Vai al contenuto

[bookeye] consiglio per libri da leggere (studio e piacere)


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 24 risposte

#1
Fox Hound

Fox Hound
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 16017
salve mi potreste consigliare dei libri da leggere? cercavo sia libri di studio seri su diversi argomenti (teatro, cinema, musica, fotografia, discipline scientifiche e umanistiche, lingue antiche, sul fai da te (per costruire spara rampini/spara arpioni/maschere da super eroe anti proiettili/veicoli ad alta tecnologia/mini dirigibili) e chi più ne ha più ne metta! ma cercavo anche libri come romanzi, noire, d'avventura, fantasy, e qualunque altro genere. l'importante è che siano dei bei libri poi poco conta l'argomento (mi interessa di tutto).
thx

p.s. mi manca completamente la cultura "classica" diciamo.... dei vari libri antichi come quelli della tragedia greca che vorrei leggere ma non saprei da dove iniziare (qual'è il più bello?), ma anche tutti gli altri classici antichi (tipo divina commedia, promessi sposi etc, etc...) mi consigliereste anche dei classici di questo tipo please? thx!

edit.

in buona sostanza sto scoprendo la lettura solo ora dopo molto tempo.... sono praticamente vergine in tutti i campi. ma ho una "sete" di cultura impressionante. la scuola è passata da un pezzo e non ho punti di riferimento. in pratica vi chiedo aiuto per cercare di riuscire a recuperare un po' della bellezza che mi sono perso in tutti questi anni! grazie ciao!

edit.
potreste darmi un consiglio del tipo 5/5/5? 5 romanzi moderni che vi sono piaciuti, 5 classici che vi sono piaciuti (dai grandi poemi greci, che mi interessano moltissimo, alla fine del 1800), e eventualmente su 5 libri riguardanti lo studio di discipline varie (teatro, cinema, musica, fotografia, scienze, geometria, spiritualità, religioni monoteiste e politeiste, "DIY")? thx!

Modificata da Fox Hound, 18 December 2012 - 12:55 PM.


#2
autechre

autechre
  • Oblique strategies

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Collaboratore Forumeye
  • Messaggi: : 22633
per te il Meglio

solo il Meglio

Immagine inserita

#3
Fox Hound

Fox Hound
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 16017
ahahahahah eppure non sono sotto acido ma è come se la stanza attorno a me fosse leggera, il materasso è leggero, il mio cuore è leggero e mi sento felice ! ahahah ! XD MELO leggo assolutamente per primo . GRAZIE ! XD

Immagine inserita

Modificata da Fox Hound, 17 December 2012 - 11:20 PM.


#4
Laeryn

Laeryn
  • One Eye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 2571
Così, in generale? Be', c'è il mondo. XD

I Promessi Sposi è imprescindibile per il bagaglio culturale di qualsiasi italiano.
La Divina Commedia eviterei, limitati a leggere qualche Canto. Tutta, da solo, non è proprio il massimo. Se vuoi approfondire poesia italiana o opere classiche come il teatro greco è meglio farlo con l'ausilio di libri di studio che ti guidino almeno un minimo. Ma se hai sempre letto poco, comincia con classici e libri più fruibili e piacevoli.

Se andiamo ai romanzi c'è veramente di tutto.
Se dovessi scegliere un autore in particolare, ti direi di leggere Dumas. Va da libri leggeri e accessibili ma comunque classici (I tre moschettieri, Vent'anni dopo), a opere più complesse e affascinanti (Il Visconte di Bragelonne e il magnifico Conte di Montecristo). Per me è imperdibile.

#5
Yang Wenli

Yang Wenli
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 2180

Così, in generale? Be', c'è il mondo. XD

I Promessi Sposi è imprescindibile per il bagaglio culturale di qualsiasi italiano.
La Divina Commedia eviterei, limitati a leggere qualche Canto. Tutta, da solo, non è proprio il massimo. Se vuoi approfondire poesia italiana o opere classiche come il teatro greco è meglio farlo con l'ausilio di libri di studio che ti guidino almeno un minimo. Ma se hai sempre letto poco, comincia con classici e libri più fruibili e piacevoli.

Se andiamo ai romanzi c'è veramente di tutto.
Se dovessi scegliere un autore in particolare, ti direi di leggere Dumas. Va da libri leggeri e accessibili ma comunque classici (I tre moschettieri, Vent'anni dopo), a opere più complesse e affascinanti (Il Visconte di Bragelonne e il magnifico Conte di Montecristo). Per me è imperdibile.


Quoto, per iniziare dai classici si deve partire da Dumas, in particolare la trilogia dei moschettieri. Il primo libro è leggero, veloce e con tanta sostanza addosso. Direi di iniziare pure dalla Storia Infinita, dove si parla di amore per la lettura e invoglia il lettore a leggere. Consiglio anche i classici americani, specialmente Mark Twain con Tom Sawyer e Huck Finn, Per cominciare con una letteratura classica consiglio sempre di cominciare dai libri per ragazzi, a parte sono dei veri capolavori sono fruibili da un vasto pubblico.



Se poi non ti senti poco macho e non segui il maschilismo a tutti i costi, consiglio Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen, pure questo leggero e divertente, non manca tanta critica sociale e tante prese in giro alla stupidità degli esseri umani.

Ti consiglio di alzare la difficoltà piano piano. inizia da autori come Dumas, Dickens, Austen,Orwell, Matheson e poi arriva ai grandi romanzieri russi. Prima di iniziare da Dumas ti consiglio un vasto assortimento di libri per ragazzi,direi c'è un'intera lista di classici dai I ragazzi della via Pal alle Fiabe di Calvino, Andersen e Grimm.


Per la saggistica va a gusti, ogni saggio che vedi su un argomento che ti interessa acquistalo, poi piano piano farai una scrematura degli argomenti e scarterai saggi inutili.

Modificata da Yang Wenli, 17 December 2012 - 11:47 PM.


#6
CompagnoSir

CompagnoSir
  • Alison, I'm lost

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 3844
Per i classici latini e greci consiglierei le commedie di Plauto, soprattutto l'Anfitrione. Se ti vuoi avvicinare alle tragedie greche direi di affiancare alla lettura vera e propria la Nascita della tragedia di Nietzsche. Invece, dal punto di vista della prosa latina, leggiti gli epistolari di Cicerone e Seneca. Seneca in particolare, col suo Vindica Te Tibi, renditi padrone di te stesso e del tuo tempo, può ispirare assai.

Per i moderni, in narrativa, fai prima una cernita generale di autori imprescindibili per nazione: quindi Stendhal (Il rosso e il nero), Balzac (Eugenie Grandet), Zola (Therese Raquin) per la Francia; Goethe (Affinità Elettive è tassativo) , Mann (La morte a Venezia), Hesse (Siddharta), Kafka (Metamorfosi, i racconti e il Processo) per la Germania; le sorelle Bronte (Jane Eyre e Cime Tempestose), Jane Austen, Dickens, James Joyce (Gente di Dublino), Eliot (The Waste Land), Twain (Tom Sawyer e Huckelberry Finn), Henry James (Ritratto di Signora) per i paesi Anglosassoni; Tolstoj (Guerra e Pace, Anna Karenina, Sonata a Kreutzer), Dostoevskij (L'Idiota, Il Giocatore, Delitto e Castigo, I Demoni), Gogol' (Anime Morte, I Racconti di Pietroburgo), Bulgakov (Il Maestro e Margherita, Uova Fatali, Cuore di Cane, Appunti di un giovane Medico) per la Russia; Manzoni (i Promessi Sposi), Verga (I Malavoglia), Pirandello (mi sento di consigliarti le Novelle), Svevo (Senilità, La Coscienza di Zeno), per l'Italia, ad esempio.

Domani, le prossime puntate dedicate alla filosofia e alla poesia :D

#7
tommypast

tommypast
  • I rosa elefanti nooooooo...salvatemi

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 22842
Studi Lettere Compagno? :D

Comunque quoto i testi elencati finora, prossimamente se sarò ispirato ti darò anche qualche mio umilissimo consiglio :sisi:

EDIT: Bè va uno della lista di Compagno lo consiglio caldamente al volo perché il mio preferito, non per altro: Il Maestro e Margherita di Bulgakov :sisi:

EDIT 2: E ti consiglio tutto Haruki Murakami, tantarobba

Modificata da tommypast, 18 December 2012 - 12:57 AM.


#8
Fox Hound

Fox Hound
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 16017
libri per ragazzi non posso non riuscirei secondo me ma grazie per il consiglio! cmq qualche libro l'ho letto, credo di aver letto il signore degli anelli, veronica decide di morire e siddharta di herman hesse (bello bello), poesie di Lao Tzu, paulo coelho e Rabindranath Tagore. :)


potreste darmi un consiglio del tipo 5/5/5? 5 romanzi moderni che vi sono piaciuti, 5 classici che vi sono piaciuti (dai grandi poemi greci, che mi interessano moltissimo, alla fine del 1800), e eventualmente su 5 libri riguardanti lo studio di discipline varie (teatro, cinema, musica, fotografia, scienze, geometria, spiritualità, religioni monoteiste e politeiste, "DIY")?

thx !!!!



Per i classici latini e greci consiglierei le commedie di Plauto, soprattutto l'Anfitrione. Se ti vuoi avvicinare alle tragedie greche direi di affiancare alla lettura vera e propria la Nascita della tragedia di Nietzsche. Invece, dal punto di vista della prosa latina, leggiti gli epistolari di Cicerone e Seneca. Seneca in particolare, col suo Vindica Te Tibi, renditi padrone di te stesso e del tuo tempo, può ispirare assai.

Per i moderni, in narrativa, fai prima una cernita generale di autori imprescindibili per nazione: quindi Stendhal (Il rosso e il nero), Balzac (Eugenie Grandet), Zola (Therese Raquin) per la Francia; Goethe (Affinità Elettive è tassativo) , Mann (La morte a Venezia), Hesse (Siddharta), Kafka (Metamorfosi, i racconti e il Processo) per la Germania; le sorelle Bronte (Jane Eyre e Cime Tempestose), Jane Austen, Dickens, James Joyce (Gente di Dublino), Eliot (The Waste Land), Twain (Tom Sawyer e Huckelberry Finn), Henry James (Ritratto di Signora) per i paesi Anglosassoni; Tolstoj (Guerra e Pace, Anna Karenina, Sonata a Kreutzer), Dostoevskij (L'Idiota, Il Giocatore, Delitto e Castigo, I Demoni), Gogol' (Anime Morte, I Racconti di Pietroburgo), Bulgakov (Il Maestro e Margherita, Uova Fatali, Cuore di Cane, Appunti di un giovane Medico) per la Russia; Manzoni (i Promessi Sposi), Verga (I Malavoglia), Pirandello (mi sento di consigliarti le Novelle), Svevo (Senilità, La Coscienza di Zeno), per l'Italia, ad esempio.

Domani, le prossime puntate dedicate alla filosofia e alla poesia :D

ti ringrazio molto per i consigli in particolare sulla cultura classica, inizio da qui, sono letteralmente affamato dalla cultura greca e in particolare qui se hai anche altri titoli fammi sapere please ! mi affascina da morire . :D

edit. @Tommy grazie anche a te per il consiglio, annoto tutto ! :)
edit. Haruki Murakami che genere fa?

Modificata da Fox Hound, 18 December 2012 - 12:43 PM.


#9
CompagnoSir

CompagnoSir
  • Alison, I'm lost

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 3844

Studi Lettere Compagno? :D



No, ma è il mio sogno proibito :D .

(Metti un dito nella piaga :will2: )

#10
Yang Wenli

Yang Wenli
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 2180
5 Romanzi classici per me imprescindibili:


Martin Eden di Jack London


La Fiera della Vanità di Thackeray

Il Nostro comune amico di Dickens

I Demoni di Dostoevskij (vabbè lui è dio fai prima a leggerti tutto del Dosto)

Alla Ricerca del tempo perduto di Proust (preparati a perderci due anni di vita).


Eh, questi sono diciamo quelli che mi hanno lasciato di più ma se chiedi solo 5 romanzi è molto limitato. Sono stato costretto a Lasciare fuori roba come Guerra e Pace, I Miserabili, L' Uomo che ride, Novantrè, Moby Dick, Jane Eyre etc etc.


5 romanzi moderni:


Imparare a pregare nell'era della tecnica di Tavares (no non è un saggio è romanzo a tutto tondo)


Cecità di Josè Saramago


L'uccello che girava le viti del mondo di Murakami


Trilogia marisgiliese di Jean Claude Izzo

Arthur e George di Julian Barnes.


Questi sono contemporanei, non di inizio novecento, pure lì sarebbe tanta roba da mettere nella lista.


Per libri per ragazz intendo capolavori come Zanna Bianca. Huck Finn, La Fabbrica di cioccolato, Senza Famiglia, David Copperfield. Classici considerati universali dalla letteratura, mica i romanzetti Geronimo Stilton.

#11
Perunamico

Perunamico
  • This is like being hug by a videogames

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 9313
La noia di Moravia, tutto Shakespeare, il deserto dei tartari e anche il mio amore assomiglia ad un cerbiatto di grossman. Per il resto ti hanno già consigliato tanti bellissimi libri...

Per quanto riguarda il cinema invece di un libro che dici di vedere un documentario? The story of film, documentario di 900 minuti. Di neurologia L'uomo che scambiò sua moglie per un capello, romanzato molto piacevole da leggere. Infarinatura di fisica e astronomia un po' comico c'è la scienza del mondo disco. Opere più approfondite sono adatte allo studio, non alla lettura, e non so consigliartele.

#12
tommypast

tommypast
  • I rosa elefanti nooooooo...salvatemi

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 22842

No, ma è il mio sogno proibito :D .

(Metti un dito nella piaga :will2: )

Sorry :will2:

Se vuoi quest'inverno mi laureo in Lettere Moderne, ti mando a casa come regalo il mio inutile tubo con il certificato e una tesi altrettanto inutile in Storia Medievale XD

#13
God Morpheus

God Morpheus
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1893
Se ti vanno bene in inglese c'è un romanzo che ho adorato: "The Book and the Sword" di Jin Yong. è un romanzo wuxia cinese. Putroppo non credo ci sia una traduzione in italiano, ma c'è un edizione in inglese. E' il mio romanzo preferito.

Per libri accademici/studio te ne posso consigliare in scienze politiche/relazioni internazionali che ho personalmente adorato (visto che cerchi libri su qualsiasi disciplina umanistica). Li ho letti per l'università ma sono relativamente semplici e fattibili per chi si approcia alla materia per la prima volta e sono ottimi per farsi un infarinatura di base:

- "Introduction to political theory" scritto da Hoffman.

- "The globalization of world politics" di Baylis, Smith, Owens.

- "Comparative Politics Today: a world view"; non ricordo gli autori. questo è ottimo se sei interessato a studiare i sistemi di governo, istituzioni politiche di tantissime nazioni diverse. Ogni capitolo è dedicato ad uno stato diverso ed è un manuale di politica comparativa (ma non è complicato; anzi va benissimo se ti avvicini alla materia per la prima volta).

Questi sono tutti in inglese.

Di antropologia (letti tanti anni fa) te ne posso consigliare due che mi sono piaciuti particolarmente (li trovi entrambi in italiano):

- "Storia dell'antropologia" di Ugo Fabietti.
- "Argonauti del Pacifico occidentale. Riti magici e vita quotidiana nella società primitiva" di bronislaw Malinowski (questo è una monografia etnografica eccellente sulle tribù che vivevano nelle Isole Trobriand; è un classico dell'antropologia).

Modificata da God Morpheus, 18 December 2012 - 01:07 PM.


#14
Fox Hound

Fox Hound
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 16017

Se ti vanno bene in inglese c'è un romanzo che ho adorato: "The Book and the Sword" di Jin Yong. è un romanzo wuxia cinese. Putroppo non credo ci sia una traduzione in italiano, ma c'è un edizione in inglese. E' il mio romanzo preferito.

Per libri accademici/studio te ne posso consigliare in scienze politiche/relazioni internazionali che ho personalmente adorato (visto che cerchi libri su qualsiasi disciplina umanistica). Li ho letti per l'università ma sono relativamente semplici e fattibili per chi si approcia alla materia per la prima volta e sono ottimi per farsi un infarinatura di base:

- "Introduction to political theory" scritto da Hoffman.

- "The globalization of world politics" di Baylis, Smith, Owens.

- "Comparative Politics Today: a world view"; non ricordo gli autori. questo è ottimo se sei interessato a studiare i sistemi di governo, istituzioni politiche di tantissime nazioni diverse. Ogni capitolo è dedicato ad uno stato diverso ed è un manuale di politica comparativa (ma non è complicato; anzi va benissimo se ti avvicini alla materia per la prima volta).

Questi sono tutti in inglese.

Di antropologia (letti tanti anni fa) te ne posso consigliare due che mi sono piaciuti particolarmente (li trovi entrambi in italiano):

- "Storia dell'antropologia" di Ugo Fabietti.
- "Argonauti del Pacifico occidentale. Riti magici e vita quotidiana nella società primitiva" di bronislaw Malinowski (questo è una monografia etnografica eccellente sulle tribù che vivevano nelle Isole Trobriand; è un classico dell'antropologia).

splendido veramente grazie !!!! :) si per l'inglese non ho problemi !

#15
CompagnoSir

CompagnoSir
  • Alison, I'm lost

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 3844


Ti raccomando sempre, in ogni caso, di prendere i classici greco-romani commentati e tradotti. Sono cose che non meritano una semplice lettura :)
Tra i poemi, sicuramente il binomio Iliade-Odissea e l'Eneide. Per il primo potresti affiancare la lettura di "Omero, Iliade" di Baricco, una reinterpretazione del poema.
Le tragedie, qui sono meno ferrato. Ho presente soprattutto Edipo Re di Sofocle e Ifigenia in Aulide di Euripide.
Per i latini, Satyricon di Petronio (c'è anche la versione cinematografica di Fellini) e Le Metamorfosi (o Asino d'Oro) di Apuleio, che non sono tragedie (la produzione latina in questo senso è abbastanza trascurabile) ma sono opere assai divertenti :)


Invece, per la poesia, ti suggerisco di prendere antologie critiche degli autori, che ti possono dare una visione generale dell'autore dando nel frattempo una selezione di componimenti.
I greci, Alceo e Saffo. I latini, Catullo (imprescindibile), Virgilio (le Bucoliche), gli epigrammi di Marziale (Xenia)

Per i moderni, dal canto mio sento di dirti Majakovskij, che adoro alla follia.

Poi, per orientarti, Montale e gli ermetici, Schiller e i romantici tedeschi, Baudelaire,Verlaine e i simbolisti francesi, i nostri Petrarca, Dante Foscolo, Leopardi, Pascoli e Carducci.


Sorry :will2:

Se vuoi quest'inverno mi laureo in Lettere Moderne, ti mando a casa come regalo il mio inutile tubo con il certificato e una tesi altrettanto inutile in Storia Medievale XD


Perché no XD

Modificata da CompagnoSir, 18 December 2012 - 01:36 PM.





Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi