Vai al contenuto

Il capitale di Marx(pių precisamente il capitolo 24)


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 28 risposte

#1
The Game_93

The Game_93
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 13009
Ciao a tutti,oggi mi son imbattuto nell'interessante lettura del capitolo 24 del primo libro di Marx e volevo farmi risolvere a chi ne sa pių di me alcuni dubbi.In pratica in questo capitolo Marx ci illustra il capitalismo dalla sua nascita "preistorica" fino ad oggi ma qual'č il suo senso?Ci vuole mostrare come nel 14 secolo si espropriavano i contadini e lo si fa ancora oggi?Detto in termini grezzi.

#2
CompagnoSir

CompagnoSir
  • Alison, I'm lost

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 3844

Ciao a tutti,oggi mi son imbattuto nell'interessante lettura del capitolo 24 del primo libro di Marx e volevo farmi risolvere a chi ne sa più di me alcuni dubbi.In pratica in questo capitolo Marx ci illustra il capitalismo dalla sua nascita "preistorica" fino ad oggi ma qual'è il suo senso?Ci vuole mostrare come nel 14 secolo si espropriavano i contadini e lo si fa ancora oggi?Detto in termini grezzi.


Riformula la domanda plis

#3
XX-YY-ZZ

XX-YY-ZZ
  • Eye Master

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 27784
devi mettere dei riferimenti più precisi per la fruizione dell'utenza, altrimenti fra 24 ore chiudo :)

#4
The Game_93

The Game_93
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 13009
Scusate,l'ho scritto ieri a notte a fonda :asd: .In pratica mi interessava sapere qual'è il senso di quel capitolo,cioè parte con il raccontare cosa succedeva nel XIV secolo fino ad oggi ma non ho capito che senso ha e cosa ci vuole far capire.Qual'è il concetto del capitolo 24? :ninja:

#5
XX-YY-ZZ

XX-YY-ZZ
  • Eye Master

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 27784

Scusate,l'ho scritto ieri a notte a fonda :asd: .In pratica mi interessava sapere qual'è il senso di quel capitolo,cioè parte con il raccontare cosa succedeva nel XIV secolo fino ad oggi ma non ho capito che senso ha e cosa ci vuole far capire.Qual'è il concetto del capitolo 24? :ninja:


non siamo tenuti a sapere a memoria il capitolo di un libro, cita la fonte :)

#6
fedeolly

fedeolly
  • Strong Eye Fan

  • StellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1110
Cito io: http://www.criticame...ibro_I_-_24.htm

#7
Barone Molotov

Barone Molotov
  • Gran Duca Conte di Pigrizistan

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 5900
Cosa c'entrano gli espropri con il capitalismo? Dubito che Marx abbia scritto un'idiozia del genere.

#8
The Game_93

The Game_93
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 13009

non siamo tenuti a sapere a memoria il capitolo di un libro, cita la fonte :)


Ma non è sapere a memoria,è che non capisco il nesso degli espropri con appunto il capitale di marx,cioè che cavolo c'entra?

#9
Il Buono

Il Buono
  • UN PIVO!

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 18573

Cosa c'entrano gli espropri con il capitalismo? Dubito che Marx abbia scritto un'idiozia del genere.

Si ma perchè marx parla di espropri in senso un pò più ampio rispetto a quello che si intende solitamente.

"L'esproprio da parte della massa nei confronti dei grandi capitalisti che fino ad oggi hanno espropriato ricchezze dalla massa per l'arricchimento personale"


E altre robe così :sisi:

Tipo:

"Questa espropriazione si compie attraverso il giuoco delle leggi immanenti della stessa produzione capitalistica, attraverso la centralizzazione dei capitali. Ogni capitalista ne ammazza molti altri. "

No ma nemmeno, avevo scritto una cavolata, leggiti la parte finale del capitolo 24 postato da fede, la parte in grassetto.

Modificata da Il Buono, 11 January 2013 - 03:17 PM.


#10
XX-YY-ZZ

XX-YY-ZZ
  • Eye Master

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 27784
in 50 secondi ho capito che MMarx afferma

1) usciti dal medioevo i contadini erano liberi e autonomi (parliamo dell'Inghilterra almeno)
2) la riforma inglese è stato un ottimo pretesto per espropriare alla chies a e dare a rapaci "imprenditori"
3) è avvenuto una progressiva concentrazione della proprietà e i contadini da "liberi professionisti" son diventti salariati di terre non loro

il resto è *storia*

pensiamo alla lotta contro la mezzadria e in un certo senso anche la lotta al caporalato rientra negli abusi contro chi lavora

#11
Il Buono

Il Buono
  • UN PIVO!

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 18573
Comunque credo che il senso del capitolo (credo) stia nell'unica frase che nella conclusione non è stat evidenziata:

"Il modo di appropriazione capitalistico che nasce dal modo di produzione capitalistico, e quindi la proprietà privata capitalistica, sono la prima negazione della proprietà privata individuale, fondata sul lavoro personale."

La storia te la racconta per farti capire questa cosa (ripeto, credo :D )

#12
XX-YY-ZZ

XX-YY-ZZ
  • Eye Master

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 27784

Comunque credo che il senso del capitolo (credo) stia nell'unica frase che nella conclusione non è stat evidenziata:

"Il modo di appropriazione capitalistico che nasce dal modo di produzione capitalistico, e quindi la proprietà privata capitalistica, sono la prima negazione della proprietà privata individuale, fondata sul lavoro personale."

La storia te la racconta per farti capire questa cosa (ripeto, credo :D )

beh, questo si sa, è il principio cardine: l'imprenditore dà meno del dovuto al lavoratore, con la quale accumula denaro

questo prima di avere il concetto di"creatività d'impresa", che in effetti alle'poca latitava.

ogggi l'imprenditore "ruba" il surplus come se fossero delle "royalties" sull'uso della sua impresa. questo sarebbe legittimo nei casi in cui il lavoratore non troverebbe pari tratatmento economico altrove a parità di attività lavorativa
mi spiego: un sarto se va da Missoni, gli fa fare cose che gli fanno vendere i prodotti a un prezzo maggiore.

esempio numerico

sarto senza Missoni prende 100
sarto con missoni prende 150, ma 20 lo da a Missoni
Missoni quindi "ruba" 20 al sarto, che comunque guadagna di più

ma all'epoca di Marx il capitalista non inventava di certo il vino e nemmneo i tessuti. la creatività di impresa è roba da societa da terziario avanzato.

all'epoca di Marx era

sarto prende 100
sarto dentro fabbrica prende 100, ma 20 li dà al proprietario delle macchine
il proprietario prende 20 senza fare vero lavoro creativo


quando si dice "puntare sulla ricerca" o su altre cose, si vuol fare questo: la "ricchezza" prodotta viene spalmata su tutti i lavoratori con cui avverrà il processo lavorativo.

è il motivo per cui un muratore a Milano guadagna di più che a Messina

#13
Il Buono

Il Buono
  • UN PIVO!

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 18573

beh, questo si sa, è il principio cardine: l'imprenditore dà meno del dovuto al lavoratore, con la quale accumula denaro

questo prima di avere il concetto di"creatività d'impresa", che in effetti alle'poca latitava.

ogggi l'imprenditore "ruba" il surplus come se fossero delle "royalties" sull'uso della sua impresa. questo sarebbe legittimo nei casi in cui il lavoratore non troverebbe pari tratatmento economico altrove a parità di attività lavorativa
mi spiego: un sarto se va da Missoni, gli fa fare cose che gli fanno vendere i prodotti a un prezzo maggiore.

esempio numerico

sarto senza Missoni prende 100
sarto con missoni prende 150, ma 20 lo da a Missoni
Missoni quindi "ruba" 20 al sarto, che comunque guadagna di più

ma all'epoca di Marx il capitalista non inventava di certo il vino e nemmneo i tessuti. la creatività di impresa è roba da societa da terziario avanzato.

all'epoca di Marx era

sarto prende 100
sarto dentro fabbrica prende 100, ma 20 li dà al proprietario delle macchine
il proprietario prende 20 senza fare vero lavoro creativo


quando si dice "puntare sulla ricerca" o su altre cose, si vuol fare questo: la "ricchezza" prodotta viene spalmata su tutti i lavoratori con cui avverrà il processo lavorativo.

è il motivo per cui un muratore a Milano guadagna di più che a Messina


Si quoto, anche se aggiungo che secondo me siamo in un fase diciamo intermedia o di trasizione se preferisci, dove determinati settori dell'industria lavorano come nel tuo esempio del sarto e altri settori lavorano ancora secondo il vecchio sistema capitalistico (vedi ad esempio un acciaieria).

I settori di elite o comunque con un ristretto bisogno di manodopera molto specializzata si comportano come dici te, i settori dell'industria pesante, secondo quello che ho capito io, Marx li avrebbe voluti collettivizzati, ma non in mano allo stato, bensì in mano ai lavoratori sotto forma di cooperative.

Certo immaginarsi oggi una cosa simile a livello globale è ancora più utopico di allora :D (non impossibile, ma improbabile :sisi; )

#14
The Game_93

The Game_93
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 13009

Comunque credo che il senso del capitolo (credo) stia nell'unica frase che nella conclusione non è stat evidenziata:

"Il modo di appropriazione capitalistico che nasce dal modo di produzione capitalistico, e quindi la proprietà privata capitalistica, sono la prima negazione della proprietà privata individuale, fondata sul lavoro personale."

La storia te la racconta per farti capire questa cosa (ripeto, credo :D )


ohhh era quello che volevo sapere :D .Grazie anche a Creonte per le delucidazioni.

#15
XX-YY-ZZ

XX-YY-ZZ
  • Eye Master

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 27784

ohhh era quello che volevo sapere :D .Grazie anche a Creonte per le delucidazioni.

ehm... non serviva leggere il capitale...bastava un manuale licaela di filosofia... anzi, una paginetta di wikipedia :P




Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi