Vai al contenuto

Riposi in pace, Ragioner Fantozzistanotte č morto Paolo Villaggio


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 45 risposte

#16
LUK@

LUK@
  • EyeFicionados Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 52241

una icona

 

spiace tantissimo , fantozzi rimarrà uno dei personaggi meglio riusciti nella comicità italiana



#17
DarkFede

DarkFede
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 12765

Indimenticabile, ha rappresentato alla grande l'Italia dei tempi, e forse non solo dei tempi.

Grande artista e grande comico, ci sono cresciuto coi film di Fantozzi :(



#18
LambertoKevlar

LambertoKevlar
  • EyeFolie

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 37795

Paolo ci ha cresciuti tutti  :will2:



#19
Sting87

Sting87
  • IronEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 24197

Che brutto colpo, soprattutto per le generazioni che sono cresciute con Fantozzi, una leggenda !

 

:(



#20
babil

babil
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 19041

Mi mette ancora più tristezza pensare che qualche settimana fa ho visto una sua intervista ed ho pensato che lui era uno dei pochi ancora "sopravvissuti". :sigh:

 

Una grande maschera del cinema italiano che però è rimasto un pò imprigionato nel ruolo di Fantozzi quando Villaggio poteva fare anche ruoli più seri, ma non meno critici (guardatevi "Io speriamo che me la cavo").



#21
Feral

Feral
  • Roman Empire

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 30993
Un mito, grazie di tutto Paolo :(

#22
Kesar

Kesar
  • Eye Bastard

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 6005

Proprio venderdì a cena con amici parlavamo delle intramontabili risate fatte con i suoi film su Fantozzi.

Ha segnato davvero una generazione! RIP



#23
LambertoKevlar

LambertoKevlar
  • EyeFolie

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 37795

ne segnerà tante di generazioni.



#24
Vagabond

Vagabond
  • Let's all watch as the world goes to the devil

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 19943
Sono in lutto.

#25
WhiteWolf056933

WhiteWolf056933
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Everyeye.it Pro
  • Messaggi: : 805
E ora chi ci dice chi ha fatto palo?

Inviato dal mio A0001 utilizzando Tapatalk

#26
Basty

Basty
  • G R A W L

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 10576

Mo vabbè niente
È morta la comicità italiana
Non sono mai riuscito ad incontrarlo
Avrei voluto fargli così tante domande
Non era solo Fantozzi,ma è stato un vero intellettuale dei nostri tempi
Avete mai letto un suo libro? O ascoltato cosa ne pensa dell italia?cosa rappresenta veramente Fantozzi?

Addio Paolo.

 

Hai detto esattamente, precisamente, quello che volevo esprimere io.

 

Nonstante una notizia del genere la paventavo da oramai 16-17 anni, da quando ha fatto outing sul fatto che nonostante il diabete continuava a godersi la vita come meglio credeva e a mangiare quello che voleva, finendo spesso in ospedale (insomma per un paio di decenni ha mostrato il dito medio alla malattia come un vero ribelle) quando ho saputo stamattina alle 8 sono andato a vomitare la colazione, quasi subito, non so perché.

 

Voglio ricordare una cosa di lui:

Nel mio gruppo scolastico e anche al di fuori, a partire da 25 anni fa, "Fantozzi" non era solo un personaggio del meglio della letteratura e del cinema italiano, era un modo di essere, lo imitavamo ed emulavamo tutti i giorni, a tutte le ore.

Ricordo l'ultimatum di una delle insegnati che pensava seriamente di scrivergli una lettera, che iniziava così:

 

"Caro signor Paolo Villaggio, le devo far presente che qui nella sezione C della scuola Giovan Battista Perasso, lei ha un grande seguito, i bambini vorrebbero essere tutti copie del Rag. Ugo Fantozzi piuttosto che cercare di sviluppare una personalità propria, venga a conoscere di persona questo stuolo di perfetti ed incalliti imitatori!

Distinti Saluti, Tiziana Val****"

 

Purtroppo era soltanto una gag dell'insegnante, quella lettera non è mai stata veramente spedita in quanto aveva capito che per noi non sarebbe stato un imbarazzo se Paolo avesse saputo cosa facevamo.

Con orari di scuola che andavano dalle 8 alle 17 e un ammontare debilitante di compiti da svolgere a parte, dovevamo pur trovare uno svago, una macchietta in cui identificarci, un qualcosa che esorcizzasse la serietà e il rigore di quell'ambiente.

 

Hai lasciato un impronta nella formazione personale e culturale di almeno due generazioni, non sarai mai veramente morto, ciao Paolo.



#27
The MILFonator!

The MILFonator!
  • Non si puņ sfuggire al destino..

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 5433

La cosa più triste, forse, è che il personaggio per cui verrà ricordato per tanti anni a venire era lo stesso personaggio che aveva ingabbiato la sua carriera (e quindi la sua vita), e che col tempo aveva finito per odiare. 

Rip Paolo, grazie comunque di tutto.



#28
LambertoKevlar

LambertoKevlar
  • EyeFolie

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 37795

La cosa più triste, forse, è che il personaggio per cui verrà ricordato per tanti anni a venire era lo stesso personaggio che aveva ingabbiato la sua carriera (e quindi la sua vita), e che col tempo aveva finito per odiare. 

Rip Paolo, grazie comunque di tutto.

forse sì forse no

 

 



#29
Quilty

Quilty
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 2301

I film di Fantozzi sono l'ultimo tassello della grande commedia italiana. Dopo di loro, con poche e preziose eccezioni, solo farse pecorecce, cinepanettoni, anemiche ed indistinguibili commediole à la Pieraccioni ed infine desolanti quanto presuntuosi rigurgiti di cabaret televisivo.

Non serve certo confrontare Fantozzi con questo miserabile panorama per celebrarne la grandezza. A dispetto della scelta del grottesco, dell'iperbolico, persino del mostruoso come cifra narrativa, questi film mantengono una precisione, un'acutezza di sguardo, un'esattezza nei dettagli davvero notevole, al punto che si può dibattere del fatto che Fantozzi abbia raccontato la realtà o se sia questa ad essere diventata, col tempo, sempre più fantozziana.

Come tutti i grandi comici, da Totò a Peter Sellers, Paolo Villaggio ha spesso dissipato il suo talento: la sua filmografia è composta, per almeno tre quarti, da titoli sciatti, insignificanti, spesso imbarazzanti. Di questo, una persona dall'intelligenza acuta e priva del vezzo della falsa modestia qual era lui, era perfettamente consapevole. Ricordo un'intervista, forse di Vincenzo Mollica, sulla macchina che lo portava a ritirare il premio alla carriera alla Mostra di Venezia: il giornalista sciorinò il lungo elenco di interpretazioni che Villaggio avrebbe dovuto bollare come "serie A" e "serie B", ma il cinico navigato utilizzò buona parte dell'alfabeto, specie quella finale. Troppi Pompieri, troppe Scuola di Ladri, troppi Rimini Rimini; ma quando il materiale gli consentiva di volare, volava davvero in alto, direi più in alto di tutti: ho spesso affermato, citando la scena della cena a casa della Contessa Serbelloni Mazzanti Viendalmare, che forse solo il già citato Sellers, in Hollywood Party, è riuscito a fare di meglio.

Paolo Villaggio era un comico sopraffino perché aveva compreso, meglio di tutti, ciò che ai Pieraccioni, ai Siani, ai Ficarra&Picone, ed in gran parte anche ai Checco Zalone, continua clamorosamente a sfuggire: il comico deve essere sgraziato, possibilmente brutto e necessariamente cattivo, fino alla ferocia ed oltre. Di questa cattiveria Villaggio aveva fatto un'arte, nei film come nella vita, senza concedersi mai siparietti buonisti e conciliatori, ma andando giù dritto e pesante con tutti, che si trattasse di Madre Teresa di Calcutta ("...un topo di cuoio libanese. Mi guardò come si guarda un rettile") o di celebri e stimatissimi colleghi (si fece beffe di Marco Ferreri, scroccone perennamente indebitato, e delle velleità gastronomiche di Tognazzi) o, soprattutto, di sé stesso.

Quand'ero un giovane ed intransigente cinefilo , gli amici del bazzico mi avevano affibbiato il soprannome Riccardelli, come il famoso e "potentissimo" Professor Guidobaldo Maria appassionato dei film dell'espressionismo tedesco. Anche solo per questo, sarò per sempre debitore verso Paolo Villaggio.



#30
Basty

Basty
  • G R A W L

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 10576

Paolo ci ha cresciuti tutti  :will2:

 

Non è per niente esagerata come affermazione, perlomeno da un punto di vista spirituale.






Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi