Vai al contenuto

Cabin fever 2 - Il contagio - RECENSIONE


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 2 risposte

#1
Cinematografo

Cinematografo
  • Eye Master

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Newser Ufficiale
  • Messaggi: : 27446
Cabin fever 2 - Il contagio - RECENSIONE (Blu-Ray)
In alta definizione il sequel del cult diretto da Eli Roth, con Ti West alla regia e un esplosivo mix di arti mozzati, trash e splatter pronto a trasformare in un party rosso sangue la festa per il ballo di fine anno
Con un'ambientazione che sembrava mescolare Non aprite quella porta di Tobe Hooper e Un tranquillo week-end di paura di John Boorman, evidenti omaggi a La notte dei morti viventi di George A. Romero e uno chalet in stile La casa di Sam Raimi in prossimità di un laghetto alla Venerdì 13, Cabin fever rappresentò nel 2002 (ma nei nostri cinema approdò soltanto superata la prima parte dell'anno successivo) l'esordio registico per il bostoniano cl..
Leggi l'articolo completo: Cabin fever 2 - Il contagio - RECENSIONE (Blu-Ray)



#2
alex22g

alex22g
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 697
Lo prenderò sicuramente. Il primo mi è piaciuto parecchio e da questa recensione credo di poter apprezzare anche questo sequel con tutte le sue differenze :)

#3
NonConosciuto

NonConosciuto
  • One Eye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 3480
Il primo cabin fever in certe scene mi ha fatto davvero ribrezzo, anche per questo mi è piaciuto un sacco (quando la brunetta si depila le gambe per esempio)




Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi