Vai al contenuto

Necropolis: Lost & Found... footage! - SPECIALE


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 1 risposte

#1
Cinematografo

Cinematografo
  • Eye Master

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Newser Ufficiale
  • Messaggi: : 28279
Necropolis: Lost & Found... footage! - SPECIALE (Blu-Ray)
Scopriamo i Found Footage che hanno fatto la storia dell’horror.. e non solo!
Assemblaggio cronologico di pellicole e nastri audiovisivi realizzati da tre studenti universitari misteriosamente scomparsi dopo essersi recati nel villaggio di Burkitsville, anticamente chiamato Blair, al fine di mettere su un documentario riguardante una leggendaria strega locale vissuta tre secoli prima, The Blair witch project – Il mistero della strega di Blair (1999) di Daniel Myrick ed Eduardo Sánchez è stato, senza alcun dubbio, il film che ha provveduto a diffondere largamente sullo schermo la moda del found footage a partire dalla fine del XX secolo.Perché, pur limitandosi in maniera evidente a rifare il precedente The last broadcast (1998) di Stefan Avalos e Lance Weiler, i due allora esordienti cineasti ebbero la geniale intuizione di ripetere nell’epoca dei primi anni di internet quanto fatto dal nostro Ruggero Deodato, in tempi non sospetti, per mezzo del suo Cannibal holocaust (1980): concepire un lungometraggio di finzione, ma spacciato per vero sfruttando una campagna promozionale basata sulla diffusione di allarmanti notizie.Un successo che, se vogliamo debitore anche nei confronti de Il cameraman e l’assassino (1992) di Rémy Belvaux, André Bonzel e Benoît Poelvoorde, ingannò non pochi spettatori terrorizzati ricorrendo soprattutto a soggettive della camera impazzita da effetto mal di mare.Stratagemma che non venne ripreso nel sequel Il libro segreto delle streghe: Blair witch 2 (2000) di Joe Berlinger, banalmente ricondotto sui binari classici del teen horror, ma da un’infinità di imitazioni e derivati; dal fin troppo simile The St. Francisville experiment (USA 2000) di Ted Nicolaou, con quattro esperti di paranormale destinati a passare la notte in una villa anticamente abitata da una ricca famiglia dedita alla tortura dei propri schiavi, al Necropolis – La città dei morti (2014) che, ambientato nelle secolari catacombe nascoste sotto Parigi, approda nel mercato dell’home video tricolore in DVD e Blu-ray grazie a Universal Pictures, offrendoci l’occasione di andare a dare uno sguardo a quanto offertoci fino ad oggi dal filone.
Leggi l'articolo completo: Necropolis: Lost & Found... footage! - SPECIALE (Blu-Ray)



#2
Touma Mitsuhashiba

Touma Mitsuhashiba
  • Se la vita non ti sorride, tu falle il solletico!

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Everyeye.it User
  • Messaggi: : 6953
Un genere che sembra non aver ancora detto tutto, alla fine, nonostante l'abbondanza di "copincolla" ci sono anche quelli con temi originali, come Necropolis o Chronicle.




Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi