Vai al contenuto

9/5/1978 ucciso Aldo Moro, dopo 30 anni Steve Pieczenik assistente del sottosegretario Usa nel 1978, psichiatra, ammette la responsabilitÓ!


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 15 risposte

#1
lisander

lisander
  • Non penso mai al futuro: arriva fin troppo presto

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Bannati Everyeye
  • Messaggi: : 3945

Alla fine la verità viene a galla, speriamo che la magistratura faccia il suo corso:

In Italia qualcuno se n'è accorto? O meglio a qualcuno interessano democrazia, libertà e indipendenza politica? Steve Pieczenik inviato in missione da Washington, dopo 30 anni ha vuotato il sacco
 
«Ho messo in atto la manipolazione strategica che ha portato alla morte di Aldo Moro al fine di stabilizzare la situazione dell’Italia. I brigatisti avrebbero potuto cercare di condizionarmi dicendo “o soddisfate le nostre richieste e lo uccidiamo”. Ma la mia  strategia era “No, non è così che funziona, sono io a decidere che dovete ucciderlo a vostre spese”. Mi aspettavo che si rendessero conto dell’errore che stavano commettendo e che liberassero Moro, mossa che avrebbe fatto fallire il mio piano. Fino alla fine ho avuto paura che liberassero Moro. E questa sarebbe stata una grossa vittoria per loro». 
 

 

 
  Kissinger+&+Napolitano+%28foto+quirinale Kissinger & Napolitano - foto quirinale.it
 
Pieczenik, assistente del sottosegretario Usa nel 1978, psichiatra, specialista in "gestioni di crisi", esperto di terrorismo, visse - secondo quanto ha rivelato in un libro-intervista pubblicato nel 2008 "Abbiamo ucciso Aldo Moro. Dopo trent'anni un protagonista esce dall'ombra" edito in Italia da Cooper e curato da Nicola Biondo e passato stranamente inosservato - gomito a gomito con Francesco Cossiga la parte cruciale dei 55 giorni. Era lui, "l'esperto nordamericano del Dipartimento di Stato U.S.A. che indirizzò e gestì l'azione dello Stato italiano con le Br. La sua presenza al Viminale è stata interpretata, da molti, negli scorsi anni, come una sorta di "controllo" Usa sulla vicenda che coinvolgeva un Paese all'epoca decisivo negli equilibri Est-Ovest. 
 
L’inviato della Casa Bianca, Pieczenik spiega e rivendica la scelta di aver finto di intavolare una trattativa con le Br quando invece «era stato deciso che la vita dello statista era il prezzo da pagare». L'esperto Usa va anzi oltre nelle sue rivelazioni: da un certo punto in poi tutta la sua azione mirò a far sì che le Br non avessero altra via d'uscita che uccidere Moro, fatto questo che avrebbe risolto la gran parte dei problemi che rischiavano di far conquistare all'Italia libertà, sovranità e indipendenza dagli Stati Uniti d’America. 
 
«La mia ricetta per deviare la decisione delle Br era di gestire - spiega nel libro lo psichiatra - un rapporto di forza crescente e di illusione di negoziazione. Per ottenere i nostri risultati avevo preso psicologicamente la gestione di tutti i Comitati (del Viminale n.d.r.) dicendo a tutti che ero l'unico che non aveva tradito Moro per il semplice fatto di non averlo mai conosciuto». 
 
Nel libro del giornalista francese Emmanuel Amara si spiega che il momento decisivo arrivò quando Moro dimostrò di essere ormai disperato. Su quella base si decise l'operazione della Duchessa, ossia il falso comunicato delle Br, scelta questa presa nel Comitato di crisi. «I brigatisti non si aspettavano di trovarsi di fronte ad un altro terrorista che li utilizzava e li manipolava psicologicamente con lo scopo di prenderli in trappola. Avrebbero potuto venirne fuori facilmente, ma erano stati ingannati. Ormai non potevano fare altro che uccidere Moro. Questo il grande dramma di questa storia. Avrebbero potuto sfuggire alla trappola, e speravo che non se ne rendessero conto, liberando Aldo Moro. Se lo avessero liberato avrebbero vinto, Moro si sarebbe salvato, Andreotti sarebbe stato neutralizzato e i comunisti avrebbero potuto concludere un accordo politico con i democristiani. Uno scenario che avrebbe soddisfatto quasi tutti. Era una trappola modestissima, che sarebbe fallita nel momento stesso in cui avessero liberato Moro». 
 
Pieczenik spiega che Cossiga ha approvato la quasi totalità delle sue scelte e delle sue proposte. «Moro, in quel momento, era disperato e avrebbe sicuramente fatto delle rivelazioni piuttosto importanti ai suoi carcerieri su uomini politici come Andreotti. E' in quell'istante preciso che io e Cossiga ci siamo detti che bisognava cominciare a far scattare la trappola tesa alle Br. Abbandonare Moro e fare in modo che morisse con le sue rivelazioni. Per giunta i carabinieri e i servizi di sicurezza non lo trovavano o non volevano trovarlo». 
 
Pieczenik traccia un bilancio di questa sua strategia: «Ho messo in atto la manipolazione strategica che ha portato alla morte di Moro al fine di stabilizzare la situazione dell'Italia. Mai l'espressione 'ragion di Stato' ha avuto più senso come durante il rapimento di Aldo Moro in Italia».  
 
Pieczenik raggiunse tre obiettivi: eliminare Moro, impadronirsi dei nastri dell’interrogatorio e del vero memoriale dello statista italiano, costringere le Br al silenzio.
 
Un passo indietro: durante il viaggio negli Stati Uniti del settembre 1974 Kissinger minacciò pesantemente Moro, come ha ricordato in un’aula giudiziaria il suo portavoce Corrado Guerzoni. Ed è bene non dimenticare la testimonianza della moglie di Moro, che riferì alla Commissione parlamentare che cosa dissero al marito esponenti della delegazione americana: “… Lei deve smettere di perseguire il suo piano politico di portare tutte le forze del suo paese a collaborare direttamente. Qui, o lei smette di fare questa cosa, o lei pagherà cara, veda lei come la vuole intendere".
 
Dunque, niente più misteri, però ancora un bel po’ di carte inaccessibili nei palazzi del sottomesso Stato tricolore. 
 
Com'è possibile che il Presidente della Repubbblica Napolitano riceva con gli onori riservati ad un capo di Stato il criminale internazionale Henry Kissinger?

Auguriamoci che il primo ministro Enrico Letta in palese conflitto di interessi, affiliato al Bilderberg Group, alla Trilateral Commission ed all'Aspen Institute, vale a dire ad organizzazioni mafiose e terroristiche di stampo mondiale, eviti qualche commemorazione di Moro.
 
Toc toc: c’è almeno un giudice a Berlino, non dico a Maglie o perfino a Roma che possa riaprire le indagini ed avanzare qualche rogatoria internazionale su questa ennesima operazione di guerra terroristica del Governo nordamericano?

I reati di strage (via Fani) e di omicidio premeditato non vanno mai in prescrizione. O valgono sempre i trattati segreti ed incostituzionali?

riferimento:

http://sulatestagian...t/search?q=moro

 

 

 


Modificata da lisander, 09 May 2013 - 01:47 AM.


#2
Crosses_84

Crosses_84
  • One Eye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 2896
agghiacciante.....se è tutto vero è paurosa questa cosa..brividi.

#3
lisander

lisander
  • Non penso mai al futuro: arriva fin troppo presto

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Bannati Everyeye
  • Messaggi: : 3945

agghiacciante.....se è tutto vero è paurosa questa cosa..brividi.

Senza se, direi che è storia che non scriveranno nei libri di testo, sicuro.

 

MA, io direi che è palese che l'hanno lasciato morire, il famoso stato ITALIANo che paga i terroristi iracheni

 per aver indietro gli ostaggi ''normali'', e poi non paga (sotto banco) per riavere Moro....

E' ovvio che l'hanno lasciato morire perché "scomodo".

 

Su Moro purtroppo non si sono dette molte cose, tra cui queste:

 

Penso sempre che il terrorismo nel mondo sia sempre stato solo di stato.

 

 

 
Le direttive del Governo U.S.A. non erano indirizzate alla liberazione di Moro. Attività che invece verrà brillantemente dispiegata per la liberazione del generale Dozier. Di più: le trattative di Stato per salvare l'assessore democristiano della Campania Ciro Cirillo, dal rapimento delle brigate rosse eterodirette.

Basta ricucire fatti e dichiarazioni per ricomporre l’ingarbugliato mosaico. Il 22 ottobre 2007, infatti, l’Agenzia giornalistica italiana (Agi) riporta in un lancio la seguente dichiarazione: 
 
«MORO: GALLONI, GLI USA SAPEVANO DOVE ERA PRIGIONIERO
Galloni, tra i fondatori della corrente di sinistra della Democrazia Cristiana, grande amico di Aldo Moro anche se mai doroteo, e' stata una vera e propria miniera di informazioni … Ha rivelato infatti che gli americani sapevano dove era la prigione di Moro e che il covo dove e' stato tenuto lo statista durante il rapimento "non e' quello indicato dai brigatisti". Inoltre, ha rilevato che Francesco Cossiga, ministro dell'Interno durante il sequestro, "non ha detto tutto". E qui e' sceso nel dettaglio: "il 9 maggio del 1978 - ha detto Galloni - Cossiga sapeva e si aspettava che Moro sarebbe stato liberato". E ancora: la mattina del 16 marzo, giorno del rapimento, Moro era uscito presto di casa, intorno alle 9, mentre il dibattito alla camera era previsto per le 10. Infatti, lo statista, al momento del sequestro, si stava recando a casa del segretario della Dc, Benigno Zaccagnini che aveva in mente di dimettersi dalla guida del partito non appena il governo avesse ottenuto la fiducia. Moro andava da lui per farlo recedere da questa decisione, ma come questa informazione e' finita alle Br?. Non basta: lo statista rapito si era lamentato spesso del fatto che sia la Cia che il Mossad avessero informazioni sulle Br ma non le davano al governo italiano. Insomma, intorno alla vicenda Moro le zone d'ombra sono ancora molte. Per Rosario Priore, il magistrato che ha seguito l'inchiesta Moro, i servizi segreti francesi e la Stasi, che seguiva gli uomini della Raf con i quali le Br intrattenevano stretti rapporti, sapeva che ci sarebbe stato il sequestro del presidente della Dc».
 
In effetti nel febbraio 1978 almeno sette servizi segreti di rango internazionale operativi in Italia (Cia, Kgb, Mossad, Sdece, Stasi, Ssvpvk, Bis), nonché gli omologhi italiani ufficiali e paralleli - Sismi, Sisde, Gladio, Anello - erano perfettamente a conoscenza del rapimento.
 
morogladio2marzo.png Gladio un documento del 2 marzo 1978 (14 giorni prima della strage e del sequestro)
 
 
Il giudice di chiara fama Ferdinando Imposimato ribadisce che «I servizi segreti italiani purtroppo erano alle dipendenze della Cia» come oggi. Un esempio: in via Gradoli a Roma - dove al civico 96 (uno dei covi delle brigate rosse a Roma) viveva il capo terrorista Mario Moretti - c’erano addirittura 24 appartamenti del ministero dell’Interno ed un rifugio di estrema destra.
 
Le brigate rosse non avevano alcuna preparazione militare per mettere in atto la strage di via Fani, dove le loro armi si sono inceppate. Quel mattino era presente in loco il colonnello Camillo Guglielmi, addestratore di Gladio.
 
L’attenzione in ogni caso va soffermata su Hyperion, fondata a Parigi nel 1975: una filiale della Cia per la gestione sotto copertura di gruppi eversivi in Europa. In questa sedicente scuola linguistica che aprì due sedi in Italia (a Milano e a Roma) un mese prima della strage del 16 marzo 1978, e poi le richiuse nel giugno dello stesso anno, a cui faceva riferimento la sfinge Moretti, era guidata e coordinata da Corrado Simioni, Vanni Mulinaris e Duccio Berio.
 
E’ proprio vero: l’Italia è la culla del diritto ma la tomba della giustizia. Assassini conclamati a piede libero. I brigatisti Mario Moretti (6 ergastoli), Barbara Balzerani (3 ergastoli), Valerio Morucci (più ergastoli), Adriana Faranda (15 anni di carcere), Prospero Gallinari (3 ergastoli: deceduto per cause naturali), Bruno Seghetti (1 ergastolo), Anna Laura Braghetti (1 ergastolo), sono tutti liberi, nonostante le pesanti condanne penali, in cambio del silenzio sulla trattativa ( i segreti rivelati da Moro) con lo Stato, allora rappresentato da Giulio Andreotti (primo ministro) e Francesco Cossiga (ministro dell'interno), a loro volta subordinati al Governo U.S.A. (& getta!).

 

 

http://sulatestagian...nunciata_8.html

 

 



#4
Fabrizio EE

Fabrizio EE
  • Eye Bastard

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 5295
83? Vabbe......

#5
lisander

lisander
  • Non penso mai al futuro: arriva fin troppo presto

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Bannati Everyeye
  • Messaggi: : 3945

83? Vabbe......

Corretto, grazie per la precisazione,



#6
Nameless One

Nameless One
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1879

Stavo per dire: strano, un post di lisander senza il Bilderberg group e connivenze filomassoniche. Poi sono arrivato alla fine del primo post. Mi chiedo quindi, in seguito farai un retro-front colossale come per la storia dei rettiliani o glisserai amabilmente?



#7
XX-YY-ZZ

XX-YY-ZZ
  • Eye Master

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 27784

MA, io direi che è palese che l'hanno lasciato morire, il famoso stato ITALIANo che paga i terroristi iracheni

 per aver indietro gli ostaggi ''normali'', e poi non paga (sotto banco) per riavere Moro....

E' ovvio che l'hanno lasciato morire perché "scomodo".

no: all'epoca non si era buonista... soprattutto con gli uomini di stato: se un generico cittadino è innocente; un uomo di stato deve esser pronto a sacrificarsi per la nazione.

 

certo, oggi la classe politica si svenerebbe pure per l'ultimo dei portantini della camera...



#8
Winterfury

Winterfury
  • Allah al bar

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 13549

MA, io direi che è palese che l'hanno lasciato morire, il famoso stato ITALIANo che paga i terroristi iracheni

 per aver indietro gli ostaggi ''normali'', e poi non paga (sotto banco) per riavere Moro....

E' ovvio che l'hanno lasciato morire perché "scomodo".

 

Non glie ne fregava niente dei soldi, erano BR.



#9
sbaffo91

sbaffo91
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 606

Ancora colpa degli americani ? Dai su...  BASTA !! Sembra che ogni cosa che succede ,sia colpa degli USA ! Aldo Moro è sato ucciso dallo STATO ITALIANO ( soprattutto da una precisa parte politica ) e DAI BRIGATISTI, PUNTO ! Non cerchiamo presunte " verità alternativa " che in realtà non dimostrano proprio nulla.

 

Ripeto , con tutto il rispetto per l'autore di questo Topic  ,che la sua tesi mi sembra alquanto surreale.


Modificata da sbaffo91, 09 May 2013 - 07:49 AM.


#10
Hecks

Hecks
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 13164

Solo Gianni Lannes ha il coraggio di riportare a galla la Verità! :zoid:



#11
Freno Le Roi

Freno Le Roi
  • I'll walk alone.

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 16469
Lisander mi hai mentito.

Avevi scritto in un altro topic che avevi abbandonato il complottismo.

Certo, adesso sono meno preoccupato dell'apocalisse, ma resta il fatto che mi hai mentito.

Sono offeso.

Modificata da Freno Le Roi, 09 May 2013 - 03:43 PM.


#12
autechre

autechre
  • Oblique strategies

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Collaboratore Forumeye
  • Messaggi: : 22633

:lol:

è il Gabriele Paolini dell'Eye

 

lisander tvb, lo sai

 

:gibbo&dani:


Modificata da autechre, 09 May 2013 - 03:46 PM.


#13
lisander

lisander
  • Non penso mai al futuro: arriva fin troppo presto

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Bannati Everyeye
  • Messaggi: : 3945

Ancora colpa degli americani ? Dai su...  BASTA !! Sembra che ogni cosa che succede ,sia colpa degli USA ! Aldo Moro è sato ucciso dallo STATO ITALIANO ( soprattutto da una precisa parte politica ) e DAI BRIGATISTI, PUNTO ! Non cerchiamo presunte " verità alternativa " che in realtà non dimostrano proprio nulla.

 

Ripeto , con tutto il rispetto per l'autore di questo Topic  ,che la sua tesi mi sembra alquanto surreale.

Certo è noto come sia stato minacciato dagli Usa, poi che siano stati i brigatisti aka servizi segreti è certo, ma bisogna vedere chi c'era dietro di loro, l'ammissione dell'ex sottosegretario Usa è pesante, poi se vuoi ignorarla fai pure.

 

Spoiler



#14
lisander

lisander
  • Non penso mai al futuro: arriva fin troppo presto

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Bannati Everyeye
  • Messaggi: : 3945


Stavo per dire: strano, un post di lisander senza il Bilderberg group e connivenze filomassoniche. Poi sono arrivato alla fine del primo post. Mi chiedo quindi, in seguito farai un retro-front colossale come per la storia dei rettiliani o glisserai amabilmente?

Scusa ma un'ex magistrato dalla condotta ineccepibile  come


 
 

Ferdinando Imposimato ha accusato apertamente il gruppo Bilderberg del terrorismo internazionale con delle prove schiaccianti trovate fortunosamente, tu dici che lui si sbaglia forse?
 
Spoiler
 
 

Ma Imposimato parla anche delle stragi irrisolte in Italia: "Ho trovato un documento che mi ha lasciato sgomento, dove quando si parla di stragi si parla anche del gruppo Bilderberg. Un documento in possesso di un terrorista di Ordine Nuovo, Ventura. Io credo a questo documento. Ho fatto delle verifiche e posso dire che dietro la strategia della tensione e alle stragi c'è anche il gruppo Bilderberg, una specie di Grande Fratello che sta sopra, manovra, si serve di terroristi neri e massoni".

 "Falcone e Borsellino – dice ancora Imposimato – sono morti anche perchè hanno scoperto chi manovrava gli appalti su grandi infrastrutture, tra cui la Tav. Io li conoscevo e avevano scoperto che negli appalti pubblici c'erano la mafia e alcune grandi imprese del nord, anche sulla Tav, una delle grandi opere che ha visto mazzette divise tra mafiosi e criminali".

http://www.articolot...tensione/159105

http://www.libreriam...n-un-libro.aspx

http://ferdinandoimp...to.blogspot.it/

 


 


Modificata da lisander, 09 May 2013 - 10:18 PM.


#15
Winterfury

Winterfury
  • Allah al bar

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 13549

ma basta con sto gruppo di [Censura] che contano meno della mia palla destra LOL






Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi