Vai al contenuto

La localizzazione e Nintendo of EuropeLa crescita del mercato europeo?

- - - - -

  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 24 risposte

#1
Faber-Castell

Faber-Castell
  • Eye Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 9653
Il trend era già visibile con la generazione (tra poco) scorsa, cioè con l'avvento del DS e del Wii, ma nel 2005-06 nessuno si sarebbe aspettato che Nintendo of Europe iniziasse a fare quanto e anche di più di Nintendo of America in termini di localizzazioni di prodotti first-party e terze parti.

Il trend sembra si sia invertito da qualche anno, e si intesificato particolarmente negli ultimi 2 anni... abbiamo visto la divisione europea di Nintendo portare roba first party/second party come Magical Starsign, Hotel Dusk, Another Code, Last Window, Disaster, Xenoblade, Pandora's Tower, Tingle RPG e tanto altro, spesso di nicchia e con poco mercato da noi e a questo si è aggiunto la pubblicazione di titoli terze parti come Etrian Odyssey, i Residen Evil (DS, The Mercenaries 3D, Revelations), Inazuma Eleven, Professor Layton (che è esploso grazie ad una sapiente promozione), i Dragon Quest (IX, Itadaki Street, il IV, i Joker), Dead or Alive 3DS, Tekken 3D, i Fatal Frame/Project Zero (pure il 4, in realtà in lista, ma poi cancellato a causa di dissidi con Tecmo), Monster Hunter 3, Trauma Center e tanto altro ancora.

Certo, qualcosa è andato inevitabilmente perduto: vari giochi DS e Wii pubblicati da Nintendo in Giappone e mai giunti, gli altri Etrina Odyssey, qualche Dragon Quest, il secondo Trauma Center DS, il 2° Tingle DS, Excitebots per Wii, i Chibi-Robo!... ma visto comunque l'impegno profuso e la crescita rispetto al passato, non possiamo completamente lamentarci noi europei, sia perchè come dicevo siam stati trattati meglio degli utenti americani questa volta sia perchè non possiamo sputare su tutto ciò e per noi è pure difficile organizzarci con una sorta di ''Operation Rainfall PAL'' (forse perchè siam abituati e rassegnati da anni di non localizzazione di svariati titoli?).

Ma da cosa deriva, secondo voi, questo cambiamento di rotta? Ok, il presidente di NOE è un giapponese (Satoru Shibata), ma lo è dal 2000 ad oggi, quindi la sua linea potrebbe essere semplicemente mutata?

Imho, quest' ''occhio di riguardo'' (notare virgolette) del tutto nuovo verso l'Europa/Oceania, potrebbe essere spiegato con le dichiarazione che qualche tempo fa Iwata rilasciava agli investitori riguardo ad una crescita notevole del mercato europeo (che proprio in questa generazione mi pare, sommato, abbia superato non solo il Giappone, ma anche gli USA), ed è qui quindi che ha il maggior numero di nuovi potenziali giocatori e utenti per il gaming.
Quindi, Nintendo si sta preparando per supportare al meglio quello che in futuro diventerà il maggior mercato dei videogiochi, non solo in termini di volumi di vendita, forse?

I tanti accordi che Nintendo of Europe sta stringendo per la distribuzione con terze parti poi, potrebbe avere anche un'altra spiegazione che si aggiunge a quella qui sopra... l'esclusività del gioco su console Nintendo.
Nintendo potrebbe accordarsi con le terze parti per avere determinati brand anche sulle sue console e con questo la possibilità di distribuire tali giochi in Europa a spese di Nintendo... se ci fate caso svariati titoli distribiti da NOE (che si è occupata pure della promozione e a volte della localizzazione) come ad es. Monster Hunter 3, Etrian Odyssey, i Resident Evil, Samurai Warriors 3, Tekken 3D - ce ne sono troppi per essere elenceti tutti, da inizio generazione -, Ghost Trick, Ace Attorney, Layton etc. etc. sono rimaste esclusive Nintendo o comunque sono giunte altrove (tipo SW 3) con versioni diverse o su piattaforme non propriamente concorrenti (Ghost Trick su iOS, ad es.), e sempre dopo almeno più di un anno dall'uscita europea...

Ieri ne abbiamo avuto la riconferma con l'arrivo di titoli come Spirit Camera, ma anche Project Zero 2 per Wii oppure Calciobit(!)... o ancora Fire Emblem 3DS entro l'anno (hanno velocizzato la localizzazione? Pare di sì, in cantiere hanno pure altri giochi con tanto bel testo da tradurre, tipo Pandora, Last Story, Inazuma, Layton, forse Sakura Samurai, qualche Dragon Quest per 3DS e chissà cos'altro).

#2
Haseo-san

Haseo-san
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 189
Una motivazione importante di questo "rinascimento" europeo delle localizzazioni (non solo quelle Nintendo) dipende dalla maggior potenza dell'Euro nei confronti del Dollaro. Economicamente parlando, alle SH giapponesi conviene di gran lunga rischiare i propri capitali in Europa piuttosto che in America, ergo hanno cominciato a dare maggior priorità a noi piuttosto che al Nuovo Continente.

#3
Faber-Castell

Faber-Castell
  • Eye Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 9653

Una motivazione importante di questo "rinascimento" europeo delle localizzazioni (non solo quelle Nintendo) dipende dalla maggior potenza dell'Euro nei confronti del Dollaro. Economicamente parlando, alle SH giapponesi conviene di gran lunga rischiare i propri capitali in Europa piuttosto che in America, ergo hanno cominciato a dare maggior priorità a noi piuttosto che al Nuovo Continente.


A questo non ci avevo pensato!

Il divario Yen/Dollaro è più alto rispetto a quello Yen/Euro?

#4
MegaMustaine

MegaMustaine
  • EyeFicionados Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 53765
Oltre ai motivi suddetti,in realtà questa situazione è anche "potenziata" dall'evidente peggioramento di NoA da questo punto di vista,per cui i miglioramenti effettivi del trattamento per noi europei sembrano relativamente più grandi anche perchè li confrontiamo con le localizzazioni americane,ed ultimamente lì veramente non stanno facendo nulla

TLS addirittua l'ha pubblicato XSeed

Poi può anche darsi che effettivamente in america non ci sia pi mercato per alcune produzioni giapponesi,mentre in Europa,specie in francia,pur essendo una nicchia comunque qualcosa la si fa

O ancora potrebbe darsi che la divisione americana non stia proprio benissimo con i conti.In effetti sembrerebbe quasi che ultimamente gli HW ed i SW Nintendo vendano meglio in europa che in america,cosa assurda fino a qualche anno fa,in cui i risultati americani quasi doppiavano quelli europei

Modificata da MegaMustaine, 23 February 2012 - 04:01 PM.


#5
Faber-Castell

Faber-Castell
  • Eye Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 9653

Oltre ai motivi suddetti,in realtà questa situazione è anche "potenziata" dall'evidente peggioramento di NoA da questo punto di vista,per cui i miglioramenti effettivi del trattamento per noi europei sembrano relativamente più grandi anche perchè li confrontiamo con le localizzazioni americane,ed ultimamente lì veramente non stanno facendo nulla


E' vero, però non ricordo che Nintendo of America nel passato recente pubblicasse personalmente così tanti giochi terze parti in USA.

Poi può anche darsi che effettivamente in america non ci sia pi mercato per alcune produzioni giapponesi,mentre in Europa,specie in francia,pur essendo una nicchia comunque qualcosa la si fa

O ancora potrebbe darsi che la divisione americana non stia proprio benissimo con i conti.In effetti sembrerebbe quasi che ultimamente gli HW ed i SW Nintendo vendano meglio in europa che in america,cosa assurda fino a qualche anno fa,in cui i risultati americani quasi doppiavano quelli europei


Chissà... anche se mi pare strano che siano in difficoltà dal pdv economico, non dopo una generazione in cui hanno venduto 50 mln di DS e metà(?) Wii in USA...

#6
ROcK

ROcK
  • Mercante di carrelli della spesa

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 58564
Il mercato europeo evidentemente viene considerato + ricettivo verso un certo tipo di prodotti e in un certo senso + vicino a quello jap rispetto a quello usa.

lo dimostra il maggior successo qui da noi di titoli come brain training, nintendogs e soprattutto layton.
inoltre il mercato francese è discretamente ricettivo per gli jrpg e altri titoli dal look anime.

il mercato usa invece è + omogeneo.i jrpg vengono accettati molto meno ( ricordiamo che neanche sony ha distribuito direttamente white knight pur essendo un titolo first party come last story ) tanto che non vi si trova convenienza a localizzarli.

cmq il comportamento di NOA è comprensibile fino a un certo punto...si accontentano di non far uscire niente per mesi e mesi e non localizzano quello che c'è...

ritorniamo al solito discorso NOA se sente di avere dei problemi a vendere determinata roba sul suolo usa deve svilupparsi da sola i giochi adatti al suo mercato e per farlo è nintendo jap che la deve mettere in condizione aprendo studios in america.

#7
FlippoH

FlippoH
  • Normal Eye Fan

  • StellettaStelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 407
Devo dire che la piega che sta prendendo NoE per ora mi sta piacendo, davvero, davvero molto.
Oltretutto il Nintendo Direct di ieri non ha avuto tanti annunci rilevanti (di giochi nuovi), ma il fatto che molti titoli che mai mi sarei visto PAL mi ha stupito non poco.
Cioè dai, Etrian Odissey non lo si vedeva da quanto? Solo il primo episodio era arrivato PAL, il 2 e il 3 non erano arrivati, e il 4 ero già convinto che non l'avrei mai visto PAL, e invece...
Poi vogliamo parlare di Calciobit? Non ci avrei mai scommesso un centesimo che arrivasse PAL, idem per Fire Emblem e per quel Denpan RPG per eShop. Devo dire che mi ha lasciato davvero molto sorpreso riguardo ciò.
Vogliamo parlare poi di Solatorobo? Cioè, dai, ha avuto un trattamento fantastico quel gioco da parte di NoE, sito ufficiale, missioni DLC e altro, mentre in USA non c'è stato nulla di simile. L'unica pecca è stata la mancanza di London's Life nella versione PAL di Layton 4, ma hey, se portano un gioco come Calciobit/Denpan RPG chi dice che non lo vediamo come DSiWare? Oltretutto non penso sia solo Nintendo, ricordo che a quanto pare sarà SEGA a distribuire i giochi ATLUS, che finalmente li vedremo PAL senza attendere 10 anni? (Esclurdendo Etrian Odissey 4 che lo dovrebbe portare Nintendo).
Insomma, molto felice della piega che sta prendendo NoE, solamente non riesco a capire per quale motivo NoA invece non provi a pubblicizzare giochi come Xenoblade e TLS, gli americani per fortuna si ritrovano con team come XSEED che traduce i giochi.

#8
Faber-Castell

Faber-Castell
  • Eye Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 9653
@ ROCK: Credo sia più giusto spiegarlo con motivazioni economiche che altro.

Cioè, tu dici che in USA, sopratutto in questa generazione, si è assistito ad un cambio dei gusti del pubblico americano (oppure una crescita di interesse verso i prodotti giapponesi da parte di quello europeo...).
Magari è pure così (anzi, per certi versi è così = diffusione in USA di Xbox 360, FPS vari etc.), ma comunque il pubblico per i titoli giapponesi c'è sempre, e lo si vede nel modo in cui abbastanza ''tranquillamente'' continua la distribuzione di titoli di nicchia da parte di piccoli publisher in USA, cosa che avviene in misura minore in Europa e sopratutto in modo incostante.

Ok, il target di questi giochi è una nicchia, piccola rispetto al totale dell'utenza USA e delle basi installate, ma è comunque superiore (o quantomeno simile, se vogliamo) a quella europea.

In Europa poi dobbiamo contare il fatto che un ipotetico titolo giapponese bisogna distribuirlo per più di 2-3 stati, e con una localizzazione che spesso prevede non solo l'inglese (come in USA, o in più il francese e spagnolo [raro] nel caso di Canada e America Latina), ma anche altre lingue, e se non proprio il multi 5/6 con l'italiano e il portoghese, almeno il tedesco.

Modificata da Faber-Castell, 23 February 2012 - 04:33 PM.


#9
Black Zeta

Black Zeta
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 19923
Soddisfatto dalle localizzazioni su Wii. Per il DS mi sono già espresso a sufficienza -_-

#10
Faber-Castell

Faber-Castell
  • Eye Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 9653

ritorniamo al solito discorso NOA se sente di avere dei problemi a vendere determinata roba sul suolo usa deve svilupparsi da sola i giochi adatti al suo mercato e per farlo è nintendo jap che la deve mettere in condizione aprendo studios in america.


Tra l'altro, se questo non è possibile... beh, potrebbero aumentare le collaborazioni anche con le sh occidentali.
Un passo verso questo potrebbe essere l'annuncio dello scorso E3 dello sviluppo di LEGO City Stories (Wii U/3DS) sotto licenza Nintendo a Traveller's Tales, no?

#11
MegaMustaine

MegaMustaine
  • EyeFicionados Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 53765

@ ROCK: Credo sia più giusto spiegarlo con motivazioni economiche che altro.

Cioè, tu dici che in USA, sopratutto in questa generazione, si è assistito ad un cambio dei gusti del pubblico americano (oppure una crescita di interesse verso i prodotti giapponesi da parte di quello europeo...).
Magari è pure così (anzi, per certi versi è così = diffusione in USA di Xbox 360, FPS vari etc.), ma comunque il pubblico per i titoli giapponesi c'è sempre, e lo si vede nel modo in cui abbastanza ''tranquillamente'' continua la distribuzione di titoli di nicchia da parte di piccoli publisher in USA, cosa che avviene in misura minore in Europa e sopratutto in modo incostante.

Ok, il target di questi giochi è una nicchia, piccola rispetto al totale dell'utenza USA e delle basi installate, ma è comunque superiore (o quantomeno simile, se vogliamo) a quella europea.

In Europa poi dobbiamo contare il fatto che un ipotetico titolo giapponese bisogna distribuirlo per più di 2-3 stati, e con una localizzazione che spesso prevede non solo l'inglese (come in USA, o in più il francese e spagnolo [raro] nel caso di Canada e America Latina), ma anche altre lingue, e se non proprio il multi 5/6 con l'italiano e il portoghese, almeno il tedesco.


Calcola che recentemente hanno chiuso in America filiali per localizzazioni di anime giapponesi.Nello specifico non arriveranno più alcune serie di Gundam che addirittura erano in corso.Questo per dire che evidentemente qualche problema c'è

Probabilmente il dilagare di certi generi PCistici ha davvero ridotto all'osso la fanbase di questo tipo.Inoltre c'è da considerare che prima il venduto su suolo americano semplicemente era dovuto anche a chi importava quei giochi dall'europa.Adesso che escono anche e soprattutto in europa,viene da sè che non si importa più dall'america

Non so se sia esattamente così,ma potrebbe essere una spiegazione

#12
Bartz

Bartz
  • Viaggiatore ignoto

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 11802

Calcola che recentemente hanno chiuso in America filiali per localizzazioni di anime giapponesi.Nello specifico non arriveranno più alcune serie di Gundam che addirittura erano in corso.Questo per dire che evidentemente qualche problema c'è

Probabilmente il dilagare di certi generi PCistici ha davvero ridotto all'osso la fanbase di questo tipo.Inoltre c'è da considerare che prima il venduto su suolo americano semplicemente era dovuto anche a chi importava quei giochi dall'europa.Adesso che escono anche e soprattutto in europa,viene da sè che non si importa più dall'america

Non so se sia esattamente così,ma potrebbe essere una spiegazione

Io non ho mai capito perchè cambierebbe tanto a loro avere una versione UK piuttosto che USA di un gioco.....cioè cosa costerebbe semplicemente fare una stampa americana e prendere la localizzazione inglese europea che tanto la lingua è la stessa salvo solo alcune stupide parole? Per dirti che secondo me è inutile fare la traduzione americana quando c'è quella inglese PAL.....basterebbe solo convertire il gioco per il formato USA e basta. Certo, se fosse region free ogni console N non si farebbero tutte ste seghe mentali....:sisi:

Modificata da Bartz, 24 February 2012 - 11:48 AM.


#13
Nuas82

Nuas82
  • ARMnuaS

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 72251
io so solo che il mio cruccio più grande contro nintendo è sempre stato quello delle localizzazione.
poi arriva rock a dire che non cambierebbe niente se localizzassero fatal frame4, dynamic slash e stocazzo ma io la penso diversamente.
soprattutto, la penso diversamente per me come giocatore, prima di tutto.
per il mercato sarebbe cambiato poco, ma di sicuro si sarebbe stati meglio anche da quel punto di vista.

aggiungo solo che ultimamente, infatti, godo come un riccio per le DOVUTE ma fino a ieri UTOPICHE release occidentali PAL soprattutto, organizzate da NoE (da Xeno a TLS, da Pandora ai due Fatal Frame - 3ds e Wii) etc...

#14
ROcK

ROcK
  • Mercante di carrelli della spesa

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 58564
secondo me proprio tutto - tutto non sempre ha senso portarlo pal.ne dal mio pdv di giocatore ne in ottica di mercato che poi è quello che conta perchè se c'è un gioco in cui vince chi mette le dita nel sedere a un altro nel momento giusto ...bhe forse è meglio lasciar perdere :P

però è anche vero che non sempre è chiaro in base a cosa vengono fatte determinate scelte...e si sceglie di localizzare chessò ...tingle per nds ma non soma brighter di monolith ecc

io credo che prima di tutto sevono i giochi.se non ci sono quelli che localizzi?
adesso ci sono pandora e last story....prima c'erano dimamycstocaxxo e capitan rainow...non è la stessa cosa secondo me.

io onestamente su wii non ho sofferto tanto la mancata localizzazione se non in alcuni casi come trauma team ad es
per il resto tutta la roba nintendo + importante è stata portata PAL ma il punto focale è che è mancata proprio la roba da localizzare certe volte...e questo era il problema a monte.

#15
Faber-Castell

Faber-Castell
  • Eye Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 9653
Visto gli ultimi risvolti (distribuzione anche di KH 3D ad es.), mi pare ormai confermato che Nintendo si è preoccupata di raccogliere ottime esclusive, in cambio della distribuzione del titolo in occidente o nel solo mercato PAL.
Tutti i principali titoli per 3DS hanno avuto questo trattamento (distribuzione su altri mercati e marketing affidato a Nintendo). E tutti sono esclusive, quantomeno temporanee.

Iwata poi vuole spingere molto sulle collaborazioni tra i team Nintendo e le terze parti, dopotutto i vantaggi dovrebbero essere molti: minor costi, minor tempo, miglior relazioni con terzi, esclusività del titolo del tutto assicurata.

Modificata da Satoru-Castell, 01 July 2012 - 10:30 AM.





Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

Logo