Vai al contenuto

[Economia] Alitalia va ad AirFrance a spese nostreNel 2013 si vende ad AirFrance. I successi del governo si accumulano


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 600 risposte

Sondaggio: La vicenda Alitalia (106 utenti che hanno votato)

Le scelte di Marzo/Aprile viste dall'oggi:

  1. Air France era la scelta migliore in assoluto, abbiamo perso un'occasione d'oro (53 voti [56.38%])

    Percentuale di voti: 56.38%

  2. Mantenere l'italianità è fondamentale, bene ha fatto Berlusconi a prospettare l'arrivo di una cordata italiana (11 voti [11.70%])

    Percentuale di voti: 11.70%

  3. Alitalia doveva essere risanata e rimanere statale (1 voti [1.06%])

    Percentuale di voti: 1.06%

  4. Votato L'Alitalia è fallita da anni. Basta con l'accanimento terapeutico e lasciatela fallire. (29 voti [30.85%])

    Percentuale di voti: 30.85%

E la situazione di oggi è un semplice bivio: Piano Fenice o fallimento

  1. Piano Fenice (20 voti [21.28%])

    Percentuale di voti: 21.28%

  2. Votato Fallimento (74 voti [78.72%])

    Percentuale di voti: 78.72%

Voto Gli ospiti non possono votare

#1
Otacu

Otacu
  • Il MOE deve girare...

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 32301
Alitalia.... il baraccone pubblico croce e delizia delle scorse elezioni. Vero caso politico.

Il piano Airfrance presentato a marzo era stato bocciato brutalmente da Berlusconi e dai sindacati.
Era un piano duro? Certo, ma quando si cerca di vendere una compagnia in quelle condizioni non credo ci sia da fare tanto gli schizzinosi <_<
Era periodo di elezioni e per qualche voto in più si fa di tutto. Berlusconi si "impegnava" nella vicenda (un'altra volta dopo le solenni promesse, poi disattese, del 2004) e prometteva in pochi giorni una cordata di imprenditori italiani che impedisse la "svendita della compagnia di bandiera" ai francesi (non era una svendita ma coi media a battere ferro passò il messaggio).

Alitalia, Berlusconi: «Mi impegno io.Nuova cordata in pochi giorni»
Il leader del Pdl «Il prossimo premier, cioè io, dirà un secco no ai francesi».

I "pochi giorni" diventarono ovviamente 3-4 settimane e infine qualche mese :rolle: Ora siamo quasi a metà luglio e ancora la cordata non si è vista (L'Advisor sta lavorando). :rolle: Le solite promesse non mantenute.
Si dice che per i primi di Agosto arriverà un'offerta da Banca Intesa (forse).

Nel frattempo Berlusconi quale nuovo Pres. del Consiglio chiede e si concede un bel prestito di stato di 300 milioni di euro per Alitalia. Soldi pagati dal contribuente che sono finiti direttamente a patrimonio.

Il decreto consente di usare il prestito come patrimonio per coprire le perdite. Di conseguenza, il cda presieduto da Aristide Police ha dichiarato che i debiti finanziari del gruppo al 31 maggio sono scesi a 1.121 milioni rispetto a 1.358 di aprile: se non si vuol considerare questa interpretazione come sintomo di anarchia contabile, è un'ammissione che lo Stato ha fatto un'iniezione di capitale.

Sarà che col nuovo ministro dell'economia si respira di nuovo aria di "finanza creativa" :P

Il "prestito ponte", chiaramente aiuto di stato in barba alle norme comunitarie, è già finito nel mirino UE e delle compagnie concorrenti. Coi tempi elefantiaci dell'Europa però ovviamente la faremo franca ancora una volta.

Sempre nello stesso articolo è interessante notare quanti soldi brucia Alitalia al giorno.

La compagnia ieri ha comunicato che la liquidità al 31 maggio era di 388 milioni, rispetto ai 174 milioni del mese precedente. L'incremento è dovuto al prestito statale di 300 milioni: questo significa che in maggio è stata consumata cassa per 86 milioni, quasi tre milioni al giorno.

3 milioni di euro al giorno (nostri) che finiscono bruciati. Con questo ritmo in 3-4 mesi il "prestito" è già bello bruciato. :P



Ancora non si sa questa cordata italiana dove sia però Banca Intesa, nominata "Advisor" dal Governo (evviva il libero mercato), sta preparando un'offerta per i primi del prossimo mese. Quello che sembra certo ad oggi è che gli imprenditori italiani non ci sono se non proprio per pochi oboli e far presenza... forse avranno addirittura un impatto inferiore al "prestito ponte". Nomi ... pochi ed incerti. Soldi pochissimi (50-100 milioni?) ed ancora più incerti.
L'unica sicurezza è il nome di Air One appoggiato da Banca Intesa... la compagnia di Toto aveva già fatto un offerta (non vincolante) tempo fa che era risultata 30 volte inferiore a quella di Air France (non vincolante e 10 volte inferiore per quella vincolante) quindi c'è poco da stare allegri.

Il rischio concreto è che si finisca a fare un bel regalino agli imprenditori (anzi prenditori) nazionali protetti da una certa parte politica perchè secondo Il Messaggero (poi ripreso dagli altri quotidiani) il piano potrebbe concretizzarsi in un regalo davvero ghiotto.
- separazione in due compagnie di Alitalia: la parte buona e profittevole verrebbe ceduta a prezzo di favore a Banca Intesa e si fonderebbe con Air One. La "Bad Company" coi debiti e le attività in perdita rimarrebbe statale.
Considerando che Alitalia è già adesso una "bad company" la nuova compagnia dovrebbe essere una "Super bad company" a carico del contribuente.
Gli esuberi oscillerebbero tra i 6-8 mila.... qualcuno dice addirittura 10mila.
Una bella fregatura per il contribuente vista l'offerta AF.

http://www.brunoleon...spx?codice=6849

Suddividendo la compagnia di bandiera nella parte sana dalla parte malata, la prima andava ai privati senza alcuna asta di mercato, mentre la seconda veniva messa a carico dello Stato. Gli esuberi previsti erano compresi tra il 30 e il 50 per cento della forza lavoro di Alitalia e l’impegno ulteriore dello Stato sarebbe contabilizzato all’incirca in un miliardo di Euro.
Alitalia Fly, il core business dell’azienda, avrebbe mantenuto gli asset più preziosi della compagnia e sarebbe confluita nella nuova NewCo insieme ad AirOne. La cordata italiana d’imprenditori, esterni al settore aereo, avrebbero dovuto dare un chip di circa 50 milioni di euro, con la speranza che la nuova compagnia non avrebbe bruciato altri soldi.
Alitalia Fly sarebbe stata ridotta e probabilmente la nuova compagnia con alle spalle Intesa – San Paolo avrebbe avuto solamente il 20-25 per cento della quota di mercato italiana e il 4 per cento di quella europea.


Conclusione "Intesa - San Paolo, qualunque soluzione proporrà, non presenterà un piano facile ed ambizioso. Non è possibile prevedere come andrà a finire o chi vincerà la battaglia su Alitalia, ma certamente gli sconfitti sono già presenti all’appello: i contribuenti italiani."

#2
Corto Maltese

Corto Maltese
  • quasi alterum Byzantium

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 18318
Aggiungo che in questi giorni Iberia, American AirLines e un altro vettore che adesso non mi sovviene hanno annunciato un piano di fusione sul modello di quello di Delta e Southwest per poter far fronte ai pericoli odierni del mercato aereo (come il prezzo del petrolio alle stelle ed il calo fisiologico di utenti).

In parole poverissime tutti i grandi carrier internazionali si stanno unendo per poter sopravvivere agli scossoni che arriveranno nel futuro e noi italioti cosa facciamo? Pretendiamo di avere ancora la compagnia di bandiera.

Banca Intesa non salverà alitalia, si limiterà a farne un bello spezzatino in modo tale da dare grasse stock options ai dirigenti e pagare i creditori; in seguito il cadavere spolpato che ne rimarrà o sarà svenduto a prezzi di mercato del pesce a qualche compagnia araba o cinese oppure sarà ridotto al rango di vettore regionale...

#3
Otacu

Otacu
  • Il MOE deve girare...

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 32301

Banca Intesa non salverà alitalia, si limiterà a farne un bello spezzatino in modo tale da dare grasse stock options ai dirigenti e pagare i creditori; in seguito il cadavere spolpato che ne rimarrà o sarà svenduto a prezzi di mercato del pesce a qualche compagnia araba o cinese oppure sarà ridotto al rango di vettore regionale...

Che diventi un vettore regionale è più di un semplice rischio. Il che renderebbe ancora più debole tutta la ramanzina sulla "compagnia aerea di bandiera che serve al turismo e bla bla bla".


Sul prezzo del petrolio...
http://www.ilsole24o...ulesView=Libero

Le stime del budget 2008 di Alitalia sono superate dall'esplosione del prezzo del carburante, sopra i 130 dollari a barile contro gli 82 dollari del budget. Alitalia, che quest'anno avrebbe una perdita tendenziale superiore a 800 milioni, avrebbe bisogno di almeno 1,5 miliardi di nuovo cash.
Un'ipotesi all'esame è l'applicazione della legge Marzano all'Alitalia, con un commissario. Questi potrebbe affittare l'azienda di volo alla "newco", nella quale entrerebbero Air One, Meridiana e capitali freschi: così l'esborso potrebbe essere molto inferiore a quello necessario a ricapitalizzare l'Alitalia in bonis. Il conto lo pagherebbero i creditori di Alitalia, che diventerebbe una bad company con le passività e forse 4mila esuberi.

Hanno il petrolio a 82 dollari nelle stime di budget.... auguri! :ph34r:

#4
Il Dito Medioludico

Il Dito Medioludico
  • @ditomedioludico on Twitter

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 10394
  • Utente Nr: 37224
  • Feedback Mercatino: Guarda | Lascia
  • ilbodoz
  • DH IlBodoz
  • ILBODOZ
  • Special Art
Ma non doveva esserci la cordata?

:nelcesso:

#5
Otacu

Otacu
  • Il MOE deve girare...

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 32301
La cordata è una delle solite balle. Ma la vicenda è anche uno dei più classici esempi da manuale di come il controllo dei media possano controllare l'informazione.
Martellando ogni giorno è passata l'idea che vendere ad Alitalia fosse una "svendita" (non era vero ma sai quanti ci sono cascati) e che ci fosse una cordata pronta di italiani (non era vero).


Nel frattempo con le mosse del governo già si sta delineando lo scenario futuro
http://www.ilsole24o...ulesView=Libero


Alitalia separata in 2 compagnie e risanata con i soldi dello stato.
La parte buona e che fa profitti se la prendono (senza asta) a prezzo di favore Banca Intesa e Air One
La parte cattiva e i debiti se la accolla lo stato (cioè noi)
:P
In un mese Alitalia ha perso 86 milioni di euro ... ti lascio solo immaginare quanto perderebbe a spese statali la parte "cattiva" da sola :lol:

Geniale. Il capitalismo all'amatriciana. Volevamo liberarci di un baraccone e fare qualche soldo ma se andrà in porto questa soluzione invece i soldi li pagherà lo stato affinchè dei privati italiani possano fare i propri affari in sicurezza.
E saremo punto a capo.

#6
Il Dito Medioludico

Il Dito Medioludico
  • @ditomedioludico on Twitter

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 10394
  • Utente Nr: 37224
  • Feedback Mercatino: Guarda | Lascia
  • ilbodoz
  • DH IlBodoz
  • ILBODOZ
  • Special Art
Ed intanto si sono presi un botto di voti con quella campagna mediatica, che io stesso ritenevo ridicola.
Che paese di minchioni siamo

#7
Il Dito Medioludico

Il Dito Medioludico
  • @ditomedioludico on Twitter

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 10394
  • Utente Nr: 37224
  • Feedback Mercatino: Guarda | Lascia
  • ilbodoz
  • DH IlBodoz
  • ILBODOZ
  • Special Art

Geniale. Il capitalismo all'amatriciana. Volevamo liberarci di un baraccone e fare qualche soldo ma se andrà in porto questa soluzione invece i soldi li pagherà lo stato affinchè dei privati italiani possano fare i propri affari in sicurezza.
E saremo punto a capo.

E guarda caso uno di questi ci governa :sisi:

#8
Riverbero

Riverbero
  • Una vita inclinata a 30 gradi

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 17934
No contraddittorio?

#9
Dagoth Vemyn

Dagoth Vemyn
  • Name's Eye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 8596

No contraddittorio?



difficile farlo, in questo caso :D

#10
Hecks

Hecks
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 13169
Tutta colpa di 'ilvio... :nono:

#11
Dagoth Vemyn

Dagoth Vemyn
  • Name's Eye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente
  • Messaggi: : 8596

Tutta colpa di 'ilvio... :nono:


no, assolutamente non tutta sua, ma sicuramente ha contribuito :D

direi che è innegabile :sisi:

che poi anche i sindacati abbiano la loro parte di responsabilità è più che vero :rolle:

#12
Hecks

Hecks
  • HardBlackEye

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 13169

no, assolutamente non tutta sua, ma sicuramente ha contribuito :D

direi che è innegabile :sisi:

che poi anche i sindacati abbiano la loro parte di responsabilità è più che vero :rolle:

E chi aveva effettivamente(?) le redini politiche della vendita di Alitalia lo dimentichiamo? :D

Modificata da Hecks, 11 July 2008 - 01:31 AM.


#13
angelfire

angelfire
  • Eye Bastard

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 5192
  • Utente Nr: 16235
  • Feedback Mercatino: Guarda | Lascia
  • ismaelangelfire
  • ismaelangelfire
Io so solo 2 cose:

1. Che sta per scadere anche il prestito ponte di 3 mesi varato all'inizio di questo governo

2. Che gli attuali imprenditori che timidamente si presentano alla porta propongono tagli del personale ben maggiori (diciamo sui 5.000 dipendenti) in confronto ai 2.000 proposti dalla tanto vituperata offerta di Air France


Ps. Il problema per me non è mantenere o no in vita la compagnia di volo nazionale..........ma le migliaia di famiglie che potrebbero finire in mezzo alla strada se non si trova una soluzione :sisi:

Però effettivamente l' "emergenza intercettazioni" e l'immunità per le più alte cariche dello stato sono un problema più impellente per questo paese che si impoverisce ogni giorno di più :sisi:

#14
Otacu

Otacu
  • Il MOE deve girare...

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: [Mod]Moderatore
  • Messaggi: : 32301
Beh le famiglie per strada ci finiscono comunque... ed è purtroppo naturale quando un'azienda va male .... o MALISSIMO come Alitalia.
La differenza sta proprio in quante famiglie verrebbero penalizzate coi differenti piani. Per Banca Intesa si era parlato di tagli di 10000 dipendenti. Voci probabilmente esagerate ma certo preoccupanti.
Entro un mesetto però arriverà questa offerta della Banca quindi si potrà fare più chiarezza. ^_^

#15
XX-YY-ZZ

XX-YY-ZZ
  • Eye Master

  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • Gruppo: Utente Pro
  • Messaggi: : 27784
sul televideo ho letto una dichiarazione di Berlusconi: pare che addirittura abbia dovuto dire di non ad alcuni imprenditori!!!!! la cordata l'avrebbe fatta.

Modificata da creonte, 18 July 2008 - 11:14 AM.





Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi