Vai al contenuto

[Bookeye] Consiglio titolo noir/thriller/poliziesco


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 7 risposte

#1
Mad Lefty

Mad Lefty
  • Eye Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 10777
A voi saggi lettori dell'eyeye:
potreste consigliarmi un buon libro, o un autore, del genere noir, o thriller?

Ho letto tantissimo di Michael Connelly, e un po' di Jeffrey Deavers (di questo ho adorato L'Uomo Scomparso, ma mi ha lasciato un po' "meh" Profondo Blu.

Un po' più.. noir? Se possibile che siano leggeri da leggere (come i suddetti), perciò tendenzialmente eviterei gli autori degli anni 50-60 :D
Mi serve da leggere in autobus :sisi:

#2
pixie81

pixie81
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1897
http://en.wikipedia....hriller_writers

c'e' solo l'imbarazzo della scelta...
cmq dipende dal genere che preferisci, agatha christie e' una cosa, robin cook un'altra e john le carre' ancora totalmente diverso

#3
Yang Wenli

Yang Wenli
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 2180

A voi saggi lettori dell'eyeye:
potreste consigliarmi un buon libro, o un autore, del genere noir, o thriller?

Ho letto tantissimo di Michael Connelly, e un po' di Jeffrey Deavers (di questo ho adorato L'Uomo Scomparso, ma mi ha lasciato un po' "meh" Profondo Blu.

Un po' più.. noir? Se possibile che siano leggeri da leggere (come i suddetti), perciò tendenzialmente eviterei gli autori degli anni 50-60 :D
Mi serve da leggere in autobus :sisi:


Dennis Lehane mai provato? La saga Thriller di Patrick Kenzie e Angela Gennaro merita, dai suoi libri ci hanno tratto filmoni come Mystic River e Gone Baby Gone. Sono leggeri e si leggono velocemente, poi Un Drink prima di uccidere si beve. Di noir best seller c'è pure James Ellroy, dell'autore ti consiglio Dalia nera per iniziare e poi se ti piace finire il suo ciclo con gli altri 3 libri mancanti.

La trilogia marsigliese di Jean Claude Izzo è indispensabile, noir puro e si leggono tutti di un fiato, ora c'è pure la raccolta con tutti i tre (Casino Totale. Chourmo e Solea). Sono moderni roba anni '90. Vai pure di Elmore Leonard, tieni d'occhio la collana stile libero noir di Eianudi ha sempre novità interessanti.

Modificata da Yang Wenli, 14 February 2013 - 12:06 AM.


#4
Mad Lefty

Mad Lefty
  • Eye Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 10777

http://en.wikipedia....hriller_writers

c'e' solo l'imbarazzo della scelta...
cmq dipende dal genere che preferisci, agatha christie e' una cosa, robin cook un'altra e john le carre' ancora totalmente diverso


Cercavo proprio un consiglio con gli autori che più vi sono piaciuti. Volevo spaziare nel genere, come ho scritto sopra non ho letto tantissimi autori di questo tipo.


Dennis Lehane mai provato? La saga Thriller di Patrick Kenzie e Angela Gennaro merita, dai suoi libri ci hanno tratto filmoni come Mystic River e Gone Baby Gone. Sono leggeri e si leggono velocemente, poi Un Drink prima di uccidere si beve. Di noir best seller c'è pure James Ellroy, dell'autore ti consiglio Dalia nera per iniziare e poi se ti piace finire il suo ciclo con gli altri 3 libri mancanti.

La trilogia marsigliese di Jean Claude Izzo è indispensabile, noir puro e si leggono tutti di un fiato, ora c'è pure la raccolta con tutti i tre (Casino Totale. Chourmo e Solea). Sono moderni roba anni '90. Vai pure di Elmore Leonard, tieni d'occhio la collana stile libero noir di Eianudi ha sempre novità interessanti.


Grazie mille!
Me li metto tutti in lista :D
James Ellroy l'avevo già puntato in effetti.
Penso, a questo punto, che partirò con Dalia Nera.
Poi passerò a Jean Claude Izzo, mi hai convinto :)

#5
pixie81

pixie81
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1897
io non faccio molto testo perché sono onnivora...
cmq tra i miei preferiti ci sono fred forsyth e jack higgins dei quali credo di aver letto tutto, seguiti da agatha christie

nicci french e patricia cornwell sono un po' splatter a volte, mary higgings clark dopo un po' è ripetitiva
robin cook scrive degli ottimi medical thriller
ken follett va bene sullo spionaggio, un po' meno negli intrighi finanziari e in alcuni libri c'è troppo sesso inutile ai fini della trama (non ai livelli della hamilton, pero')
baldacci-ford, banks, connelly, pd.james, kellerman, mcbain, patterson...... buoni polizieschi, non arriverei a definirli thriller, c'è poca suspence

ho appena notato che nella lista figura Baronessa Orkzy, l'autrice della Primula Rossa, non proprio un thriller :megalol:

#6
alexandrez

alexandrez
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 20
Forse un po' fuori tiro, ma Dashiell Hammett è praticamente il capostipite dell'hard-boiled USA. I romanzi migliori sono La chiave di vetro e Il falco maltese, che, pubblicati ormai 80 anni fa, avvertono il peso del tempo e ai lettori/spettatori scafati di gialli-noir-thriller probabilmente non riserverà grandissime sorprese. Le ambientazioni però sono belle e pure lo stile è scorrevole.

#7
Darth Revan

Darth Revan
  • DIO

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 18641
edit : niente trovato

Modificata da Darth Revan, 17 February 2013 - 07:44 AM.


#8
Blindevil

Blindevil
  • One Eye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Redazione
  • Messaggi: : 3499
Puoi provare Dance, dance, dance di Haruki Murakami, un noir sicuramente atipico ma tra i picchì più alti del maestro giapponese.

"È un giorno di marzo, al Dolphin Hotel di Sapporo, a. d. 1983. Alla radio suonano gli Human League. E poi Fleetwood Mac, Abba, Bee Gees, Eagles... Uno strano mondo, dove tutto - o quasi - si può comprare. Cosí, per chi non ha voluto, o saputo, cogliere l'attimo e tuffarsi nell'ingranaggio, le strade che rimangono sono tutte un po' tortuose.

Il protagonista, un giornalista free lance costretto dalle circostanze ad improvvisarsi detective, si muove tra cadaveri veri e presunti attraverso una Tokyo iperrealistica e notturna, una Sapporo resa ovattata da una nevicata perenne e la tranquillità illusoria dell'antica cittadina di Hakone. Una giovane ragazza dotata di poteri paranormali, lo accompagna nella sua ricerca. Ma troviamo anche una receptionist troppo nervosa, un attore dal fascino irresistibile, un poeta con un braccio solo; e un salotto, a Honolulu, dove sei scheletri guardano la televisione.
Esiste un collegamento fra tutte queste cose, un senso anche per chi ha perso l'orientamento. L'unico modo per trovarlo è non avere troppa paura, e un passo dopo l'altro continuare a danzare."





Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi