Vai al contenuto

Chi contro i soldi ai partiti non vada a votare

banditi istituzionalizzati a te il rimborso a me sta ceppa

  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 2 risposte

#1
Ranger Walker

Ranger Walker
  • Ranger Eye

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Bannati Everyeye
  • Messaggi: : 2433

Vi siete mai chiesti perchè sia tanto importante andare a votare?! :asd:   .... per i banditi intendo, non per voi fessi.

 

Qual è il valore di un elettore e del suo voto? Un euro a voto, per ogni anno di durata della legislatura: è il prezzo stabilito dal parlamento italiano nella legge sui rimborsi elettorali ai partiti, che non riguardano solo le elezioni nazionali. Riguardano anche quelle regionali, provinciali e comunali. Sui partiti e le liste civiche che sono rappresentati nei relativi consigli.

In cinque anni sono circa 4 milioni di euro pagati dallo stato alle liste che hanno eletto i propri consiglieri.

La legge, ovviamente, è nazionale ed era stata varata dopo che gli italiani con un referendum del 1993 avevano detto no al finanziamento pubblico ai partiti.

 

Probabile che molti di voi sappiano già nel dettaglio di come funzioni il finanziamento pubblico ai partiti.

Ma vorrei che chi come me necessita di un riassuntino ogni tanto, passando di qui, apprenda che andare a votare domenica prossima per il comune di Roma, oltre a non servire ad una ceppa, garantirà soltanto nuova linfa alle associazioni criminali chiamate partiti e movimenti.

 

 

L'articolo è vecchio di qualche mese ma vale la pena di esser letto.

“Se qualcuno non vuole dare il finanziamento ai partiti allora non vada a votare perche’ quando fai la crocetta dai i soldi al partito che hai votato”. Lo dice Ugo Sposetti, senatore del Pd e strenuo difensore del finanziamento pubblico ai partiti politici.

I 100 MILIONI – Secondo Sposetti i 100 milioni di luglio “vanno incassati tutti, senza esitare, perche’ bisogna attrezzarsi per la campagna elettorale del 2013. E chi dice il contrario non capisce come funziona un partito e la politica. E poi- continua Sposini- fosse per me non taglierei di un euro i soldi che arrivano adesso, perche’ i rimborsi sono stati gia’ tagliati, da un euro siamo passati a 70 centesimi. Anzi, sono ancora convinto come un anno fa che con un altro sistema dovremmo aumentare il finanziamento ai partiti. Destinarli a fini sociali? Una stupidaggine. A chi li diamo? Chi lo decide? Se un partito funziona bene quello e’ gia’ un intervento sociale, perche’ si sta vicino ai lavoratori e agli operai”.

 

LA LEGGE ATTUALE – Quindi Sposetti ricorda che “con la legge tanto attaccata adesso abbiamo salvato la democrazia, perche’ i partiti rischiavano il suicidio. Erano tutti pieni di debiti, una situazione sudamericana, tranne quello padronale di Berlusconi. Con i soldi pubblici si salva la democrazia”. Infine dice che “i Ds hanno ancora molti debiti, superiori a 100 milioni di euro, tutti con le banche. Ho cominciato a lavorare e c’erano 580 milioni di euro di debito. Come faremo? Lunga vita ai debitori. Un debitore o si suicida o cerca di pagarli, e io non ho la minima intenzione di suicidarmi”.

 

CONTINUA...

 

 

Altri articoli interessanti QUI.



#2
XX-YY-ZZ

XX-YY-ZZ
  • Eye Master

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 27784

non sono sicuro che i soldi siano sui votanti e non sul totale

 

inoltre i partiti devono bussare col cappello in mano alle lobby: che non sono solo banche  grandi indutsrie, ma anche i sindacati, i consumatori ecc...



#3
Ovino81

Ovino81
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 17347

oppure....

 

http://www.beppegril...elettorali.html






Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi