Vai al contenuto

George Harrison: Living in the material world - RECENSIONE


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 2 risposte

#1
Cinematografo

Cinematografo
  • Eye Master

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Newser Ufficiale
  • Messaggi: : 27792
George Harrison: Living in the material world - RECENSIONE (Blu-Ray)
Scorsese riscopre George Harrison
George Harrison: Living in the Material World è una manna per chi al gusto del cinema abbina anche quello per la buona musica. Il lungo documentario basato sullo storico chitarrista dei Beatles è infatti diretto nientemeno che da Martin Scorsese, e racconta la vita del musicista a partire dall’infanzia, affrontando naturalmente il periodo in cui fu parte fondamentale dei fab-four contribuendo a caratterizzarne lo stile con il suo suono caldo e bluesy, senza dimenticare la carriera da solista, con una serrata e piacevole alternanza di filmati rari, interviste attuali a vari personaggi che lo hanno conosciuto – dal figlio Dhani ai colleghi Paul McCartney e Ringo Starr, a Eric Clapton e Tom Petty, Jane Birkin, Yoko Ono e Terry Gilliam – e spezzoni di repertorio. Essendo l’operazione stata approvata direttamente dai familiari di Harrison, molto di questo materiale viene direttamente dai loro archivi privati. Chiaro dunque che si tratta di documenti particolarmente preziosi. Nulla è messo in secondo piano, compresa la svolta dell’impegno umanitario e la parallela conversione all’induismo, fino alla dura malattia che poterà alla dipartita di Harrison all’età di soli 58 anni. Scorsese però non partecipa direttamente alle interviste, limitandosi ad agire in cabina di montaggio, e se la scelta, dati i numerosi impegni del regista, è certamente comprensibile, dall’altro potrebbe deludere chi avrebbe preferito un approccio più diretto ed umanamente toccante.
Leggi l'articolo completo: George Harrison: Living in the material world - RECENSIONE (Blu-Ray)

Attenzione: Regole moderazione commenti nei topic degli articoli di Everyeye.it
Gli utenti sono liberi di esprimere la propria opinione sull''argomento di cui l''articolo tratta, sulla sua qualità, sui contenuti ed ovviamente sui voti assegnati.

Non saranno tuttavia tollerati in alcun modo i commenti che contengano insulti, critiche di scarsa professionalità, o i post che accusino il Network di essere in malafede, venduto e prezzolato. Anche la qualità dei commenti deve sempre tenere conto del rispetto per il lavoro dellaredazione. Critiche sì, insulti no.

Commenti di siffatta natura saranno immediatamente cancellati, e l''utente in questione sospeso per almeno una settimana.
Senza preavviso, senza invio di messaggi personali, e senza discussione alcuna da parte della moderazione o della redazione, che sarà intransigente a riguardo.



#2
autechre

autechre
  • borderline

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Collaboratore Forumeye
  • Messaggi: : 23200
grande George
sempre nei nostri cuori

#3
sauron82

sauron82
  • Vola vola volaaaaa topo uccello!!!!

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 17418
ho scoperto questo grande artista dopo che è morto, e me ne rammarico, un grandissimo della musica




Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi