Vai al contenuto

IL PRIMA ED IL DOPO

- - - - -

  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 9 risposte

#1
Zohar

Zohar
  • A world with no need for gods...

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 14601
Titolo quasi laconico lo so...

In principio il topic voleva essere relativo alle differenze tra i Jrpg del passato e quelli attuali, nella maggior parte dei casi tacciati di essere non all'altezza del passato.
Poi pensandoci un attimo, sono giunto alla conclusione che la carenza più che essere di qualità (non solo almeno), è relativa al numero di produzioni e non necessariamente alla loro qualità (anche nell'epoca d'oro di produzioni di qualità effettiva ve n'erano relativamente poche se rapportate alla mole di titoli Jrpg che uscivano).

Dal momento che nella maggior parte dei casi, a scatenare la polemica sui forum, più che gli annunci di Jrpg in generale, sono gli annunci di SE, mi chiedevo, cosa pensa l'utenza di quello che è successo a questa SH, un tempo considerata tra i più strenui baluardi della produzione ruolistica nipponica?
Mi spiego meglio. SE è accusata spessissimo di non produrre più nulla all'altezza del suo glorioso passato. Ogni suo annuncio è puntualmente motivo di divisione dell'utenza... Da una parte tanti (me compreso) la accusano di produrre titoli scontati, in cui l'emozione di un tempo lascia lo spazio a facili (ma sterili) sensazionalismi, come condimento di una struttura che poi di eccezionale ha ben poco (se non la frequenza di pubblicazione); dall'altra altrettanti utenti, difendono l'operato a spron battuto, tacciando i detrattori di ostracismo che prescinde il giudizio, come se la critica fosse presupposta o guidata dal pregiudizio invece che dettata da quanto esperito dal videogiocatore stesso, e portano sul tavolo pregi di vario tipo.
Quello che mi sembra tuttavia manchi da entrambe le parti è una motivazione formale della propria opinione (talvolta perché non c'è, talvolta perché non si entra nel merito di tale argomento).

Quello che vorrei, tuttavia, è una trattazione formale di queste opinioni. Il massimo sarebbe stilare una lista delle caratteristiche che, secondo alcuni rendono i prodotti odierni di SE non all'altezza di quelli di una volta o, perché no, dei motivi per cui invece tali titoli non sono altro che degni eredi dei loro antenati. Un manifesto delle 2 facce della medaglia.

Cosa manca, secondo i detrattori?
Cosa c'è o c'è ancora secondo i sostenitori?

Comincio io.
1) I personaggi. Sia chiaro, secondo me ridurre tutto a "un tempo i personaggi erano migliori" è un'accusa che non sta in piedi. I capitoli sino al X hanno avuto alti e bassi, ma l'apice l'hanno trovato con il VI ed il VII. Più che i personaggi (si possono accusare quelli del XIII ma non è che l'VIII od il XI offrisse esemplari di molto più meritevoli), ad aver avuto forte impatto è stato il character design stesso. La veste grafica, incarnata negli anni passati da un Nomura molto scenico ma soprattutto alla mercé di quella che è la moda androgina del dannatissimo j-pop ha portato ad una pletora di personaggi di dubbio carisma. Personaggi come Vaan rappresentano i punti più bassi del brand (effetto moltiplicato dal fatto che a tale personaggio venne affidata la palma di main character del proprio capitolo... C'è da dire che le avvisaglie c'erano già con Tidus, ma lì le qualità erano altre a mio avviso). A tutt'oggi mi rimpiango un certo Auron, a mio avviso, uno dei personaggi più carismatici della saga, per certi aspetti anche sopra Cloud, se non altro per una maturità ed una drammaticità che a molti personaggi manca. Auron metteva a confronto le sue paure giovanili, il confronto con il mito e la realtà e mostrava un pragmatismo senza precedenti nella saga (esemplare quando, alla richiesta di fermarsi per riposarsi, Wakka risponde "I'm not Tired!", Auron risponde con un lapidario "But I am").

2) La politica di SE di voler curare non "anche" la fascia d'età più bassa dei videogiocatori, ma "quasi esclusivamente" tale fascia.
Nel XII, il personaggio principale doveva essere Balthier, personaggio non brillante ma sicuramente più all'altezza di quello che sarebbe stato Vaan. La paura era quella che la fandome non si identificasse in un personaggio considerato "troppo adulto". Un target più eterogeneo ma soprattutto più maturo (realmente, non sul modello dello specchietto per le allodole) giova a tutta l'utenza, arricchendo il titolo... Non ha proprio modo di minarne il successo ne l'attrattiva verso un pubblico più giovane...

3) La cadenza con cui i titoli vengono fatti uscire in relazione a quel che poi offrono dopo una tale attesa. Il XIII, per controverso che sia stato, ha offerto qualcosa di assolutamente non degno delle promesse fatte. Francamente a tutt'oggi non trovo giustificazione nei pantagruelici tempi di sviluppo, apparentemente necessari a sviluppare quello che poi ho visto. Si, il motore grafico avrà richiesto tanto tempo ma francamente 5 anni per un titolo simile son tanti.

4) La maturità della trama. Sia chiaro, anche i capitoli precedenti avevano falle e cali di stile, ma sinceramente, quanto visto con i vari spin-off di FFVII, con il XII ed il XIII si raggiungono vette nuove. I vari spin-off mostrano una totale incapacità di integrare nuovi tasselli ad una trama che non era assolutamente progettata per delle espansioni. Il XII sembra non sapere dove voler andare a parare, con una trama che a conti fatti poi, da poco o nulla. Il XIII, parte abbastanza bene per poi offrire dei tempi narrativi gestiti in modo pessimo, con sezioni di diverse ore guidate da personaggi che ho trovato odiosi (ridicola la scelta di mettere una parte della trama imporante come quella di Vanille, a Vanille stessa. Una bambolina piagnucolante che dovrebbe incarnare il rimorso di una colpa enorme... Balla e canta in continuazione, non dice nulla di rilevante.. Sarebbe come far interpretare Salvo D'Acquisto alla velina di quelli che il calcio). Paradossalmente l'unico personaggio che ho trovato fuori dalle righe è stato proprio il ragazzo sebbene poi il suo odio incondizionato (e giustificato direi) scemi in poco tempo alla luce di eventi molto più rilevanti di quanto la narrazione non lasci trapelare.
Tentativi di maturare la trama che poi trascendono e si riducono alle solite giapponesate. Grossi presupposti di trama che poi, alla luce dell'incapacità (o mancanza di possibilià) degli sceneggiatori giapponesi di saper affrontare la narrazione di eventi drammatici, crollano sul proprio peso, non sorretti da un adeguato cast di comprimari che ne reggano le fondamenta, soffocati da un buonismo quasi insopportabile (specialmente quando poi si vede quello che sanno fare i produttori di titoli come the witcher, o Dragon Age).

Vi prego di non flammare. Non sono mod, ma il primo che polemizza lo reporto io. Non voglio sminuire l'opinione di chi ancora oggi adora la serie, voglio solo un confronto maturo ed una trattazione formale su un tema che tante volte viene affrontato ma raramente approfondito.

Sia chiaro... Se dovete entrare solo per dire "sempre a fare polemica, se i titoli non vi piacciono, non comprateli" può tranquillamente rimanere fuori. Il Forum è un luogo di confronti, non una sega in compagnia, e nel confronto risiede la crescita dell'utente e dell'utenza.
Parliamo, confutiamo e discutiamo sul perché pensiamo quello che pensiamo visto che sempre ci si scontra su questo tema ma non ho ben chiaro in che modo tanti portino avanti le proprie opinioni.

Buona discussione (mi auguro ;), sia a chi la pensa come me che a chi possa pensarla in modo diametralmente opposto).

Modificata da Zohar, 13 December 2011 - 03:09 PM.


#2
Ranma

Ranma
  • everyday's great at your junes

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 19980
Condivido in parte il tuo discorso ma sulla questione personaggi la trovo valida solo se considerata nell'ambito "Final fantasy". Se parliamo di Square in generale devo dire che i pg "del passato" - nonostante i limiti tecnici delle console - si sbafano quelli "odierni" senza alcun problema. Lo stesso "Chrono" pur non parlando mai e' caratterizzato 100 volte meglio di Tidus. Senza tirare in ballo mostri sacri come Fei (che pero' dalla sua ha la "fortuna" di essere dotato di personalita' multiple :D )

Purtroppo sono andati peggiorando :D

A livello di trama FF13 non mi e' dispiaciuto fino a circa meta', poi si perde in plot holes e clichè insopportabili fino ad un finale che manca di pathos e senza veri colpi di scena (anzi e' tutto talmente ovvio che sono rimasto basito, oltretutto la "soluzione" finale - no spoiler - era talmente ovvia che ci avevo gia' pensato io una 30ina di ore prima :D )

Per altro FF13 ha il "pregio" di cercare di far avvicinare i jrpg anche a un pubblico poco avvezzo a tale genere, innovativo da quel punto di vista, perdendo pero' cosi' l'appoggio dei "puristi" ("niente citta'? cure automatiche dopo i combattimenti? aaaargh!")

Square secondo me dovrebbe tornare a svolgere il suo compitino senza cercare di strafare o di innovare troppo, prendendo esempio da Xenoblade...
Alla fine della fiera quest'ultimo e' un ottimo JRPG vecchio stampo. Ed infatti e' in assoluto il migliore della gen, anche visto la mancanza di concorrenti.
Evitare spinoff stupidi, evitare troppe innovazioni controverse, concentrarsi sul "prodotto sicuro".

Che ci tiri fuori un protagonista simpatico, non bambino (possibilmente non emo :D), una trama matura e non campata per aria magari tornando sul Fantasy e lasciando perdere il cyberpunk.

#3
Zohar

Zohar
  • A world with no need for gods...

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 14601

Condivido in parte il tuo discorso ma sulla questione personaggi la trovo valida solo se considerata nell'ambito "Final fantasy". Se parliamo di Square in generale devo dire che i pg "del passato" - nonostante i limiti tecnici delle console - si sbafano quelli "odierni" senza alcun problema. Lo stesso "Chrono" pur non parlando mai e' caratterizzato 100 volte meglio di Tidus. Senza tirare in ballo mostri sacri come Fei (che pero' dalla sua ha la "fortuna" di essere dotato di personalita' multiple :D )

Purtroppo sono andati peggiorando :D

A livello di trama FF13 non mi e' dispiaciuto fino a circa meta', poi si perde in plot holes e clichè insopportabili fino ad un finale che manca di pathos e senza veri colpi di scena (anzi e' tutto talmente ovvio che sono rimasto basito, oltretutto la "soluzione" finale - no spoiler - era talmente ovvia che ci avevo gia' pensato io una 30ina di ore prima :D )

Per altro FF13 ha il "pregio" di cercare di far avvicinare i jrpg anche a un pubblico poco avvezzo a tale genere, innovativo da quel punto di vista, perdendo pero' cosi' l'appoggio dei "puristi" ("niente citta'? cure automatiche dopo i combattimenti? aaaargh!")

Square secondo me dovrebbe tornare a svolgere il suo compitino senza cercare di strafare o di innovare troppo, prendendo esempio da Xenoblade...
Alla fine della fiera quest'ultimo e' un ottimo JRPG vecchio stampo. Ed infatti e' in assoluto il migliore della gen, anche visto la mancanza di concorrenti.
Evitare spinoff stupidi, evitare troppe innovazioni controverse, concentrarsi sul "prodotto sicuro".

Che ci tiri fuori un protagonista simpatico, non bambino (possibilmente non emo :D), una trama matura e non campata per aria magari tornando sul Fantasy e lasciando perdere il cyberpunk.

Si, in effetti il discorso è relativo a FF.
Tirare in ballo Chrono trigger, Chrono Cross e Xeno (gears o blade) purtroppo peggiora solo la situazione :sese:. In prodotti come CT o CC il personaggio principale è molto particolare visto che è molto più parte della trama stessa che un personaggio incarnato dal giocatore... Ma lì è proprio tutta l'infrastruttura della trama ad essere costruita in un modo che secondo me oggi è quasi impossibile riprodurre, sia per ricettività dell'utenza sia per carenza di talenti capaci di caricarsi di un tale onere.

#4
Ranma

Ranma
  • everyday's great at your junes

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 19980

Si, in effetti il discorso è relativo a FF.
Tirare in ballo Chrono trigger, Chrono Cross e Xeno (gears o blade) purtroppo peggiora solo la situazione :sese:. In prodotti come CT o CC il personaggio principale è molto particolare visto che è molto più parte della trama stessa che un personaggio incarnato dal giocatore... Ma lì è proprio tutta l'infrastruttura della trama ad essere costruita in un modo che secondo me oggi è quasi impossibile riprodurre, sia per ricettività dell'utenza sia per carenza di talenti capaci di caricarsi di un tale onere.


Quindi la soluzione e' una sola. Square si deve riprendere i Monolith a suon di cash e far sviluppare a loro il prossimo FF
Easy win --)

#5
Zohar

Zohar
  • A world with no need for gods...

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 14601

Quindi la soluzione e' una sola. Square si deve riprendere i Monolith a suon di cash e far sviluppare a loro il prossimo FF
Easy win --)

Magari easy win :sese:.
1) Un po' per colpa di Monolith, un po' per colpa di Square, non è che ai tempi il rapporto lavorativo si concluse nel modo migliore (con Square che aveva la fortuna di avere tra le mani un jrpg eccezionale ma lo supportò fino ad un certo punto, addirittura non esportandolo nemmeno al di fuori degli USA).
2) Dopo quel popo' di XB che Monolith ha sfornato per Nintendo, dubito che questa si priverà di questo team tanto presto.

Ergo SE deve trovare sceneggiatori degni (ammesso che gli interessi, visto che secondo alcuni, le vendite non sembrerebbero riflettere alcuna crisi... In parole povere, i giochi vengono criticati da tanti ma alla fine vendono).

#6
Ranma

Ranma
  • everyday's great at your junes

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 19980

Magari easy win :sese:.
1) Un po' per colpa di Monolith, un po' per colpa di Square, non è che ai tempi il rapporto lavorativo si concluse nel modo migliore (con Square che aveva la fortuna di avere tra le mani un jrpg eccezionale ma lo supportò fino ad un certo punto, addirittura non esportandolo nemmeno al di fuori degli USA).


cosi' mi fai male, sappilo. Non rigirare il coltello nella piaga :doson:

[addirittura non lasciando il tempo al team di finirlo per bene :doson: per far uscire ff8 :doson: ]

2) Dopo quel popo' di XB che Monolith ha sfornato per Nintendo, dubito che questa si priverà di questo team tanto presto.

Ergo SE deve trovare sceneggiatori degni (ammesso che gli interessi, visto che secondo alcuni, le vendite non sembrerebbero riflettere alcuna crisi... In parole povere, i giochi vengono criticati da tanti ma alla fine vendono).


La mia era ovviamente una boutade :D

Alla square si devono dare una svegliata quanto prima... perche' io che i FF li ho presi tutti inclusi spinoff e remake sto gia' tentennando riguardo al 13-2 (che, paradossalmente, potrebbe anche piacermi piu' del primo episod... non voglio illudermi :doson: )

Modificata da Ranma, 13 December 2011 - 03:42 PM.


#7
kefka87

kefka87
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 76
Io non sono informato sui dati di vendita dei FF (e spin off) più recenti di SE, ma probabilmente i buoni risultati economici di cui si parla sopra sono la principale causa dell'ostinazione con cui SE persegue la propria strategia bene descritta in apertura.

Evidentemente, le critiche di giocatori più esigenti, che non guardano alla mera tecnica e agli effetti speciali, non turbano più di tanto SE: il numero di giocatori a cui piacciono gli ultimi titoli supera quello di chi li critica.

L'alternativa, che però reputo improbabile, è che il vertice abbia i paraocchi e/o che i membri che sviluppano i giochi siano peggio organizzati e meno competenti rispetto al passato.

#8
Zohar

Zohar
  • A world with no need for gods...

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 14601

Io non sono informato sui dati di vendita dei FF (e spin off) più recenti di SE, ma probabilmente i buoni risultati economici di cui si parla sopra sono la principale causa dell'ostinazione con cui SE persegue la propria strategia bene descritta in apertura.

Evidentemente, le critiche di giocatori più esigenti, che non guardano alla mera tecnica e agli effetti speciali, non turbano più di tanto SE: il numero di giocatori a cui piacciono gli ultimi titoli supera quello di chi li critica.

L'alternativa, che però reputo improbabile, è che il vertice abbia i paraocchi e/o che i membri che sviluppano i giochi siano peggio organizzati e meno competenti rispetto al passato.

Peggio organizzati sicuramente. Credo che la vicenda del Versus abbia pochi precedenti nella storia videoludica.

#9
Ranma

Ranma
  • everyday's great at your junes

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 19980

Peggio organizzati sicuramente. Credo che la vicenda del Versus abbia pochi precedenti nella storia videoludica.


gia' all'epoca di FFXII si erano avute discrete avvisaglie :D

#10
Zohar

Zohar
  • A world with no need for gods...

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 14601

gia' all'epoca di FFXII si erano avute discrete avvisaglie :D

Si, ma eravamo ancora entro i limiti di tolleranza... Qui se la disorganizzazione fosse urina, i pompieri userebbero il pisello di SE come lancia d'acqua contro la folla inferocita...

Poetico 'sto paragone vero? Quando me ce metto so' un signore :sese:.




Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi