Vai al contenuto

Gorbaciofperchè non se ne parla?


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 10 risposte

#1
Bukowski

Bukowski
  • The god of stramalacazzo

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 9189
Ciao a tutti,
ieri mi son concesso del buon cinema nostrano.
Gorbaciof (per via della voglia in fronte) è un ragioniere di poggio reale interpretato dall'immenso Toni Servillo.

La regia è affidata a Stefano Incerti.

Nessuno di voi l'ha visto?

#2
Ciobo

Ciobo
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 17581
ci sono le tette?

#3
Bukowski

Bukowski
  • The god of stramalacazzo

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 9189

ci sono le tette?

No. Ma c'è una cinese figa.
Scherzi a parte è un bel film.

#4
Ciobo

Ciobo
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 17581

No.


ecco vedi... se rispondevi sì imho il film era molto più interessante e chi l'aveva perso lo andava almeno a dargli un'occhiata
ora invece l'hai completamente affossato :sese:

esempio-> http://www.corriere....shtml?fr=plgol0
la fiction terra ribelle ha avuto un boom di ascolti e guarda caso (ma non è un caso :sisi: ) ci sono le tette
il mondo va così, che vuoi farci... :sese:

#5
Kei Kusanaji

Kei Kusanaji
  • Unmei

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 8996
LOL.

Btw si ihmo è un ottimo film.
Dall'alto della mia ignoranza lo avvicino più al cinema orientale che occidentale per via di tuta l'atmosfera che si respira: le musiche belle e particolari; il fatto che il film è quasi un muto.

Non se ne parla molto ihmo perché i suoi punti di forza che lo rendono così particolare, sono i suoi limiti. La storia c'è e non c'è; non ci si può affezionare/avvicinare ai personaggi perché son casi limite, quasi maschere di teatro; nulla è spiegato, veniamo buttati nella vicenda così come ne veniamo tirati fuori alla fine.
Putroppo però ihmo la vicenda non compie il suo scopo, far riflettere. Perciò la pellicola è godibile, ma alla fine non ci dà spunti di riflessione; continuiamo per la nostra strada come dopo aver visto una bella donna pensando 'bella' ma nulla più.

Ovviamente cento volte meglio questo film delle altre cacatedistegosauro che girano in genere per le sale.

#6
Bukowski

Bukowski
  • The god of stramalacazzo

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 9189

LOL.

Btw si ihmo è un ottimo film.
Dall'alto della mia ignoranza lo avvicino più al cinema orientale che occidentale per via di tuta l'atmosfera che si respira: le musiche belle e particolari; il fatto che il film è quasi un muto.

Non se ne parla molto ihmo perché i suoi punti di forza che lo rendono così particolare, sono i suoi limiti. La storia c'è e non c'è; non ci si può affezionare/avvicinare ai personaggi perché son casi limite, quasi maschere di teatro; nulla è spiegato, veniamo buttati nella vicenda così come ne veniamo tirati fuori alla fine.
Putroppo però ihmo la vicenda non compie il suo scopo, far riflettere. Perciò la pellicola è godibile, ma alla fine non ci dà spunti di riflessione; continuiamo per la nostra strada come dopo aver visto una bella donna pensando 'bella' ma nulla più.

Ovviamente cento volte meglio questo film delle altre cacatedistegosauro che girano in genere per le sale.


Non servono grandi dialoghi per far un bel film.
Basta uno sguardo, un tocco, una frase non detta per creare la magia.
La scena in cui il protagonista segue la sua amata al mercato rappresenta a pieno ciò che voglio dire.

Sarò un fan sfegatato di Servillo ma io lo ammiro come pochi.
Gli basta uno sguardo, una occhiata e dice tutto.
Certo è particolare ma una morale c'è: non si può sfuggire al destino.
La spirale che percorre non poteva che portarlo...lì.

Particolare, non per tutti, è vero. Ma gran film.

#7
Cobra Caos

Cobra Caos
  • IronEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 21187
Non se ne parla perchè il cinema italiano è commerciabile come la m3rda.
A nessuno frega niente di film simili, come dargli torto? Sarei sorpreso se, che ne so, una coppia di "casual" cinematografici andasse al multisala e, tra il marasma di blockbuster, scegliesse di andare a vedere Gorbaciof.
E' il tipico film che fa figo ai festival, ma poi al cinema non se lo fila quasi nessuno...

Questo solo per rispondere a "perchè non se ne parla?", poi se il film è bello tanto meglio :D

#8
breakfast.club

breakfast.club
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 22
Secondo me con una trama interessante, personaggi grotteschi e Toni Servillo si poteva fare molto di meglio.... la regia di Incerti è abbastanza anonima...

#9
Kprut

Kprut
  • Senza parole

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 40128
dovevo andare a vederlo a milano ma mi sono ammalato, uno di questi giorni vedo di trovarlo in giro che e' uno dei film che mi acchiappa di piu' del momento

#10
Bukowski

Bukowski
  • The god of stramalacazzo

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 9189

Secondo me con una trama interessante, personaggi grotteschi e Toni Servillo si poteva fare molto di meglio.... la regia di Incerti è abbastanza anonima...

Non condivido.
Toni è in splendida forma e la regia...non delude.

#11
SHARK74

SHARK74
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 8
Sguardo interessante e per certi versi inedito su una Napoli multietnica, schiava della fissazione per il gioco d'azzardo a tutti i livelli. Toni Servillo ha fatto un gran lavoro nel creare Gorbaciof, un personaggio inusuale e sfaccettato, perdente nella sua vita solitaria e autodistruttiva ma pericoloso come una belva ferita se messo alla strette, truffatore e propenso alla criminalità ma con un suo codice d'onore granitico quando si tratta di onorare i debiti di gioco.
Grande cura nel tratteggiarne anche la figura dal punto di vista estetico, un modo di muoversi, di vestirsi e di comunicare assolutamente precipuo ma che a volte straborda con eccessi come le basette di "moquette" palesemente posticce o la solita giacchella con un bottone allacciato sempre e comunque, neanche fosse un personaggio dei fumetti.
Il film è praticamente tutto in soggettiva tanto che le scene dove Gorbaciof è fuori campo potrebbero essere tranquillamente frutto dell'immaginazione del protagonista. Un film non perfetto che ha forse il limite principale nella basicità della storia tanto da far presagire il finale dopo poche battute dall'inizio tuttavia resta un opera originale con interessanti idee di regia, una pecora nera nel muffoso panorama nazionale. 7




Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi