Vai al contenuto

Perchè il Giappone ha fallito - SPECIALE

- - - - -

  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 538 risposte

#1
The Newser

The Newser
  • EyeFicionados Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Newser Ufficiale
  • Messaggi: : 106068
Perchè il Giappone ha fallito - SPECIALE
Ansie e motivazioni dietro il declino dell'industria videoludica giapponeseDistogliete per un momento lo sguardo dallo schermo e rivolgetelo alla mensola sulla quale riponete con cura i vostri videogiochi, dal ricordo infantile per Super Nintendo all'agguerritissimo Alan Wake fresco di stampa. Ora restringiamo lo sguardo, zoomiamo sulla pila di titoli Playstation 2 e poi su quella della sorella maggiore: notate qualcosa? Confrontate i nomi dei publisher sulle costine. La differenza è palpabile: seppur il ciclo vitale di Playstation 3 sia tutt'altro che finito, si nota immediatamente che, a meno di non essere sostenitori sfegatati del cultura geek giapponese, nella line up di questa console prevalgono nettamente i titoli occidentali, magari multipiattaforma.Cosa per certi versi impensabile se si guarda indietro al 128 bit Sony, la culla del divertimento made in Japan, tra arcade, beat'em up, JRPG e così via...La domanda del giorno dunque è: perchè questo cambio di prospettiva? Cosa è accaduto nel passaggio da una generazione ad un altra? Quali equilibri si sono spezzati?
Leggi l'articolo completo: Perchè il Giappone ha fallito - SPECIALE (Multi)


#2
Cocò

Cocò
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1100
L'E3 e altri impegni hanno fatto slittare la pubblicazione di De Re Ludica di Giugno ai primi del mese successivo.
Eccola infine qui una già controversa puntata. Spazio quindi ai vostri pareri!

#3
pAK

pAK
  • 0000000000000000000000000000

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Everyeye.it Pro
  • Messaggi: : 9690
per come la vedo non è solo l'industria jappo in crisi,ma un pò tutte le software house odierne....nel senso che ormai l'inventiva è andata a farsi benedire,sfornando giochi fotocopia(come accade con le auto) e puntando tutto sull'aspetto visivo...trovare un gioco degno di sto nome per me ormai è diventato difficilissimo.

#4
Filosofo89

Filosofo89
  • Normal Eye Fan

  • StellettaStelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 375
ovviamente prima o poi anche questo mercato si doveva globalizzare totalmente, ma non per questo vorrei che alcuni titoli orietali si dovessero adattare ai gusti dei bimbetti occidentali...

Come detto nell'articolo , i prodotti orientali godono di uno stile unico e ben delineato, proprio una tipologia di sviluppo videoludico differente...

E come se il cibo italiano dovesse esser esportato e per adattarlo al mercato USA ne faremmo (Censura) per fast food eater :asd: ....

#5
Polidori

Polidori
  • One Eye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 4904
Ma il wii non conta proprio nulla? :fg:
Io se guardo la pila dei giochi wii vedo un sacco di ottimi titoli fatti da giapponesi... :fg:

Per quanto riguarda la Ps3 secondo me non è minimamente paragonabile alla Ps2, l' intento della sony NON è
stato raggiunto... spesso mi ritrovo ancora a giocare con la Ps2 ( a proposito ieri mi sono preso una slim XD )...
Ed effettivamente qui non posso non constatare che su Ps3 si sente la mancanza di più giochi giapponesi...

L' andazzo della 360 si sapeva dalla sua uscita, che sia voluto o meno...


In definitiva secondo me i giapponesi in questa generazione sono andati al riparo dai costi, molto probabilmente
non si possono permettere grandi spese come gli occidentali..
Però io farei una distinzione da crisi economica a quella artistica, per la prima è innegabile che in giappone ci siano
problemi a sviluppare titoli tecnicamente ambiziosi, sulla seconda però non c'e' problema, ho visto parecchie genialate
dei giapponesi anche in questa generazione, sulla creatività sono ancora in buona forma.

Modificata da Polidori, 07 July 2010 - 10:05 AM.


#6
Filosofo89

Filosofo89
  • Normal Eye Fan

  • StellettaStelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 375
be giochi degni ce ne sono...molte avventure grafiche su pc per esempio....

Braid, Machinarium e word of goo dimostrano la bravura indipendente...

Molti rebrand invece dovrebbero esser evitati, per nuove IP degne....

La Ubisoft per esempio ha lasciato morie I am alive per tutti sti seguiti (splinter cell, assassin) di sicuro guadagno....questa politica non mi piace...

Sega e Capcom invece mi paiono un pò più propense nell'immettere sul mercato nuove IP...

#7
starlink1

starlink1
  • Only one is a legend

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 37882
Le americane dominano incontrastate questa gen. C è Rokstar e Activision in 2 fanno i guadagni di tutat l industrai jappo(salvando nintendo)...

Modificata da starlink1, 07 July 2010 - 10:44 AM.


#8
ROcK

ROcK
  • Mercante di carrelli della spesa

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 45565
letto...
è un tema molto dibattuto negli ultimi tempi.

ma...chi sta dominando il mercato oggi? nintendo.e lo fa attraverso i suoi giochi made in ead.giappone.
lo fa perchè ha seguito un impostazione del videogioco prettamente giapponese.il wii è il nes fondamentalmente...non come hw :P proprio come mentalità del prodotto.

forse le altre sh jap imho hanno tentato troppo di scimmiottare la proposta tipicamente occidentale di stampo pc non conoscendo abbastanza il campo e i gusti del pubblico jap.

prima le sh jap sviluppavano un gioco.lo facevano per i giapponesi.poi se gli occidentali lo compravano tanto meglio.gli occidentali non avevano scelta.c'era solo roba jap.
oggi ci sono sh occidentai che sviluppano per il pubblico occidentale sapendo benissimo cosa questo pubblico vuole.
il pubblico sceglie...e sceglie roba occidentale.

i giapponesi sono in crisi su home console? si
ma si potrebbe dire lo stesso degli occidentali su portatile.
i jap in questa generazione sia per incapacità di intercettare i gusti del pubblico occidentale, sia per non capacità strutturale e di conoscenze per star dietro all'avanzamento tecnologico si trovano costrette ad affidarsi a team occidentali per molti dei loro progetti su home
mentre hanno trovato il loro ambiente ideale su nds.

li continuano a fare quello che hanno sempre fatto.
nds è il seguito spitrituale del snes-psx-ps2...oggi nds

d'altro canto il loro mercato di riferimento è sempre quello interno...perchè sprecare energie a cercare di capire un mondo alieno come quello usa quando nel solo giappone ci sono 31 milioni di nds e 15 di psp? certo...il mercato occidentale fa gola...ma il punto è che loro sempre così hanno fatto.cioè hanno sviluppato per loro stessi fondamentalmente e poi se i loro giochi piacevano agli occidentali tanto meglio.oggi fanno lo stesso solo su portatile che tanto in jap hanno sostituito in toto le home come console di riferimento per sh e giocatori.

wii, ps3 e 360 non hanno tutte insieme lo stesso istallato di psp ( + o meno )
quindi non ci sono neanche incentivi sufficienti a impegnarsi a fondo sulle home e a cercare di fare sul serio su hd.a parere loro le chiappette ci sono i portatili.

forse non sono tanto loro ad essere involuti.ma i gusti ad essere cambiati a causa di un aumento dell'offerta in occidente.
mentre in jap continuano a fare sempre quello che hanno sempre fatto...solo su portatile.

i problemi quindi sono fondamentalmente:

a)non hanno major uber potenti come gli usa.ma le sh sono troppo piccole per sviluppare su hd
b)in jap c'è troppo poco istallato hd per giustificare un impegno di tante sh che hanno come riferimento soprattutto il mercato jap.la ps2 aveva 20 milioni di istallato.ps360 complessivamente 6-6 e mezzo.
c)le portatili hanno sostituito le home in jap mentre in occidente no.
d) il pubblico occidentale tende a sottovalutare/non considerare il gioco su portatile al pari di quello su home anche se diverso generalmente.quindi sente di + la "mancanza" delle sh giapponesi.

quindi si.le jappe sono in crisi solo su ps3 e 360. :P

#9
ispanico

ispanico
  • Waiting for Monster Hunter 3G

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Bannati
  • Messaggi: : 17509
L'unico riferimento al Nintendo DS che ho trovato nell'articolo parlava di dati di vendita... un po' poco.
Stessa cosa per la PSP, l'unico riferimento è all'invettiva contro la recensione di MGS per la console Sony(come se poi queste cose non succedessero nel settore occidentale, chi si ricorda le console regalate per Halo 3? O il casino per Kane & Linch?).
Francamente non mi è piaciuto proprio questo articolo, sia per come è stato scritto che per la parzialità dei contenuti.
Troppe citazioni, utili a sostenere una propria teoria ma che per forza di cose non rappresentano il quadro di una realtà decisamente più complessa.
Non è che devo credere che l'editoria giapponese sia povera di contenuti solo perchè lo dice il buon Nobuko Hashimoto(chi?).
Non devo neanche credere che una critica ‘alla occidentale' debba essere ritenuta universalmente accettabile come dice, o si evince dalle sue parole, Virginia Petrarca(di nuovo... chi?).
Ma al di là di uno stile che può piacere o meno, trovo che a livello di contenuti manchi qualcosa, ovvero l'importanza che le console portatile hanno per le software house giapponesi e che probabilmente nell'ottica dell'autore dell'articolo non merita nessuna citazione.

Non sarebbe più semplice perseguire la via della peculiarità nipponica, privilegiando stile e gameplay piuttosto che un confronto con i muscolosi mezzi dei tripla A occidentale?
Pare proprio di no: nessuno vuole fare la fine dell'Okami di Clover, un gioco amatissimo, straordinario, "lo Zelda di PS2", ma le cui vendite si sono attestate sul livello disastroso. Un lupo bianco, il folklore nipponico, la tenera grafica in cell-shading: troppo coraggioso per un'industria ancora arroccata sui medesimi brand di vent'anni fa. Clover è stata tagliata di netto dall'organico aziendale e il loro successivo abbandono di Capcom è stato accolto con un misto di sdegno e circospezione, che ben si nota nelle parole di Inafune durante un'intervista a 1UP: "attualmente non abbiamo in progetto seguiti per nessuno di quei franchise. Non posso dirlo per certo, ma non è molto probabile né attraente. Se non avessimo altre proprietà di cui realizzare dei seguiti potremmo appellarci a quelle per disperazione, ma non è questo il caso".


Ve lo giuro, il seguito di Okami esce per fine anno, non sulla PS3, ma sul DS, merita di essere citato o l'ottica occidentale comporta una visione del gaming portatile come un surrogato del divertimento elettronico tout court?
Non è che siamo noi(mi includo, ma solo per essere politicamente corretto) a non saper guardare quello che di buono proviene dal Giappone? Oppure siamo capaci di farlo solo sul televisore al plasma da 42 pollicci Full HD?
Io credo che dovremmo(stesso discorso di sopra...) incominciare a guardare di più alla sostanza, senza tralasciare la forma(per carità!).
Cos'è Ghost Trick? E' un titolo che nella gen scorsa sarebbe uscito su PS2, ora esce su Nintendo DS.
Ma immagino che per l'autore dell'articolo non esiste.

#10
Ciobo

Ciobo
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 17491
posso dire... ma-chi-se-ne-frega-di-chi-ce-l'ha-più-lungo-non-sono-mica-un-azionista-torno-a-giocare ? :)

#11
Link-F

Link-F
  • Responsabile Editoriale

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Web]Webmaster
  • Messaggi: : 13927
Bah. Se vogliamo far finta che la crisi dell'industria giapponese, che non ha saputo adeguare crismi produttivi e creatività (Citate pure il mercato portatile, ma per quel che riguarda inventiva e lead designing anche su quel fronte c'è ben poco da giorie, con Monster Hunter e Co) non esista, possiamo anche farlo.
Ma un'azienda (Nintendo) non è un paese. Se lei ha successo e soldi tanto meglio per i fan (che sembrano così vogliosi di una rivalsa storica che additano la Grande N come unico simbolo dell'industry nipponica), ma la situazione dell'industria nipponica, dall'epoca delle fusioni (namco-bandai, Square-enix) a oggi, non è rosea. E tant'è.
Quindi sì, ok, brava Nintendo, ma il suo successo non mi pare che metta in discussione la decadenza ed il declino di un0industria che, come saprà chi ha letto l'articolo, è documentata dai suoi stessi protagonisti, che rilasciano dichiarazioni abbastanza incisive, piuttosto che argomentata con i dati di vendita.

#12
Rhamsz

Rhamsz
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 10
E' normale, non possono vivere di rendita, nessuno può farlo. Il punto forte degli occidentali è stato di non fermarsi e cercare di raggiungere sempre standard più alti.

#13
Winterfury

Winterfury
  • Allah al bar

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 13741

d'altro canto il loro mercato di riferimento è sempre quello interno...perchè sprecare energie a cercare di capire un mondo alieno come quello usa quando nel solo giappone ci sono 31 milioni di nds e 15 di psp? certo...il mercato occidentale fa gola...ma il punto è che loro sempre così hanno fatto.cioè hanno sviluppato per loro stessi fondamentalmente e poi se i loro giochi piacevano agli occidentali tanto meglio.oggi fanno lo stesso solo su portatile che tanto in jap hanno sostituito in toto le home come console di riferimento per sh e giocatori.


QUOTO e mi sto stancando di ripeterlo come una macchinetta rotta per tutti i thread simili a questo, meglio quotare.

#14
Cocò

Cocò
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1100

L'unico riferimento al Nintendo DS che ho trovato nell'articolo parlava di dati di vendita... un po' poco.
Stessa cosa per la PSP, l'unico riferimento è all'invettiva contro la recensione di MGS per la console Sony(come se poi queste cose non succedessero nel settore occidentale, chi si ricorda le console regalate per Halo 3? O il casino per Kane & Linch?).
Francamente non mi è piaciuto proprio questo articolo, sia per come è stato scritto che per la parzialità dei contenuti.
Troppe citazioni, utili a sostenere una propria teoria ma che per forza di cose non rappresentano il quadro di una realtà decisamente più complessa.
Non è che devo credere che l'editoria giapponese sia povera di contenuti solo perchè lo dice il buon Nobuko Hashimoto(chi?).
Non devo neanche credere che una critica ‘alla occidentale' debba essere ritenuta universalmente accettabile come dice, o si evince dalle sue parole, Virginia Petrarca(di nuovo... chi?).
Ma al di là di uno stile che può piacere o meno, trovo che a livello di contenuti manchi qualcosa, ovvero l'importanza che le console portatile hanno per le software house giapponesi e che probabilmente nell'ottica dell'autore dell'articolo non merita nessuna citazione.



Ve lo giuro, il seguito di Okami esce per fine anno, non sulla PS3, ma sul DS, merita di essere citato o l'ottica occidentale comporta una visione del gaming portatile come un surrogato del divertimento elettronico tout court?
Non è che siamo noi(mi includo, ma solo per essere politicamente corretto) a non saper guardare quello che di buono proviene dal Giappone? Oppure siamo capaci di farlo solo sul televisore al plasma da 42 pollicci Full HD?
Io credo che dovremmo(stesso discorso di sopra...) incominciare a guardare di più alla sostanza, senza tralasciare la forma(per carità!).
Cos'è Ghost Trick? E' un titolo che nella gen scorsa sarebbe uscito su PS2, ora esce su Nintendo DS.
Ma immagino che per l'autore dell'articolo non esiste.


Di solito aspetto qualche ora prima di rispondere ai vari commenti e alle giuste critiche, ma per te devo fare un'eccezione.
Come altri il cruccio è che la menzione alle console portatili sia scarsa. Beh, giusto, te l'approvo. Il Nintendo DS è la nuova Playstation 2 (questo è vero sin dall'annuncio di Dragon Quest IX), la PSP una meritevole console: da possessore di entrambe, inclusi molti titoli nipponici o addirittura in edizione nipponica, non posso far altro che riconoscere il loro grande merito e le notevoli idee originali.
Ma se avessi voluto analizzare l'intera industria videoludica nipponica degli ultimi anni avrei potuto cimentarmi nello scrivere un manoscritto, non di certo un articolo per il web. Per forza di cose mi son dovuto focalizzare su questioni paradigmatiche, vedi il lancio di Xbox 360, vedi le pressioni sulla stampa (una connivenza ben più sottile, ma più gigante di quella saggiata dall'editoria occidentale), vedi le boriose parole di Inafune (a proposito, l'annuncio di Okamiden è ben più tardi di quelle parole. Rispetto della cronologia, forse?).
La tesi di conseguenza non è che i giapponesi han smesso di fare giochi (visto che ho ignorato le portatili hai inteso ciò, dico bene?), ma che in una ideale concorrenza occidente-oriente ne sono usciti svantaggiati. A livello di industria, di relazione con l'utente, non certo di qualità dei loro videogame. Se poi ovviamente non vuoi accettare la realtà, le parole di Yoshihiro Sudo di Earth Seeker immagina che le abbia scritte io durante un afoso pomeriggio.
Per giunta, a me hanno insegnato che i pareri d'altra gente sono meritevoli in quanto a contenuti non in quanto a nome che portano. Altrimenti perchè avrei dovuto rispondere all'ignoto "ispanico"?

Modificata da Cocò, 07 July 2010 - 10:59 AM.


#15
Brick

Brick
  • Il fu RaR7

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 11155
Mah, non mi ritrovo molto d'accordo... Come già detto, il Wii e le portatili li tralasciamo? Perchè così è come dire "il Giappone va male, escludendo le piattaforme dove va bene" :D

La critica alla occidentale? Quella che ha solo 3 voti, dall'8 al 10 (a parte EDGE che tira dadi con 8 facce che partono da 3 e arrivano a 10), e ha subito avuto anche lei gravi scandali (il caso Kane & Lynch, la pubblicità di IGN su PES)... Gran miglioramento :sese:

Alla fine anche Devil May Cry 4 ha avuto successo in tutto il mondo proprio come i capitoli precedenti, nonostante la palese mancanza di originalità e la benchè minima innovazione: alta definizione a parte non c'era modo di giustificare la pubblicazione del quarto capitolo su Xbox 360 e Playstation 3 e non su Playstation 2. Allora ci si chiedeva perchè tali texture fotorealistiche dovrebbero giustificare l'acquisto di una nuova console?


Questa giuro che non l'ho capita :fg:
Voglio proprio sapere la giustificazione per poter pubblicare Uncharted 2, God of War 3, Halo 3 o Alan Wake (due per console, così non vengo accusato) su PS3/360 invece che su Ps2/xbox. A parte la grafica ci sarebbero tutti potuti stare.




Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi