogioco e mi pare un modo ottimo di dar senso all'esplorazione.O si preferiva trovare 400 inutili piume,per dire? )ma Bioshock infinite,rimane tutt ora una delle opere più coerenti(e non solo in questo medium)a livello narrativo su quest argomento,appena inizi a collegare tutti i fatti.Se poi tu ci hai messo 3 settimane a finirlo e alla fine non riuscivi a ricollegare bene il tutto è ovviamente un problema tuo(ma le seconde run esistono per questo  :asd: ),ma ciò non toglie nulla al lavoro mastodontico fatto da chi ha scritto la trama.Infine,non mi sembra nemmeno che  il messaggio del gioco sia un "ironia antitesita delle più ingoranti"ma,se mai,quanto le singole scelte possano influenzare e cambiare la vita delle persone.Se il plot di BI lo consideri "discutibile",mi domando quale videogioco(specialmente fps),per te,abbia una una storia che non lo sia.Destiny forse? :asd:

 

PS:tra l'altro,il tuo commento mi fa ricordare quello di un altro utente di everyeye,che,tempo fa,dopo aver finito il gioco scrisse che il signor Levine aveva molto da imparare su come si scrive una storia.A parte il divertimento che provo ogni volta che vedo un tizio su internet(che probabilmente nella vita non ha scritto niente più che i temi a scuola)che pensa seriamente di poter dare insegnamenti agli altri,a prescindere da chi,devo dire meno male che ci siete voi a ricordargli come si dovrebbe sceneggiare qualcosa.


Modificata da veon, 19 November 2016 - 05:54 PM.


#14
Geralt_di_Rivia87

Geralt_di_Rivia87
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1373
Scusate ragazzi ho finito infinity da poco, ora... X la prima vola.
Finito anche ep 1 del dlc.


Ora.. Voelvo chiedervi, che vuol dire il tatoo AD che ha nella mano destra?

Come mai lo chiamano falso profeta? ( anche se una teoria ce l ho)


Grazie

#15
"Sawyer"

"Sawyer"
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 739

Scusate ragazzi ho finito infinity da poco, ora... X la prima vola.
Finito anche ep 1 del dlc.


Ora.. Voelvo chiedervi, che vuol dire il tatoo AD che ha nella mano destra?

Come mai lo chiamano falso profeta? ( anche se una teoria ce l ho)


Grazie

 

 

Beh direi che nella parte finale si capisce abbastanza il significato di quel marchio.

 

AD, Anna DeWitt, la figlia di Booker DeWitt, ovvero Elizabeth.






Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Logo