Vai al contenuto

Trenitalia


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 39 risposte

#1
Itachi

Itachi
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 12901
Mi pare se ne sia già parlato tempo fa,ma sembra che la gente si sia stancata sul serio stavolta

Sottolineo che sto scrivendo da un treno con 85 minuti di ritardo

Comunque pare che diverse regioni,sommerse di lamentele di cittadini ormai allo stremo,abbiano deciso di non rinnovare il contratto con trenitalia
Credo sia più una minaccia che un'effetiva volontà visto che alternative per ora non ce ne sono

Fattosta che negli ultimi mesi trenitalia ha già ricevuto diverse multe milionarie,e visto che i servizi vanno solo peggiorando adesso le regioni minacciano proprio di non rinnovare il contratto

Tra i problemi/lamentele maggiori

-coincidenze che non coincidono
-ritardi superiori alla durata del viaggio
-costi uguali tra zone con treni di lusso e zone con treni da terzo mondo
-pochi vagoni vecchi per le migliaia di persone nelle ore di punta e tanti vagoni nuovi praticamente vuoti nelle ore di minore affluenza
-bagni sempre chiusi
-pulizia praticamente assente
-totale noncuranza di questi problemi


Io dico solo che non posso che confermare tutto
Qui da me confermo che nelle ore di punta (in cui anche io ne ho bisogno) passano solo treni da terzo mondo con pochi vagoni e centinaia di persone in piedi affollate dentro
Cosa assurda perché un paio di ore dopo,quando non serve più a nessuno,passano treni con decine di vagoni nuovi

Da voi la situazione com'è ?

#2
Sintoide

Sintoide
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 14871

Linea Ancona Bologna non particolarmente afflitta da problemi. Si trova sempre posto, un po' di fatica magari al lunedì mattina ed al venerdì sera per i pendolari del weekend ma raramente ho fatto il viaggio in piedi. L'unico disagio vero è dovuto ad alcuni Frecciarossa che transitano sullo stesso binario di regionali/regionali veloci/intercity ecc... quindi tutti i treni devono cambiare binario, attendere di essere sorpassati e ripartire. Questo provoca un ritardo di 10-15 minuti generalmente

Per il resto si, vagoni non proprio nuovi ma tenuti dignitosamente, riscaldati d'inverno e condizionati d'estate. La mia vita di pendolare tutto sommato non è malaccio specie per quel che pago di abbonamento... Credo che l'Emilia Romagna sia comunque abbastanza attenta alle esigenze dei pendolari - due anni fa quando c'è stata quella nevicata pazzesca abbiamo anche ottenuto un risarcimento di due mesi di abbonamento che è stato effettivamente erogato come da accordi.

Tra l'altro ultimamente sono anche migliorati i servizi di trasporto locale :fg: e chi ha l'abbonamento mi muovo come me non ha avuto aumenti di prezzi :fg:

 

Mosca bianca di sicuro, vedo le scene nei treni dell'hinterland milanese e mi ritengo fortunato :sisi:



#3
X-Kenny

X-Kenny
  • Zen

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Collaboratore Forumeye
  • Messaggi: : 24364
  • Utente Nr: 4656
  • Feedback Mercatino: Guarda | Lascia
  • XKennyEYE
  • X Kenny
  • XKennyEYE

Guarda, mi ricorda quando andavo a scuola; praticamente ci "davano" i pullman da battaglia, roba talmente vecchia da avere ancora i sedili di legno :asd: ti lascio immaginare d'inverno: spifferi ovunque



#4
birdack81

birdack81
  • L'intelligenza totale è una costante. La popolazione aumenta

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Admin]Amministratore
  • Messaggi: : 33849

Io credo che sia una cosa fatta in modo sistematico. Mi spiego: a Trenitalia NON conviene il trasporto pendolare che e' infatti finanziato in larga parte dalle regioni. Il problema e corto-circuito sta nel fatto che le regioni non pagano quanto dovuto a Trenitalia che quindi per abbattere i costi offre un servizio da terzo mondo. Le Regioni sono in debito milionario se non miliardario nei confronti di Trenitalia e Moretti ha detto piu' volte che sarebbe piu' che lieto di lasciar perdere il servizio regionale.

 

Ora, che pendolari debbano fare dei viaggi della speranza ogni santo giorno e' indubbiamente uno schifo, ma da un punto aziendale non fareste lo stesso?



#5
Guest_Playstation AgropolieYe

Guest_Playstation AgropolieYe
  • Gruppo: Ospiti

I treni regionali in campania in genere non sono aflitti da molti problemi di orari, il problema è la pulizia, sembrano davvero del 3° mondo, mancanza persino dei servizi di igiene di prima necessità...l'intercity è un po' meglio ma io quando posso prendo sempre italo, 40 euro andata e ritorno salerno roma, prenotando un mesetto prima e non nei week and.


Modificata da Playstation Agropoli, 21 January 2014 - 10:23 AM.


#6
Winterfury

Winterfury
  • Allah al bar

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 13545

Io credo che sia una cosa fatta in modo sistematico. Mi spiego: a Trenitalia NON conviene il trasporto pendolare che e' infatti finanziato in larga parte dalle regioni. Il problema e corto-circuito sta nel fatto che le regioni non pagano quanto dovuto a Trenitalia che quindi per abbattere i costi offre un servizio da terzo mondo. Le Regioni sono in debito milionario se non miliardario nei confronti di Trenitalia e Moretti ha detto piu' volte che sarebbe piu' che lieto di lasciar perdere il servizio regionale.

 

Ora, che pendolari debbano fare dei viaggi della speranza ogni santo giorno e' indubbiamente uno schifo, ma da un punto aziendale non fareste lo stesso?

 

Infatti viaggio molto saltuariamente solo col frecciarossa e il servizio è impeccabile (3-4. ar l'anno ad abbondare)



#7
Bo_Duke

Bo_Duke
  • Moral of the story is you're a total bitch

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 12918
  • Utente Nr: 18131
  • Feedback Mercatino: Guarda | Lascia
  • Chiedere in PM
  • Chiedere in PM
  • Disfunctional family

Io ogni 2-3 settimane faccio la Treviso - Genova e i collegamenti tra Milano e Genova sono agghiaccianti. Non tanto per la pulizia (che e' quella che e' ma ho visto di peggio) quanto per gli orari.

Genova non e' certo una citta' piccola ma il "miglior" treno che si puo' prendere per andare a Milano e' l'intercity... 1 ora e 40 minuti per fare 140 km. E i treni non sono nemmeno particolarmente frequenti. In ogni caso parliamo di 5-6 ore per fare meno di 500 km (distanza totale tra Genova e Treviso)...

Se voglio rientrare a Genova la domenica devo partire al piu' tardi alle 16 da TV, se partissi con l'ultima opzione disponibile (17:50), tra i ritardi cronici e lo scarso margine per i cambi non avrei la certezza di arrivare a Genova in serata. Per dirne una, l'ultimo treno da MI per GE parte alle 21:10... trovo inconcepibile che due citta' importanti siano cosi' mal collegate.

Peraltro non capisco come mai anche la Venezia - Milano sia cosi' bistrattata, ci si mette lo stesso che ad andare da Venezia a Roma, peccato che sia la distanza sia la meta' (260 km contro 520). Non capisco perche' non mettere qualche Freccia Rossa o Freccia Argento, tanto piu' che la VE - MI non e' certo una linea poco frequentata...
Una volta ho fatto la Milano - Bologna in Freccia Argento: 50 km in meno rispetto alla Venezia - Milano (215 contro 260) e 1 ora contro le 3 che ci vogliono ad arrivare a Treviso. Pagherei volentieri di piu' per ridurre di due terzi il tempo di percorrenza.

 

 

Da noi in Veneto mi pare che Zaia abbia minacciato (se lo ha non già effettivamente fatto) di ritirare il contratto a trenitalia...



#8
Winterfury

Winterfury
  • Allah al bar

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 13545

ormai puntano tutto sull'AV (il cui servizio è a livelli JAP) il resto è a marcire, non ci guadagnano e ci spendono il meno possibile.


Modificata da Winterfury, 21 January 2014 - 11:11 AM.


#9
Mad Lefty

Mad Lefty
  • Eye Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 10777

Io ogni 2-3 settimane faccio la Treviso - Genova e i collegamenti tra Milano e Genova sono agghiaccianti. Non tanto per la pulizia (che e' quella che e' ma ho visto di peggio) quanto per gli orari.

Genova non e' certo una citta' piccola ma il "miglior" treno che si puo' prendere per andare a Milano e' l'intercity... 1 ora e 40 minuti per fare 140 km. E i treni non sono nemmeno particolarmente frequenti. In ogni caso parliamo di 5-6 ore per fare meno di 500 km (distanza totale tra Genova e Treviso)...

Se voglio rientrare a Genova la domenica devo partire al piu' tardi alle 16 da TV, se partissi con l'ultima opzione disponibile (17:50), tra i ritardi cronici e lo scarso margine per i cambi non avrei la certezza di arrivare a Genova in serata. Per dirne una, l'ultimo treno da MI per GE parte alle 21:10... trovo inconcepibile che due citta' importanti siano cosi' mal collegate.

Peraltro non capisco come mai anche la Venezia - Milano sia cosi' bistrattata, ci si mette lo stesso che ad andare da Venezia a Roma, peccato che sia la distanza sia la meta' (260 km contro 520). Non capisco perche' non mettere qualche Freccia Rossa o Freccia Argento, tanto piu' che la VE - MI non e' certo una linea poco frequentata...
Una volta ho fatto la Milano - Bologna in Freccia Argento: 50 km in meno rispetto alla Venezia - Milano (215 contro 260) e 1 ora contro le 3 che ci vogliono ad arrivare a Treviso. Pagherei volentieri di piu' per ridurre di due terzi il tempo di percorrenza.

 

 

Da noi in Veneto mi pare che Zaia abbia minacciato (se lo ha non già effettivamente fatto) di ritirare il contratto a trenitalia...

 

Verissimo, ha minacciato di toglierlo, ci sono stati anche scioperi ultimamente.

 

Trenitalia non garantisce un servizio decente, anzi. Come avete detto, i regionali li stanno pian piano abbandonando, e puntano tutto su frecce e quant'altro. Fanno sconti su sconti, premono sulle tessere cartafreccia, si vede che vanno in una sola direzione.

 

Questo si nota anche nelle priorità: se un frecciabianca è in ritardo, ritarderà anche il regionale, sempre e comunque.

 

Capisco che dal punto di vista aziendale, la perdita sia controproducente, e che puntino a fare le cose dal punto di vista del guadagno, ma non puoi trattare i tuoi clienti come bestiame, né come persone di seconda mano.



#10
Itachi

Itachi
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 12901
Ma io lo capisco questo,ma per fare 70 km sono 5 euro di regionale o 15 euro di Intercity

È anche di più per la freccia bianca mi pare

Se abbassassero i prezzi pagherei volentieri pure un po' di più per evitare i regionali,ma così non si puo

#11
pixie81

pixie81
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1895

senza contare che ci sono stazioni servite esclusivamente da regionali (e neanche tutti)



#12
DarkLink64

DarkLink64
  • One Eye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 4628

argomento che mi tocca da vicino, gestisco un bar all'interno di una stazione ferroviaria e tutti i giorni osservo l'inferno a cui sono sottoposti i pendolari, confermo in tutto e per tutto ciò che dice Itachi, aggungo che se non fai attenzione la sera tardi sulle tratte che interessano la mia zona rischi di essere derubato.

 

la questione è annosa e complessa, in sostanza le regioni devono un botto di soldi a Trenitalia che tiene in vita il servizio solo perchè finanziato dalle regioni stesse, che però non pagano( perchè trenitalia non garantisce il servizio, dicono loro) e il risultato è un livello di spesa sotto lo zero e un servizio da sesto mondo. in mezzo a tutto ciò ci sono ovviamente gli utenti che hanno bisogno di un servizio che non è ornamentale ma di necessità primaria e assoluta come il pane e l'acqua a tavola. soluzioni? boh, secondo me delle due l'una, o si liberalizza tutto e si crea un mercato o se ne fa carico per intero la regione o lo stato centrale. di sicuro non si può andare avanti cosi, la mia umile esperienza personale mi sottopone di fronte a questa realtà ogni giorno, e siamo a livelli veramente intollerabili.



#13
littlewing

littlewing
  • One thought fills immensity

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [SMod]SuperMod
  • Messaggi: : 17070

Dunque, per mia esperienza (regionali che servono la tratta Roma-Perugia o Roma-Ancona), ai disagi già citati nel primo post aggiungerei qualche punto, ovvero:

 

- riscaldamento / condizionamento spesso non funzionante, per cui ti capita di farti il tuo bel viaggio a -10 °C in inverno (spifferi a parte) e a +50 in estate (ovviamente con finestrini chiusi)

- perdite d'acqua dentro al treno: diverse volte è capitato che piovesse acqua (condensa dei condizionatori)… una volta era uno scroscio vero e proprio, 8 posti inutilizzabili…passa il controllore e fa "eh sì, un po' di condensa, andate più in là"

- posti a sedere insufficienti e magari 2 vagoni di prima completamente vuoti

 

Per il resto a quanto mi pare di capire da conoscenti che fanno altre tratte, i treni che prendo io non sono neppure tanto male…comunque la pulizia è assente (per non parlare degli odori)…i servizi igienici tendo a non sperimentarli…sicuramente dal poco che ho potuto constatare è un po' meglio nel treno della mattina, almeno finchè non si riempie. I ritardi ci sono e di tastoni tanto anche consistenti: per il tragitto che faccio io esiste una linea principale (cosiddetta veloce, quella che viene usata di prassi) e una lenta. Quando ci sono problemi sulla prima linea ci convogliano sulla seconda e il tempo di percorrenza si quadruplica. Per fortuna non è cosa frequentissima. La cosa "divertente" è che spesso non avvisano del cambiamento di linea se non dopo un bel pezzo di tragitto (quando ormai, se non sei completamente addormentato, hai già realizzato da solo)…della serie, se vuoi scendere all'ultima stazione utile prima del cambio linea e scegliere un'altra soluzione, scordatelo!



#14
littlewing

littlewing
  • One thought fills immensity

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [SMod]SuperMod
  • Messaggi: : 17070

Io credo che sia una cosa fatta in modo sistematico. Mi spiego: a Trenitalia NON conviene il trasporto pendolare che e' infatti finanziato in larga parte dalle regioni. Il problema e corto-circuito sta nel fatto che le regioni non pagano quanto dovuto a Trenitalia che quindi per abbattere i costi offre un servizio da terzo mondo. Le Regioni sono in debito milionario se non miliardario nei confronti di Trenitalia e Moretti ha detto piu' volte che sarebbe piu' che lieto di lasciar perdere il servizio regionale.

 

Ora, che pendolari debbano fare dei viaggi della speranza ogni santo giorno e' indubbiamente uno schifo, ma da un punto aziendale non fareste lo stesso?

 

Forse intendevi regionale…

 

e come discorso aziendale mi starebbe pure bene, ma dovrebbero rivedere un po' i prezzi. 



#15
PuNk3st4

PuNk3st4
  • :)

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 7000

ormai puntano tutto sull'AV (il cui servizio è a livelli JAP) il resto è a marcire, non ci guadagnano e ci spendono il meno possibile.

Il livello del servizio non è minimamente paragonabile con quello giapponese. Prendo treni alta velocità (italo/trenitalia) ogni settimana e, avrò sfiga io bho, ma il ritardo è quasi sempre presente (e anche pesante..la maggior parte delle volte dai 30 ai 70 minuti).
La classica scusa è "per via dell'intenso traffico ferroviario".
La prima volta, da settembre, che non ho fatto ritardo è stato lunedì scorso.
Onestamente non credo sia contemplabile questa situazione perché ci si affida ai treni alta velocità per la puntualità e rapidità che spesso non c'è.
Tra l'altro le linee sono obsolete e i 300 Km/h si raggiungono solo sulla tratta Roma-Napoli per brevi periodi (mi sfugge ore Bologna-Milano).





Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi