Vai al contenuto

Hatchet - RECENSIONE (Dvd)


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 1 risposte

#1
Cinematografo

Cinematografo
  • Eye Master

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Newser Ufficiale
  • Messaggi: : 27772
Hatchet - RECENSIONE (Dvd)
L'horror "old school" di Adam Green è infine tra noi“Old school american horror”. Così si presenta al suo pubblico Hatchet, film del 2006 che dopo varie peripezie viene infine importato anche in Italia dalla sempre attivissima One Movie. Ma cosa vuole intendere l'autore e regista Adam Green con quel sottotitolo un po' naif? Semplice: che l'horror anni '80 è tornato, quello fatto di creature mostruose, vendicative e assassine, di ingenui (se non stupidotti) protagonisti adolescenti destinati al martirio e trame in cui la sospensione dell'incredulità è la prima regola. Un cinema semplice, di intrattenimento, ma che va a scavare le primarie paure dell'uomo: l'ignoto, il pericolo, la morte. Un cinema artigianale, fatto di pochi mezzi ma di tanta passione, tanto sudore e tanti effetti -poco- speciali realizzati rigorosamente a mano.Quello di Hatchet è un genere che solo ultimamente sta venendo riscoperto, proprio grazie a divertenti film-omaggio come questo e Lesbian Vampire Killers (a quando un'edizione italiana di quest'altro gioiellino?), volti a ripristinare lo status quo di una volta con tanta ironia quanto sangue finto, e lontani anni luce dall' “evoluzione” che ha subito il genere dopo l'avvento di mille pessime riscritture occidentali di horror estremo orientali e ancor peggiori torture porn di natura squisitamente commerciale.
Leggi l'articolo completo


#2
cancelled19997-8

cancelled19997-8
  • Little Eye Fan

  • Stelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 50
Prima o poi me lo faccio prestare da qualche amico :D




Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi