Vai al contenuto

Verso l'eden: RECENSIONE


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Nessuna risposta in questa discussione

#1
The Newser

The Newser
  • EyeFicionados Supreme

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Newser Ufficiale
  • Messaggi: : 104617
Elias (Riccardo Scamarcio) viene da lontano. Potrebbe essere armeno, turco, albanese. Potrebbe essere qualunque cosa, ma a conti fatti è solo un giovane uomo che cerca qualcosa: una magia per la quale darsi da fare e continuare a vivere una vita del cui passato non sappiamo niente, ma su cui durante la visione tiriamo a indovinare molto volentieri.
Dopo essere sfuggito alla polizia portuale da una carretta del mare abbandonata dagli stessi scafisti, Elias approda (o per meglio dire, naufraga) su una spiaggia nudista greca, per finire poi in un villaggio turistico di prima classe, dove incontrerà l’uomo che gli mostrerà la “magia” che cerca. E che lo spingerà verso un’ulteriore, e ancor più lunga, odissea, con Parigi come meta finale. Ma, come si suole dire in questi casi... è la destinazione che conta, o quello che scopriamo e viviamo lungo la strada che ci porta verso l’Eden?




Continua a leggere il nostro articolo a questo indirizzo http://www.everyeye....recensione_9064




Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi