Vai al contenuto

Qualcosa sta cambiando - SPECIALE

- - - - -

  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 31 risposte

#1
The Newser

The Newser
  • EyeFicionados Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Newser Ufficiale
  • Messaggi: : 102380
Qualcosa sta cambiando - SPECIALE
Di Giappone, di crisi e di rivoluzioni. La convergenza delle piattaforme e la (presunta) morte dei Tripla A. Come cambierà il nostro modo di giocare nell'era in cui tutto è connesso?
..
Leggi l'articolo completo: Qualcosa sta cambiando - SPECIALE (Multi)



#2
nikomov

nikomov
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 88
Ammetto che ho letto solo il commento finale ma la penso perfettamente come te! Basta con questo pensiero conservatore del "una volta era meglio...". Le cose evolvono e noi dovremmo farlo con loro senza rimpianti ma solo con la consapevolezza di essere stati fortunati ad aver giocato a giochi che hanno rivoluzionato tal mondo.

#3
Guest_Carmelo CalvagnaeYe

Guest_Carmelo CalvagnaeYe
  • Gruppo: Ospiti
Complimenti per l'articolo, hai avuto molto coraggio. Adesso verrai massacrato, ma poco importa, il mondo cambia sempre più velocemente. Se non si è soddisfatti dei controlli touch offerti dagli ultimi titoli arcade usciti per iOS a Android (migliorati enormemente come precisione negli ultimi anni) basta acquistare un pad compatibile. Ci sono già centinaia di titoli che supportano i controller fisici sugli store, basterebbe avere la giusta apertura mentale. Geometry Wars 3 dimensions uscito qualche giorno giocato con il pad è una goduria anche su Tablet e Smartphone, senza contare che possiamo collegarli alla TV. Il mondo va vanti lo stesso, che ci piaccia o no.

#4
maxter85

maxter85
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Everyeye.it Pro
  • Messaggi: : 190
Ottimo articolo che fa un quadro generale dell'industria video ludica odierna. Sono un utente console/Pc ( su pc meno perché non è molto prestante e nn ci girano i giochi di ultima generazione) e su iPad e iPhone ci gioco più nei tempi morti o sporadici viaggi in cui non guido che altro. Alcuni giochi mi sono anche piaciuti, tipo la serie infinity blade per dirne una. Il fatto è che per giochi più complessi o anche solo per i fps i controlli tattili nn hanno, almeno al momento, la precisione garantita da quelli fisici. Poi c'è il fatto che da collezionista, se posso (cioè se vengono rilasciate) preferisco enormemente le copie fisiche. Per questo al momento mi viene da dire che preferisco le console ( fisse e portatili) e pc al mobile.non so come possano mogliorare i controlli affidandosi solo al touch per permetterci di giocare agevolmente a giochi tipo the witcher 3, tanto per citarne uno. Da videogiocatore di vecchia data spero che il mercato "tradizionale" abbia ancora lunga vita, e che almeno compagnie come Nintendo restino fedeli a loro stesse pur espandendosi in altre direzioni per tenere il passo con i tempi.

#5
JenaPlissken

JenaPlissken
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 765
Grazie per l'articolo, personalmente credo che il videogiocare sia già cambiato da qualche anno e cambierà ancora con l'avvento dei visori e nuovi device.
Questo non lo vedo un problema perchè ad esempio Microsoft con Windows 10 si sta muovendo proprio in quella direzione e se i giochi su PC non sono morti con le console non saranno tablet o smartphone ad ucciderlo.
La mia idea è che tutto convergerà, un unico pool di risorse/giochi accessibile da N Device... fico no?

#6
vval

vval
  • Eye Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 9134

nuooo voglio giocare pure io al gioco in cui si deve arredare casa :D



#7
Sergio Pennacchini

Sergio Pennacchini
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 249

Ottimo articolo che fa un quadro generale dell'industria video ludica odierna. Sono un utente console/Pc ( su pc meno perché non è molto prestante e nn ci girano i giochi di ultima generazione) e su iPad e iPhone ci gioco più nei tempi morti o sporadici viaggi in cui non guido che altro. Alcuni giochi mi sono anche piaciuti, tipo la serie infinity blade per dirne una. Il fatto è che per giochi più complessi o anche solo per i fps i controlli tattili nn hanno, almeno al momento, la precisione garantita da quelli fisici. Poi c'è il fatto che da collezionista, se posso (cioè se vengono rilasciate) preferisco enormemente le copie fisiche. Per questo al momento mi viene da dire che preferisco le console ( fisse e portatili) e pc al mobile.non so come possano mogliorare i controlli affidandosi solo al touch per permetterci di giocare agevolmente a giochi tipo the witcher 3, tanto per citarne uno. Da videogiocatore di vecchia data spero che il mercato "tradizionale" abbia ancora lunga vita, e che almeno compagnie come Nintendo restino fedeli a loro stesse pur espandendosi in altre direzioni per tenere il passo con i tempi.


Ma il punto Maxter è proprio questo: tu, come me, hai vissuto un certo modo di intendere i videogame e non è facile cambiare. E' normale, naturale, umano. Io pure preferisco la copia fisica, eppure gli ultimi dati di Electronic Arts dicono che l'azienda americana ormai vende più digitale che fisico (circa 2,2 miliardi di dollari su un fatturato totale di 4,2 miliardi, compresi però i giochi per mobile che sono una larga fetta). Si può giocare su un tablet utilizzando un pad, si può usare Amazon Fire Console, oppure Nvidia Shield e c'è sempre un pad. L'esperienza di utilizzo non è affatto diversa da quella di una console tradizionale. Il punto è che un domani avere una console fisica, per Sony o Microsoft, non avrà più senso. Domani probabilmente saremo abbonati a un servizio, magari il PS Plus arriverà anche su smartphone, tv o sullo smartwatch per dire, e potremo giocare ad Uncharted 6 dove e come ci pare. Pensa a Steam e a come ha rivoluzionato e risollevato il gaming su PC: un modello di business snello, veloce, simile a quello degli app store di Apple e Google. Tutto digitale, niente distributori di mezzo, più soldi per chi fa i giochi. E' questo il futuro, purtroppo o per fortuna a seconda dei gusti :)

#8
CapitanCarisma

CapitanCarisma
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Everyeye.it User
  • Messaggi: : 625
Mah, non so voi, ma io un Uncharted 6 mi piacerebbe giocarlo su una tv da 46 pollici invece che su un tablet....

#9
Devil Hand

Devil Hand
  • One Eye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 4411
Io pur essendo del 90, sono uno vecchio stampo, seguo l'elettronica in generale perchè mi piace, ma per certe cose preferisco sempre le cose tradizionali, io amo l'analogico in generale, è giusto evolversi con la tecnologia e stare al passo ma, l'importante è non diventarne schiavi, ma se tutti fossero come me, i videogame non andrebbero avanti :D

#10
Stein

Stein
  • tagomagoeye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 40067

articolo molto bello, intelligente e ben scritto. ma purtroppo, per quanto mi sforzi di "aprire la mente" al cambiamento, trovo che se l'ipotesi del gaming del futuro sono i dannati smartphone, c'è davvero poco da rallegrarsi. Più si va avanti e più tristemente mi accorgo che mi sto avvicinando pericolosamente a quel limite in cui i videogiochi saranno altro da ciò che io intendo. Di realtà virtuali o di fastidioso online onnipresente mi interessa poco. Vedo piuttosto che c'è sempre meno spazio per i videogiocatori di vecchia data. Eppure quelli come me vogliono ancora videogiocare ci sono! E gridano a gra voce quando viene data loro l'opportunità di farsi sentire. La dimostrazione è il successo di operazioni come Bloodstained che sta letteralmente spopolando su Kickstarter. Ma nonostante questo, noto come quella tipologia di prodotti antica non possa fare a meno di strizzare l'occhiolino all modernità. E così ci infileranno la solita co-op anche lì. Per quanto possano arrivare dei sostituiti a colmare il vuoto lasciato dal crollo dei grandi giochi del passato, mi sembra sempre che questo vuoto poi non sia realmente del tutto colmato e che di quello spazio a poco a poco se ne perda sempre di più qualcosa. E pezzettino dopo pezzettino molta roba è ormai andata perduta, relegata sempre di più a schermi piccoli, da utilizzare sul tram e non su quei grandi grandi, bellissimi televisori davanti ai quali sognavamo ogni giorno nel nostro salotto. E se ad esempio, di RPG a turni ormai sulle attuali console non ne esistono più, continuando a tenersi stretta la propria sopravvivenza sulle console portatili, temo che in futuro che questo glorioso genere finirà agli smartphone, e poi neanche più a quelli. Cedendo il passo alla "modernità". Ma cosa è la modernità? FFVX è un gioco migliore di FF Tactics? Secondo me no. Così come Angry Birds non è un gioco migliore di Super Mario Bros. Ma forse lo dico solo perchè sto diventando vecchio, e quel limite di cui parlavo prima, ormai l'ho raggiunto da tempo.... -_-



#11
CapitanCarisma

CapitanCarisma
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Everyeye.it User
  • Messaggi: : 625
Cmq a me questa cosa non convince del tutto.... Cioè questa cosa di giocare i titoli tripla A sui tablet o gli smartphone a me semplicemente non interessa perché preferisco 100 volte farlo dalla tv (e con un controller fisico)

#12
Spaceman82

Spaceman82
  • One Eye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 3297
Purtroppo (e sottolineo purtroppo) quello che c'è scritto nell'articolo è vero, anche più di quello che io stesso sono disposto ad ammettere.
Personalmente il futuro dei videogiochi mi piace sempre di meno, io voglio la mia console, con la mia copia fisica e la possibilità di giocare offline quando e come voglio, sarò retrogrado, sarò ottuso, ma la penso così.
Ho solo una cosa da dire, ringrazio di aver potuto vivere pienamente quel periodo della storia dei videogiochi che ora sta tramontando.

#13
Devil Hand

Devil Hand
  • One Eye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 4411

Purtroppo (e sottolineo purtroppo) quello che c'è scritto nell'articolo è vero, anche più di quello che io stesso sono disposto ad ammettere.
Personalmente il futuro dei videogiochi mi piace sempre di meno, io voglio la mia console, con la mia copia fisica e la possibilità di giocare offline quando e come voglio, sarò retrogrado, sarò ottuso, ma la penso così.
Ho solo una cosa da dire, ringrazio di aver potuto vivere pienamente quel periodo della storia dei videogiochi che ora sta tramontando.


Guarda, a me l'Online non interessa minimamente, amerò il Single Player a vita, e il Multiplayer ancora meno mi importa, finchè faranno giochi così allora ci giocherò, ma appena le cominceranno a cambiare troppo, mi tengo i giochi vecchi e finita lì, è giusto andare avanti, ma senza scordarsi di come era un tempo...

#14
DjCala

DjCala
  • Vecchio stile, vecchia scuola

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 50186
Tristezza a palate....leggendo questo articolo, mi è venuta la depressione, una visione del futuro più nera così (dal mio punto di vista) non la si poteva proprio dare.

Giocare con i dispositivi mobile, attualmente è lo schifo....per giocare decentemente serve un bel pad, che a quel punto tanto vale giocare su console.

Se il futuro è davvero il mobile, vorrà dire che dovrò rinunciare alla mia passione :(

#15
Jdesade

Jdesade
  • One Eye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 4996
Per ora il mercato mobile ha soppiantato ciò che era il video giocatore causal che ha fatto vendere palate di wii.

È un altro mercato che non è quello dei giocatori classici (chiamiamoli core) se di questo non ci si rende conto siamo sulla strada sbagliata.

Il mobile funziona perché occupa quel tempo che siamo in giro clash angry cut the rope ecc Candy Crush se vedete quando c'è il boom di uno cala l'altro.

Infatti Rovio si è ridimensionata.

Tre anni fa erano i giochini su fb (esempio farmville) a spingere zinga si credeva padrona del mercato il nuovo messia... Poi è passata la moda e ha dovuto tagliare a dx e sx perché? Perché è un mercato casual instabile dove il mercato si muove con la moda.

I core quelli ci sono sempre e sono qll continuano sempre a giocare che non passano da farmville a clash e da clash a candy Crush.

È chiaro che un domani il videogioco cambia anche per i core ma per i core ci sarà il cloud le videoteche tipo Netflix ma per i giochi (playstation e EA stannk già proponendo e sondando il terreno con i suoi abbonamenti) e si potrà giocare ovunque ma di certo i core non staranno a raccogliere e cercare fragoline sul farmville di turno.

Non vedere ciò è assurdo e supponente




Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi