Vai al contenuto

Habemus Papam (2011) [rece: 7,5]di Nanni Moretti con Nanni Moretti, Michel Piccoli


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 7 risposte

#1
Cinematografo

Cinematografo
  • Eye Master

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Newser Ufficiale
  • Messaggi: : 27792
Habemus Papam - RECENSIONE (Cinema)
In bocca al lupo, papa Melville!E' dal 1978, con l'uscita e l'invidiabile successo di Ecce bombo, che il nome di Nanni Moretti viene collegato a quello del buon cinema d'autore italiano. Profondamente criticato, spesso schernito per i suoi modi pedanti, Moretti ha saputo dividere critica e pubblico fin dalle sue primissime produzioni (Io sono un anarchico), facendo di stesso e delle sue produzioni degli eventi controversi e spesso irripetibili. Negli ultimi anni criticato - forse a ragione – per via di pellicole non proprio brillanti, il regista è divenuto anche produttore e mecenate di nuovi talenti. Grazie alla sua casa di distribuzione, la Sacher Film, Moretti permette la proiezione di neonate pellicole indipendenti offrendo loro una discreta visibilità (non ultimo il notevole caso de L'uomo fiammifero) nei cinema legati al suo nome. Habemus Papam, l'ultima fatica del regista, vede come protagonista la leggenda vivente Michel Piccoli e si ripromette di far discutere comunità ecclesiastiche e cinefile per lungo tempo.
Leggi l'articolo completo: Habemus Papam - RECENSIONE (Cinema)


#2
Gadimmi

Gadimmi
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 18
Splendido film visto ieri sera. Di Nanni moretti avevo visto solo caos calmo ma devo dire la verità che questo film mi è piaciuto moltissimo. con le sue situazioni surreali riesce a strappare dei sorrisi intelligenti e a far riflettere sull'umanità dell'uomo,di qualsiasi uomo anche di un Papa. E poi i temi sono trattati con una delicatezza fuori dal comune.


#3
- Luke -

- Luke -
  • Salt Your Life

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 30958
e te pareva ... sulle colonne di Avvenire è già partita una richiesta di boicottaggio del film

http://www.corriere....=box_primopiano


«Alla disinvoltura con la quale i media trattano i temi religiosi ormai ci siamo abituati Il fatto nuovo di questi gironi è invece come alcuni opinionisti cattolici trattano il film di Moretti Habemus Papam. Così l'ospitalità che chiedo è per lanciare un appello: non fidiamoci dei critici cattolici, anche se preti, che lo assolvono (con una ben curiosa giustificazione: Moretti poteva essere molto più cattivo)»

«Se vogliamo respirare l'atmosfera del Conclave - sollecita Izzo - andiamoci direttamente alla Sistina: per i giorni della beatificazione i Musei Vaticani hanno prolungato l'orario di apertura e dimezzato il costo dei biglietti. Perché dobbiamo finanziare chi offende la nostra religione?».

- «Non mi sembra - osserva - che regga il solito argomento che dobbiamo conoscere per giudicare: non è che debbo saltare giù dal sesto piano per capire che potrei farmi male. Di motivi per non vedere il film di Moretti ce ne è almeno uno fortissimo, quello che ci hanno insegnato le nostre mamme: "Gioca con i fanti e lascia stare i santi". Non è un bello spettacolo vedere scimmiottare la figura del Capo della Chiesa cattolica con la farsa (per quanto garbata essa sia) dell'elezione impossibile di un candidato fragile e bisognoso di aiuto». Il papa, dice Izzo, «non si tocca: è il Vicario di Cristo, la Roccia su cui Gesù ha fondato la sua Chiesa». Insomma di «Habemus Papam - conclude - non abbiamo bisogno, noi il Papa ce lo abbiamo per davvero».



una chiesa con una mentalità un filino più aperta proprio no eh ? <_<

#4
albyok

albyok
  • Super Eye Fan

  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 1623
Due piccole, ma importanti correzioni: la prima opera di Moretti non è Ecce Bombo, ma "Io sono un autarchico". La seconda è proprio sul nome di quest'ultima, storpiato in "anarchico", due concetti molto differenti :-)

#5
Nuas82

Nuas82
  • ARMnuaS

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 70421

e te pareva ... sulle colonne di Avvenire è già partita una richiesta di boicottaggio del film

http://www.corriere....=box_primopiano


«Alla disinvoltura con la quale i media trattano i temi religiosi ormai ci siamo abituati Il fatto nuovo di questi gironi è invece come alcuni opinionisti cattolici trattano il film di Moretti Habemus Papam. Così l'ospitalità che chiedo è per lanciare un appello: non fidiamoci dei critici cattolici, anche se preti, che lo assolvono (con una ben curiosa giustificazione: Moretti poteva essere molto più cattivo)»

«Se vogliamo respirare l'atmosfera del Conclave - sollecita Izzo - andiamoci direttamente alla Sistina: per i giorni della beatificazione i Musei Vaticani hanno prolungato l'orario di apertura e dimezzato il costo dei biglietti. Perché dobbiamo finanziare chi offende la nostra religione?».

- «Non mi sembra - osserva - che regga il solito argomento che dobbiamo conoscere per giudicare: non è che debbo saltare giù dal sesto piano per capire che potrei farmi male. Di motivi per non vedere il film di Moretti ce ne è almeno uno fortissimo, quello che ci hanno insegnato le nostre mamme: "Gioca con i fanti e lascia stare i santi". Non è un bello spettacolo vedere scimmiottare la figura del Capo della Chiesa cattolica con la farsa (per quanto garbata essa sia) dell'elezione impossibile di un candidato fragile e bisognoso di aiuto». Il papa, dice Izzo, «non si tocca: è il Vicario di Cristo, la Roccia su cui Gesù ha fondato la sua Chiesa». Insomma di «Habemus Papam - conclude - non abbiamo bisogno, noi il Papa ce lo abbiamo per davvero».



una chiesa con una mentalità un filino più aperta proprio no eh ? <_<





se posso permettermi, in verità la chiesa non sta affatto reagendo male al film, anzi.
non accusiamo di mentalità chiusa un'istituzione, per l'idea di un singolo.
la posizione del giornale Avvenire è tutt'altro che chiusa verso il film:

Avvenire ha pubblicato la lettera ma la posizione del quotidiano, espressa dall'editorialista Marina Corradi, è ben diversa: un film «ben fatto» e «intelligente» ma «senza la fede», dove «anche i cardinali sono raccontati con simpatia affettuosa» da uno sguardo «acuto» nel quale però «Dio è il grande latitante». Un giudizio lontano da ogni boicottaggio: «Abbiamo pubblicato una lettera tra le altre, come una posizione legittima e argomentata di chi si sente indignato, ma non è la linea del quotidiano», spiega il direttore Marco Tarquinio. Che aggiunge: «Il film andrò a vederlo e per quanto mi riguarda non esiste che si facciano boicottaggi sulle opere d'arte.

La Radio Vaticana, del resto, ne ha parlato bene («Nessuna ironia, nessun macchiettismo. Tutto molto umano») e dalla Cei fanno notare che la commissione per i film «non ha mai proposto boicottaggi».

Vittorio Messori sorride: «Come diceva Fouché: soprattutto mai troppo zelo. E poi, quanto a Moretti, non ne vedo la ragione: mi è parso un film agnostico ma tutt'altro che anticlericale, la visione della Chiesa è bonaria: si vede che Moretti è un romano doc, cresciuto accanto al Vaticano, ed è ingiusto prendersela perché non ha fede». E il vescovo Domenico Mogavero: «Mi riservo di dare un giudizio quando andrò a vederlo, ma non vedo con favore le preclusioni, guai ai roghi!, e rispetto la libertà creativa».

http://www.corriere....a62c11518.shtml

#6
- Luke -

- Luke -
  • Salt Your Life

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 30958

se posso permettermi, in verità la chiesa non sta affatto reagendo male al film, anzi.
non accusiamo di mentalità chiusa un'istituzione, per l'idea di un singolo.
la posizione del giornale Avvenire è tutt'altro che chiusa verso il film:

Avvenire ha pubblicato la lettera ma la posizione del quotidiano, espressa dall'editorialista Marina Corradi, è ben diversa: un film «ben fatto» e «intelligente» ma «senza la fede», dove «anche i cardinali sono raccontati con simpatia affettuosa» da uno sguardo «acuto» nel quale però «Dio è il grande latitante». Un giudizio lontano da ogni boicottaggio: «Abbiamo pubblicato una lettera tra le altre, come una posizione legittima e argomentata di chi si sente indignato, ma non è la linea del quotidiano», spiega il direttore Marco Tarquinio. Che aggiunge: «Il film andrò a vederlo e per quanto mi riguarda non esiste che si facciano boicottaggi sulle opere d'arte.

La Radio Vaticana, del resto, ne ha parlato bene («Nessuna ironia, nessun macchiettismo. Tutto molto umano») e dalla Cei fanno notare che la commissione per i film «non ha mai proposto boicottaggi».

Vittorio Messori sorride: «Come diceva Fouché: soprattutto mai troppo zelo. E poi, quanto a Moretti, non ne vedo la ragione: mi è parso un film agnostico ma tutt'altro che anticlericale, la visione della Chiesa è bonaria: si vede che Moretti è un romano doc, cresciuto accanto al Vaticano, ed è ingiusto prendersela perché non ha fede». E il vescovo Domenico Mogavero: «Mi riservo di dare un giudizio quando andrò a vederlo, ma non vedo con favore le preclusioni, guai ai roghi!, e rispetto la libertà creativa».

http://www.corriere....a62c11518.shtml



a questo punto decidessero una linea comune, perchè tra l'assolvere (se non promuovere) il film e invocarne il boicottaggio (come ha fatto il tizio di cui ho quotato l'articolo) ce ne passa ...

cmq agli italiani il film sta piacendo, e parecchio anche ........ 1,3 milioni incassati nel weekend (3000 euri a sala più o meno) e secondo posto nella classifica del b.o. dopo Rio

un ottimo risultato direi

#7
Touma Mitsuhashiba

Touma Mitsuhashiba
  • Se la vita non ti sorride, tu falle il solletico!

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Everyeye.it User
  • Messaggi: : 6953
Vabbe' ma non era mica la posizione del giornale, era solo un pezzo "ospitato"...e checchè se ne dica, la "linea comune" non esiste neanche per tante altre cose ben più importanti, figuriamoci la critica cinematografica.
Sul fatto che chi ha scritto questa boiata sia rimasto al medioevo ad ogni modo è chiaro. Ci vuole tanto a capire che il film guarda all'uomo e non alla sua figura sacrale? E' la storia di un uomo investito di una responsabilità che non crede di poter sostenere. Fosse stato americano, Moretti avrebbe usato il Presidente degli USA al posto del Papa, ed era uguale, perché da quanto ho capito Moretti non entra nel merito della sacralità della figura.
Ma vabbe', è ridicolo anche solo pensare di non poter scandagliare l'umanità di una figura come quella del Papa... Moretti ha fatto un film su un uomo, che per quanto figura spirituale, è pur sempre un uomo, e indagarne le debolezze umane è più che lecito. Altrimenti avrebbero dovuto scomunicare Zeffirelli per aver mostrato le debolezze umane di Gesù. Izzo (per fortuna) non è il portavoce del Vaticano. Ha scritto un'opinione -contestabilissima- dando fiato alla bocca, punto. Vogliamo continuare a dargli importanza? Vale quanto l'opinione di chiunque, anzi meno, essendo male argomentata e a priori.

#8
Blue Valentine

Blue Valentine
  • Normal Eye Fan

  • StellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 369
Visto ,decisamente in bilico tra serietà e demenzialità,cmq mi è piaciuto




Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi